.
contributo inviato da team_realacci il 9 giugno 2012
Roma, 9 giugno
 
“Il Governo è schizofrenico se, dopo gli allarmi lanciati, non vara un coerente piano di prevenzione antisismica, come richiesto anche dal Presidente Napolitano. Le misure da cui partire sono due: estensione e stabilizzazione del credito di imposta del 55% previsto per il risparmio energetico al consolidamento antisismico degli edifici per mettere in sicurezza gli edifici privati. Modifica del patto di stabilità per consentire alle istituzioni che hanno risorse disponibili di intervenire sugli edifici pubblici dando priorità a scuole e ospedali, considerando che oltre il 50% delle scuole italiane oggi non è sicuro. Si tratta di misure che rappresentano anche uno straordinario strumento di rilancio di un settore importante come l’edilizia che attraversa una crisi particolarmente grave. Il sistema di agevolazione fiscale del 55 per cento si è dimostrata una misura di grande importanza: ha attivato oltre 1.400.000 interventi, per circa 17 miliardi di euro di investimenti, e la creazione di oltre 50 mila posti di lavoro all’anno nei settori coinvolti, soprattutto nelle migliaia di piccole e medie imprese. Il nostro paese ha bisogno di un vero piano per rilanciare l’edilizia, nel segno della qualità, del risparmio energetico, della sicurezza antisismica”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del PD.
 

Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  PIANO  PREVENZIONE  ANTISISMICA  TERREMOTO  EMILIA  CREDITO DI IMPOSTA  55%  RISPARMIO ENERGETICO  CONSOLIDAMENTO  ANTISISMICO  EDIFICI  GOVERNO  SCHIZOFRENICO  PATTO  STABILITÀ  SCUOLE  OSPEDALI  RILANCIO  EDILIZIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork