.
contributo inviato da Achille_Passoni il 15 giugno 2012


La Regione Toscana ha varato un pacchetto di incentivi per le aziende che assumono donne con oltre 40 anni di età, disoccupati o inoccupati, persone diversamente abili e svantaggiate. Vengono messi a disposizione 5 milioni e 700 mila euro con l’obiettivo di contrastare le difficoltà che impediscono una più larga partecipazione delle donne e dei soggetti più deboli al mercato del lavoro. Un’ottima iniziativa, specie in un momento di crisi come questo in cui diminuiscono le possibilità di impiego. 

Il bando riprende e potenzia misure varate negli anni precedenti, punta a favorire quattro diverse tipologie di lavoratori: donne over 40, disoccupate o inoccupate; donne o uomini che abbiano compiuto il cinquantesimo anno di età; soggetti diversamente abili iscritti al collocamento mirato (legge 68 del 1999); soggetti svantaggiati iscritti ai centri per l’impiego come invalidi, malati psichici, alcolisti.?Il meccanismo previsto è un sistema di incentivi che si rivolge ai datori di lavoro e prevede criteri di assegnazione particolarmente innovativi: la differenziazione degli importi sulla base del profilo di occupabilità dei lavoratori, che progressivamente aumentano all'aumentare delle possibilità di impiego.

L'iniziativa pone la Toscana all'avanguardia a livello nazionale, e indica una sensibilità particolare nei confronti di quella fascia di lavoratrici e lavoratori tra i 45 e i 64 anni che sono cresciuti di quasi il 20% in un solo anno. È una fascia di età particolarmente a rischio, gravata da pesanti risvolti psicologici e sociali. Misure del genere servono proprio a superare i tanti drammi sociali che si stanno diffondendo in Toscana così come nel resto del Paese.
TAG:  LAVORO  DONNE  OCCUPAZIONE  DISABILI  TOSCANA  DISOCCUPATI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork