.
contributo inviato da baratt0907 il 8 agosto 2012

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI.....UN GRAZIE MOLTO MALDESTRO


Nel numero 1 - luglio 2012 - dell'Informatore di Pompiano (periodico a cura dell'Amministrazione Comunale ) l'assessore Comincini ringrazia la Regione Lombardia per i fondi pervenuti.

Ovviamente nel ringraziamento ci uniamo anche noi, anzi, sottolineiamo il nostro orgoglio di appartenere al popolo lombardo.

Dopo tale precisazione dobbiamo evidenziare che a nostro sommesso parere l'articolo in questione è farcito di assurdità e inesattezze. Ci limitiamo soltanto a fare alcune osservazioni preliminari.

Il verbo del nostro Assessore più che informazione sembra fare della propaganda di parte a buon mercato e una pelosa e penosa riverenza ai propri referenti politici e per di più su un periodico “pagato” con soldi pubblici. Se proprio gli prudeva farlo, avrebbe dovuto usare i manifesti del suo partito o del sul schieramento politico e non un periodico comunale sul quale, per inciso, è sempre stata negata la possibilità alla minoranza consigliare di presentare le proprie posizioni. Alla faccia del confronto politico.


In esso, tra l’altro, si definisce vergognosa l'IMU. A questo proposito riteniamo che l'aggettivo vergognoso sia appropriato, ma non riferito all’imposta ma per definire quei politici che hanno soppresso l'ICI per scopi propagandistici mettendo in difficoltà le Amministrazioni Comunali e di conseguenza obbligando il nuovo Esecutivo a ripristinare quella tassa, per porre un argine alla deriva economico-finanziaria che l’indecente Governo precedente ci ha lasciato in eredità (Comincini non si ricorda l'ultima campagna elettorale del suo amato Silvio?).

Se poi l'Assessore trova vergognosa tale tassa, almeno la applichi nel nostro Comune con l'aliquota più bassa, visto che l’Amministrazione ne ha facoltà, senza dimenticare che la tanto odiata IMU è stata istituita proprio dal Governo Berlusconi-Bossi-Tremonti che ha dovuto rassegnare le dimissioni lo scorso autunno per manifesta incapacità d’azione, abile indiscusso invece soltanto in bugie e barzellette.


Per quanto concerne i vari argomenti trattati dal nostro assessore ai Lavori Pubblici, vediamo che dedica particolare attenzione ai Camminatori assunti dalla Regione Sicilia e che nell'arco di un ventennio costeranno all'Erario circa 20 milioni di Euro.


La notizia ha urtato anche noi, ma dobbiamo sottolineare che i famosi trenta camminatori si aggiungeranno ai 16.970 impiegati e dirigenti che già la regione sicula ha in organico e che ognuno costa molto più dei camminatori (come ben evidenziato dalle varie inchieste apparse sul Corriere).


Ebbene caro Comincini quando il governo siciliano, con un governo di destra a Roma, assumeva questi 16.970 (diconsi sedicimilanovecento settanta) perché non hai protestato?


Perché i tuoi governanti non si sono dimessi? Come mai ti dimentichi che la Sicilia da decenni è governata da giunte di destra, alle quali i tuoi referenti hanno sempre strizzato l’occhiolino?


Sulle affermazioni riguardanti il Governatore “celeste” aspettiamo l'iter giudiziario, anche se riconosciamo al nostro Assessore l’attenuante di una certa “sfiga”: non era ancora terminata la consegna de L'informatore che la Procura di Milano iscriveva Formigoni nel registro degli indagati! Se non è sfiga questa!


Dobbiamo tuttavia sottolineare che noi del PD per simili circostanze preferiamo attendere l'esito dei processi ( si veda un nostro articolo di recente pubblicazione a proposito del vice presidente della regione Boni) e, diversamente da quanto fatto dalla Lega Nord, non affiggiamo manifesti offensivi come quelli sull'affaire Penati. Oltretutto, alla faccia della coerenza, non ne abbiamo visti di simili quando a finire sotto le lenti delle Procure sono stati illustri politici leghisti e altri sodali.


Però una cosetta la vogliamo dire: dalle notizie di stampa pare che circa 80 milioni siano finiti da una clinica lombarda (ben sovvenzionata proprio dalla Regione, tanto incensata) nelle tasche di un privato. Beh, con quella ottantina di milioni si facevano quattro “progetti regionali di pompe di calore”.


L'affermazione che il Nord è sotto attacco da parte del governo o di forze occulte (ancora i poteri forti?) presieduto dal milanese Monti circondato da tutti uomini (e donne) del nord ci sembra abbastanza strampalata o frutto di vaneggiamenti da calori estivi.


Così pure il continuo richiamo al federalismo come panacea di tutti i mali.


Vogliamo chiarire una volta per tutte che il federalismo, se e quando prenderà concretamente forma, produrrà benefici solamente nel lungo termine e che al momento è poco più che un’illusione, dal momento che i provvedimenti di legge in tal senso richiedono tutta una serie di provvedimenti attuativi da adottare con molta attenzione e cognizione di causa e non con slogan privi di consistenza, buoni soltanto per ammansire poveri gonzi? Non solo, ma al nostro Assessore va ancora una volta ricordato che negli ultimi vent’anni siamo stati lungamente governati da un centro destra che annoverava tra i suoi esponenti più noti tal Umberto Bossi, Ministro per le Riforme. Se proprio avevano a cuore il Federalismo, perché non si sono dati da fare in tutti questi anni, anziché starsene incollati alle poltrone del potere romano?


Inoltre ci ha molto colpito l'attacco ai media sulla demonizzazione degli operatori autonomi, subissati da tasse, additati all'opinione pubblica come evasori in Suv, impauriti da debiti e controllori e alla fine obbligati ad espatriare. Il nostro esimio Assessore termina le proprie litanie ironizzando sul fatto che il PIL nel prossimo futuro lo produrrà Equitalia, agenzie di rating, i dipendenti statali ecc.


Qualche piccola precisazione siamo obbligati a farla:


  • il prodotto interno lordo è il frutto di tanti fattori, ma in ultima istanza sopratutto dei lavoratori dipendenti: la FIAT, per esempio, non produce risultati se non ci sono gli operai!


  • Equitalia è un ente che ha un preciso compito da adempiere per il bene di tutta la comunità. Un assessore, nel suo ruolo istituzionale e sul bollettino comunale non può permettersi di demonizzarla. Soprattutto se fa parte di uno schieramento politico che per la maggior parte dell’ultimo ventennio ha governato, o per meglio dire, ha dilapidato il nostro Paese, aggiungendo una montagna di debiti sulle spalle dei cittadini. Se proprio Equitalia è ed era la Spectre italiana, come mai i “sognatori padani” in carica non hanno fatto niente in tutti questi anni per sconfiggerla. Domanda: ma il sindaco e gli altri componenti della Giunta non hanno nulla da eccepire su questo argomento?


  • Inalberarsi contro la Guardia di Finanza che ha effettuato ispezioni a Cortina e nelle località di villeggiatura è semplicemente ridicolo. Cosa vuole l'assessore che la Gdf scovi gli evasori alla festa degli alpini? Ma mi faccia il piacere!


  • Sull'evasione degli autonomi qualche domanda ce la dobbiamo porre. Partendo dai dati nazionali si evince che il reddito medio dei gioiellieri ammonta a poco più di 15.000 euro annui, ovvero all'incirca la “paga” di un operaio semplice. Ma a noi pare che con quei 15.000 euro l'operaio conduca una vita ben diversa da quella del gioielliere. Dove sta il trucco? Ce lo spieghi il nostro Assessore, così proviamo anche noi, operai, impiegati e pensionati a vivere come i gioielleri.


  • Se invece guardiamo nell'ambito locale e più precisamente in casa nostra, cioè a Pompiano, non abbiamo dati recenti sui redditi dei contribuenti pompianesi ma, come ben sa l'Assessore, gira a Pompiano l'elenco dei redditi relativi all'anno 2005 pubblicati a suo tempo sul sito internet del Ministero delle finanze e poi immediatamente ritirato. Ebbene da una semplice disanima si evince che in Pompiano ci sono lavoratori autonomi (imprenditori, artigiani e commercianti) che in un anno hanno guadagnato anche meno di 3.000 euro cioè 250 euro al mese e nonostante ciò conducono una vita agiata e portano i figli a scuola con macchinoni e, magari, presentano pure la dichiarazione ISEE per pagare meno retta dell'asilo.


Pertanto a questo punto non ci resta che concludere con quanto affisso sulla nostra bacheca: IL MOMENTO E' GRAVE SIAMO SERI!


Circolo PD di Pompiano




TAG:  QUALCHE RIFLESSIONE SU L'ULTIMO BOLLETTINO POMPIANESE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 novembre 2008
attivita' nel PDnetwork