.
contributo inviato da team_realacci il 24 settembre 2012

Roma, 24 settembre 2012


“Vanno nella giusta direzione le parole del ministro Catania. Valutare la portata scientifica dello studio francese sul mais geneticamente modificato e andare in fondo alla questione sanitaria legata all’uso degli Ogm in agricoltura. È proprio questo il senso dell’interrogazione parlamentare che ho presentato ai ministri della Salute e delle Politiche Agricole. Al di là della questione sanitaria, il futuro dell’agricoltura italiana non è legato agli Ogm. L’agricoltura italiana è un settore da guinnes, con i suoi 239 prodotti tipici, un fatturato al consumo di quasi 10 miliardi e oltre un milione di ettari condotti con metodo biologico. Un settore che è cresciuto nel segno della qualità, che da un contributo importante all’attrattività del made in Italy nel mondo e che non può che svilupparsi ulteriormente scegliendo la via dell’eccellenza”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile Green economy del Pd, commentando le dichiarazioni rilasciate oggi dal ministro Catania sullo studio francese sugli Ogm.


Ufficio stampa On. Realacci

TAG:  OGM  STUDIO  FRANCESE  MAIS  GENETICAMENTE  MODIFICATO  CATANIA  INTERROGAZIONE  MINISTRI  SALUTE  AGRICOLTURA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork