.
contributo inviato da To_sow_a il 15 maggio 2012
Dalle indiscrezione che girano sul web emergono due notizie: 

1) il ddl anti-corruzione va a rilento 
2)la seduta pomeridiana che doveva decidere sul dimezzamento dei rimborsi è andata quasi deserta, presenti solo 20 deputati.

Ma non vi vergognate? 
Dalla data del primo turno alle amministrative rompete le balle con l'anti-politica di Grillo e poi quelli che fanno vera anti-politica siedono in Parlamento, fanno ostruzionismo per non far approvare un provvedimento che aspettiamo dal 1999, perchè basterebbe ratificare il Trattato Europeo sulla corruzione e si risolverebbero tutti i problemi. Per dimezzare i rimborsi devi cambiare qualche comma ed eliminare la disposizione che li svincola dalla durata della legislatura. Ma ci vuole così tanto? Sono cose che si fanno in un pomeriggio. 

E' dal 2008 che i politici rompono le scatole sui fannulloni che non fanno niente dalla mattina alla sera, ma a ben vedere i fannulloni sono loro. Il Parlamento si riunisce tre giorni a settimana, le sedute durano 3-4 ore e lo Stato paga i parlamentari uno stipendio base di 11.000 euro al mese a cui devono sommarsi altri 5.000 euro di benefit fra treni, aerei, cinema, "rapporti con i cittadini", ricariche telefoniche, rimborsi viaggio. Intanto nel resto del Paese il Pil crolla, lo spread torna a crescere, la gente normale lavora 5 giorni a settimana a 8 ore al giorno quando va bene e 6 giorni a settimana a 11 ore al giorno quando va male.

Della legge elettorale nessuna notizia. Risulta dispersa.

Io lo scrivo: sicuramente non leggerete mai questo post, ma se non cambiate la legge elettorale, la legge sui rimborsi e le leggi sulla corruzione, nel 2013 ve la facciamo sapere di melone.

TAG:  ANTI-POLITICA  PARLAMENTO  LEGGE ANTI-CORRUZIONE  LEGGE ELETTORALE  LEGGE SUI RIMBORSI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
3 dicembre 2011
attivita' nel PDnetwork