.
contributo inviato da prometeo10 il 13 settembre 2012
           

Il sorriso in bocca e il serpente tra le mani.

 

Il profitto nel capitalismo è determinato da una quota del lavoro non pagata al produttore. E’ il plusvalore. Il lavoro è creatore di valore e la forza lavorativa ha la proprietà di generare valore. La forza lavoro dell’essere umano diventa una merce. Il lavoratore vende la sua forza lavoro al proprietario della terra, della fabbrica, degli strumenti di produzione. Nella produzione di beni chi lavora impiega una parte della giornata per coprire le spese del suo mantenimento ( il salario), l’altra parte la lavora gratuitamente, creando il plusvalore, fonte del profitto, fonte della ricchezza dei capitalisti. Costoro comprano la forza lavoro ed acquisiscono il diritto di consumarla, ossia di obbligarla a lavorare per esempio per otto ore. In quattro ore (tempo di lavoro necessario) il lavoratore produce un prodotto bastante per le sue spese di mantenimento, nelle rimanenti crea un prodotto supplementare, non pagato, ossia il plusvalore. L’aumento del plusvalore è possibile grazie a due metodi fondamentali: il prolungamento della giornata lavorativa ( plusvalore assoluto) e la riduzione della giornata di lavoro necessaria ( plusvalore relativo).Nell’analisi della produzione del plusvalore relativo vi sono tre fasi storiche basilari nell’aumento della produttività del lavoro da parte del capitalismo: cooperazione semplice, divisione del lavoro e manifattura, macchine e grande industria.  Questa realtà determina i rapporti di produzione e le classi sociali, che realisticamente vengono ad avere interessi distinti e contrapposti, che solo la massiccia propaganda ideologica della classe dominante, con l’aiuto delle credenze religiose, tende a nascondere. Nell’attuale situazione, per esempio, si cerca di propagandare che “bisogna salvare l’Italia”: In Portogallo, in Grecia, in Irlanda, in Spagna diranno la stessa cosa. Ma quale Italia? Quale Grecia? Quale Portogallo? Quale Irlanda? Quale Spagna? Quella del profitto e della rendita, di cui le banche sono un centro importante. Non certamente quella del salario e dei produttori. In questi anni sono stati dati alle banche migliaia di miliardi di euro e dollari. Per chi perde il lavoro o è disoccupato spesso non ci sono neanche le briciole. La volontà ultima del governo dei professori banchieri è quella di alzare la produttività aumentando l’orario di lavoro  a costo zero. Questo obiettivo va nella direzione di elevare il livello di estrazione di plusvalore e di sfruttare ulteriormente i lavoratori, senza toccare i privilegi della rendita e quindi dell’evasione ed elusione fiscale, della corruzione, del lavoro nero. D’altronde in questi mesi dell’ultimo governo, al di là della propaganda, si è andati con l’accetta solo contro i lavoratori ed i pensionati. Per le altre categorie nulla è cambiato. Si vuole aumentare l’orario di lavoro, dopo aver elevato l’età pensionabile, e ci si riempie la bocca di pseudo misure per la lotta alla disoccupazione, specialmente giovanile, facendo tornare indietro negli anni anche i cinquantenni ed i sessantenni. Questi signori hanno “il sorriso sulla bocca ed il serpente tra le mani”. Si dimentica che la minor crescita della produttività italiana, che in valore assoluto è tra i primi posti nel mondo, è dipesa e dipende  in primo luogo dalle piccole dimensioni delle unità produttive, dallo scarso livello tecnologico delle stesse e delle produzioni e dalla legalità. Non ci si piega altrimenti come il salario medio di un lavoratore tedesco sia più che il doppio del collega italiano e la produttività della Germania sia superiore.  Voglio ancora ricordare che le ore lavorate in Italia sono superiori a quelle della Germania ed hanno una posizione primaria nella classifica mondiale. Al contrario in Italia vi sono piccoli negozi pari alla totalità della Francia e della Germania, vi sono il doppio dei distributori di benzina, vi sono meno taxi, vi sono innumerevoli leggi, vi è più corruzione, più evasione fiscale e contributiva. La spesa pubblica, finanziata per il 90% dai lavoratori dipendenti e pensionati , per la sanità è più bassa degli altri Paesi industrializzati, così pure la spesa per l’istruzione e per le pensioni, che hanno sempre visto in attivo la cassa dei lavoratori dipendenti. In Italia sulle spalle dei lavoratori vi è il profitto e tanta rendita, che solo lo storico livello dei salari bassi fa sì che la realtà non muti. Il governo dei professori banchieri non ha sciolto i nodi storici del capitalismo italiano. Come i governi precedenti ha operato per aumentare il plusvalore estratto, senza toccare le palle al piede del sistema italiano. Difatti, nonostante le manovre, la spesa pubblica è aumentata. Voler aumentare l’orario di lavoro ha un solo obiettivo: incrementare il plusvalore estratto. In questo modo il profitto e la rendita, nonostante la congiuntura negativa potranno continuare a vivere bene. E’ un ulteriore modo, dopo la riforma delle pensioni, per accrescere i disoccupati di qualsiasi età, al di là della propaganda e delle illusioni propinate dal governo, dai partiti, dai novelli demagoghi, dai mass-media. D’altronde “l’esercito di riserva” dei disoccupati è un cardine del sistema per tenere basso il salario e negare qualsiasi diritto, anche quello della salute, vedi Ilva. Se si vuole lottare per l’occupazione bisogna porsi come obiettivo la riduzione dell’orario di lavoro, che significherebbe meno plusvalore estratto e che porterebbe ad una riduzione di parte del profitto elargito alla rendita. Se si vuole garantire un minimo di qualità della vita a tutti, bisogna lottare per il reddito minimo, già presente in Francia e Germania, ove è, addirittura, superiore in quantità al salario italiano.  I sindacati, diretti da individui collegati agl’interessi dei partiti, come sempre, faranno finta di opporsi e poi svenderanno gl’interessi dei lavoratori per il bene del Paese. Ma quale Paese? Quello del profitto e della rendita. D’altronde  il loro ruolo è di “governare” il malessere, fare i pompieri del capitalismo. Solo un sindacato di classe farebbe gl’interessi dei lavoratori. E’ chiaro che, se non si è per il superamento dei rapporti di produzione e delle classi, che i demagoghi siano vecchi o giovani fa poca differenza per chi è costretto a vendere la propria forza lavoro.

L’emancipazione delle classi lavoratrici deve essere effettuata dalle stesse classi lavoratrici!

“Ciò che conta non è che cosa questo o quel proletariato, o anche tutto il proletariato, si rappresenta temporaneamente  come fine. Ciò che conta è che cosa esso è e che cosa esso sarà costretto storicamente a fare in conformità a questo suo essere…

Se l’uomo è formato dalle circostanze, si devono rendere umane le circostanze. Se l’uomo è sociale per natura, egli sviluppa la sua vera natura solo nella società, e la potenza della sua natura deve trovare la sua misura non nella potenza dell’individuo singolo, ma nella potenza della società”

Marx

TAG:  AMORE  PACE  LIBERTÀ  FRATELLANZA  UGUAGLIANZA  GIUSTIZIA   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
22 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork