.
contributo inviato da Marco.Bonfico il 10 giugno 2012
L'EROSIONE SOCIALE
Rigore e sviluppo

L'intervento del governatore di Bankitalia Ignazio Visco sposta la visione complessiva sui tagli di spesa in modo da non compromettere lo sviluppo generale, da qui un invito nel perseguire l'obiettivo primario dell'eliminazione dei costi intrinsechi connessi al mantenere uno Status quo dei poteri forti.

Il problema principale viene dalle banche che remunerano in modo eccessivo le 1.136 cariche dei primi dieci gruppi e inoltre favoriscono cordate da loro partecipate aumentando di fatto i costi gestionali da qui il conflitto d'interessi spaziale che influisce anche sui pagamenti della P.A. In quanto il ritardato pagamento di circa 90 miliardi di euro permette un giro di affari di oltre 134 miliardi ed hanno il coraggio di chiedere il 5 per mille compresa Confindustria.

Secondo uno studio di Medio banca le società quotate pagano solo l'aliquota (IRES + IRAP) del 18,8% e le medie imprese pagano il 34,6% a differenza che gli operai pagano sul reddito minimo la somma del 23%.

L'esposizione economica riguardo la Grecia in base alle somme già versate è di 340 miliardi di euro di cui solo 21 miliardi Germania, 29 Italia, 25 Francia quindi la Germania predica ma non paga.

Non parliamo più dei derivati che per ogni euro reale vi sono 12 falsi garantiti dalle banche nei giochi borsistici.

Le previsioni d'entrate a mio avviso sono in linea con i modello recessivo e terremoti pari al 2.9% a 3,447 miliardi di euro.

Sono da mettere in conto le fughe di capitali di 274 miliardi verso Germania, Lussemburgo e Olanda nel frattempo emerge la contrazione del mercato trainante BRIC.

I tagli devono partire da Regioni lillipuziane (Molise e Aosta) e Provincie create al solo scopo di aumentare i centri di spesa politici, i servizi minimi essenziali sono erogati da Comuni con più di 3.000 abitanti pertanto solo diminuendone il numero si diminuisce la spesa pro capite, segue il censimento del 2011: fino a 1.000 abitanti sono 1.096; fino a 2.000 abitanti sono 1.615; fino a 3.000 abitanti sono 993; fino a 4.000 abitanti sono 678; fino a 5.000 abitanti sono 471; fino a 10.000 abitanti sono 1.187.

Perciò tutti i costi sono scaricati sui giovani che sono stati tagliati dal benessere economico (PDL e Lega insegnano).

Per finire parliamo dell'IMU imposta voluta da PDL e Lega a partire dal 2013, quando l'ICI fu cancellata sulla prima casa nel 2008 per favorire il proprio elettorato (grandi proprietà) scaricando il peso complessivo sulla fiscalità generale compreso il salvataggio Alitalia e il ponte sullo stretto, il colmo è che la disobbedienza fiscale voluta dalla Lega e frange di altri partiti non copre al momento la somma necessaria al bisogno per coprire il debito maturato con le ultime finanziarie Tremontiane, pertanto saranno riparametrate le spese con i relativi aumenti generali alla faccia dei contribuenti onesti. (per inciso stiamo pagando all'Europa i debiti degli evasori quote latte leghisti)

Meditate italiani, meditate.

Basiano 10 giugno 2012
Marco Bonfico
TAG:  AMBIENTE  LAVORO  PARTITO DEMOCRATICO  PD  CULTURA  DS  MARGHERITA  VELTRONI  DONNE  WALTER VELTRONI  PRIMARIE  PARTITODEMOCRATICO  SICUREZZA  FORMAZIONE POLITICA  ENTI LOCALI  LANUOVASTAGIONE  PDMARSICA  WALTERVELTRONI  UNIVERSITÀ E RICERCA  CURA E POLITICHE SOCIALI FINANZA  FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI  ENERGIA E MUTAMENTI CLIMATICI FAMIGLIA  POLITICAECONOMIA E FINANZE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork