.
contributo inviato da professional consumer il 22 ottobre 2012

 Di fronte ad un sistema produttivo che mostra i segni dell'usura, si tenta di fare ognuno per sè.

Prevedere l'assegnazione di mansioni inferiori e la possibilita' di incrementare i tempi di lavoro:

queste le proposte che Confindustria, Abi, Rete Imprese Italia, Ania e Alleanza delle Cooperative hanno presentato ai sindacati nel corso dell'incontro sulla produttivita'.

Eggià, la produttività, per le Imprese sta nel produrre riducendo i costi aumentando i ricavi e farsi magari più competitive.

Se tanto mi da' tanto, sul mercato arriveranno ancora più merci e più appetibili per Consumatori inappetenti, con meno redditi e più ore di lavoro sul groppone.

Essipperchè l'altra produttività, quella che i Consumatori mettono in campo, sta nell'aumentare la redditività del proprio reddito; nell'acquistare spendendo meno.

Affrancati dal bisogno possono farlo; con un ancor più ridotta capacità di spesa, lo debbono.

Ma, porc...., per far fronte alla crisi Produttori e Consumatori mettono in campo strategie di produttività confliggenti!

Signori, operatori di un mercato scassato, nell'attesa messianica di un Dio per tutti che rimetta insieme i cocci si può tentare una iperbole: mettere in campo le risorse disponibili per riavviare quel moto produttivo, circolare, e renderlo perpetuo.

Circolare, appunto, nella sequenza continua di produzione e consumo.

Tra le risorse estratte dalla produttività delle Imprese, per esempio, ci sta quel profitto che remunera il rischio; se investito per smaltire il prodotto, fornirà propellente al reddito che spinge la spesa, annullando proprio il rischio d'Impresa aumentando però gli utili.

 

Mauro Artibani

Studioso dell’Economia dei Consumi

www.professionalconsumer.wordpress.com

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork