.
contributo inviato da Achille_Passoni il 28 giugno 2012

 
Un pezzo di Italia che batte la crisi è in Toscana, nel Valdarno. È il distretto tra Pisa e Firenze che in questo momento sta evidenziando buone performance, trainato dalla domanda dei prodotti di lusso. In breve, qualche cifra: nell'area fiorentina sono 2.150 le aziende del settore cuoio e pelle che impiegano 15.000 addetti, con un ricavo di 3 miliardi annui pari a 2,2 miliardi dell'export nazionale nel 2011.

Il settore della pelletteria di lusso fa registrare nuove assunzioni di manodopera specializzata per fare fronte alle commesse globali in crescita: i giovani stanno tornando nei laboratori e nelle aziende della pelletteria toscana. Il distretto del lusso cresce a ritmo sostenuto da un triennio, dopo la crisi del 2008/2009 che ha cancellato tante imprese, soprattutto quelle più piccole dell'indotto, e le stime degli analisti allungano la dinamica positiva ai prossimi 4 e 5 anni.. 

Nel primo trimestre del 2012, secondo l'ultima rilevazione del centro studi di Intesa Sanpaolo, l'export del distretto fiorentino ha toccato i 618 milioni, contro i 539 del 2010. Non solo Gucci, Ferragamo, Prada, Braccialini, ma anche grandi brand esteri come Louis Vuitton e Dior. E si stanno affacciando altri marchi giovani dagli Stati Uniti, dal Brasile e dall'Asia. Con una crescita attesa del 20/30% nel medio periodo, per coprire la domanda mondiale potrebbero crearsi dai 2 ai 3 mila posti di lavoro, sempre che non intervengano nuovi cataclismi economici internazionali.

Il mercato mondiale chiede il lusso made in Italy, e quello toscano è il polo di eccellenza mondiale nella filiera cuoi, pelle, calzature. Il distretto del lusso sembra avere tutte le caratteristiche per uscire dalla crisi: qualità del prodotto, manodopera specializzata, una filiera efficiente. Un bell’esempio di sistema industriale controcorrente, che funziona anche ai tempi della crisi.
TAG:  LAVORO  ECONOMIA  TOSCANA  INDUSTRIA  LUSSO  MANIFATTURA  VALDARNO  CUOIO  PELLI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork