.
contributo inviato da Achille_Passoni il 24 ottobre 2012


Continuano a venire alla luce scandali che riguardano Finmeccanica, e la posizione dell’amministratore delegato Orsi è sempre più insostenibile. Stiamo parlando di un Gruppo industriale che ha un giro d'affari di oltre 20 miliardi, che dà lavoro a circa 75mila persone e opera in settori cruciali per il futuro industriale del Paese: non è più tollerabile che sia gestito dagli attuali vertici, incapaci di elaborare una strategia per aumentare la competitività e la presenza del Gruppo sul mercato e di fare pulizia rispetto all’alone di corruzione e malaffare che aleggia sull’azienda.

Da tempo sollecito il Governo a intervenire sulle scelte incomprensibili compiute da Orsi riguardo alla svendita del settore civile e all’abbandono di settori come i trasporti e l’energia. Per troppo tempo si è lasciato che il vertice di Finmeccanica - impresa pubblica, è bene ricordarlo - assumesse decisioni che producono effetti negativi rilevantissimi su comparti produttivi d'interesse strategico e sulle migliaia di persone che lavorano per aziende come AnsaldoBreda.

Più passa il tempo, più appare evidente l’inadeguatezza di Orsi a guidare l’azienda: è indispensabile dare fiato a Finmeccanica e liberarla dagli amministratori incapaci. Il Governo, se c’è, batta un colpo.
TAG:  FINMECCANICA  TOSCANA  ANSALDOBREDA  POLITICA INDUSTRIALE  GOVERNO  ORSI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork