.
contributo inviato da Achille_Passoni il 14 giugno 2012


È davvero incredibile il balletto di cifre che riguarda gli esodati. La relazione dell’Inps al Ministero del Lavoro - si badi bene, inviata prima della firma del decreto che fissa a 65mila in numero dei salvaguardati e tenuta nascosta sino ad oggi - parla invece di più di 390mila persone, una cifra enorme di lavoratori che vivono una situazione di drammatica ansia e incertezza, attanagliati dalla paura di restare senza pensione e senza reddito.  

È una situazione davvero grottesca di cui sono responsabili i vertici dell’Inps e il ministro Fornero, che hanno giocato sull’ambiguità e la difficoltà di quantificare con certezza la platea degli esodati permettendo che si arrivasse alla situazione odierna, in cui l’incertezza regna sovrana. Stiamo parlando - lo ricordo ancora una volta - di persone che hanno lavorato per tanti anni e che magari a causa di una crisi o ristrutturazione aziendale sono state costrette a lasciare anzitempo il posto di lavoro, nella certezza che a distanza di pochi anni sarebbero giunti alla pensione.  

E adesso lo Stato, oltre ad aver cambiato le regole in corsa, si permette di mantenere un’ambiguità inaccettabile su chi potrà effettivamente andare in pensione in base agli accordi precedentemente stabiliti e chi invece rischia di trovarsi all’improvviso con le spalle al muro, senza reddito per chissà quanti anni.  

Tutta la vicenda ha l’aria di una terribile presa in giro. Il Governo ha sbagliato, ora deve rimediare con una norma generale che risolva immediatamente il problema e garantisca a tutta la platea di esodati - nessuno escluso - il riconoscimento di quello che è un loro diritto. E il Ministro, che verrà martedì in Senato, è tenuto a spiegare al Paese con chiarezza il perché di questa mancanza di trasparenza sulle cifre: e soprattutto dia certezze di soluzione del problema per tutti.
TAG:  PENSIONI  INPS  ESODATI  LAVORO  RIFORMA PENSIONI  FORNERO  WELFARE   

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork