.
contributo inviato da generosobruno il 11 luglio 2012

 

“La convocazione dei lavoratori AsTec - su iniziativa di Antonio Marciano e Rosa D’Amelio - in audizione presso la terza commissione regionale alle attività produttive, è un primo impegno mantenuto con i lavoratori dopo l’incontro di Napoli svolto a margine della Conferenza nazionale per il Lavoro promossa dal Partito Democratico.
La vertenza AsTec è lo specchio del progressivo logoramento del rapporto tra Fiat e Paese. In questa fase, a pagare lo scotto della crisi, oltre alle aziende dell’indotto restano, per prime, quelle società che come l’AsTec, all’interno degli stabilimenti Fiat, svolgono mansioni di servizio. Il mancato ”insourcing“ dei circa novanta lavoratori AsTec è, quindi, un grave segnale d’allarme. La condizione debitoria, prima, stranamente, tollerata dalla Fiat ha finito con il divenire il pretesto per dare il benservito ad 86 lavoratori che da oltre dieci anni, per Fiat, in FMA sono stati parte integrante e non sostituibile nei processi di produzione dello stabilimento di Pratola Serra. Quello di oggi è stato il primo passo per poter garantire a questa vertenza l’attenzione che merita all’interno dell’attuale partita sull’automotive in Irpinia ed in Campania”.
 
TAG:  PARTITO DEMOCRATICO  PD  AVELLINO  FIAT  IRPINIA  REGIONE CAMPANIA  FMA  GENEROSO BRUNO  PRATOLA SERRA  ATTIVITÀ PRODUTTIVE  ASTEC  ROSA D'AMELIO  ANTONIO MARCIANO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 giugno 2009
attivita' nel PDnetwork