.
contributo inviato da galileo2009 il 8 giugno 2012

La miopia e l'autolesionismo dei dirigenti del P.D. non hanno limiti e l'ultima riprova ne è la vergognosa nomina spartitoria dei membri delle cosiddette Authority che così lottizzate sono solo carrozzoni utili  per esercitare il potere di interdizione o di inciucio fra i partiti e a rimpinguare lautamente il portafoglio dei nominati, cioè della casta.

Il P.D. non ha una linea condivisa su niente:

1) non sulla legge elettorale e sul futuro assetto istituzionale del paese;

2) non sul lavoro;

3) non sui diritti civili;

4) non sulle alleanze.

La classe dirigente del partito è inamovibile e ingessata fra i vari gruppi di potere :

1) D'Alema con la sua aria di superiorità, così sprezzante e supponente, aspirante Machiavelli, che finora  però  non ne ha azzeccata una;

2) Veltroni, il grande elettore dei vari Calearo e Binetti, doveva andare in Africa, ma è sempre lì a far danni;

3) Fioroni e compagnia adatti senz'altro per un partito confessionale, non certo per un partito democratico (fra l'altro, dato non trascurabile, votati da noi laici turandoci il naso e non certo dai clericali per i quali c'è il più affidabile Buttiglione ecc.).

Certo la tentazione è forte di dire "muoia Sansone con tutti i filistei " e di mandarvi a quel paese, perché cambiare è d'oobligo, ma voi non cambiate!!!           Galileo2009

TAG:  ULTIMA CHIAMATA PER IL P.D. 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 ottobre 2009
attivita' nel PDnetwork