.
contributo inviato da fabio1963 il 17 aprile 2012

Formigoni ha detto questa frase rispondendo a una domanda sui suoi rapporti con Pierluigi Daccò.

Questa frase che lui ha pronunciato testimonia la sua provenienza dall'ambiente ex DC e CL.

 

Però questa frase denota anche la sua profonda ignoranza nella religione: infatti se Giuda non avesse tradito, Gesù non avrebbe potuto salvare l'umanità in quel modo storico preciso, forse l'avrebbero arrestato lo stesso anche senza il bacio di Giuda. Comunque la storia avrebbe preso un corso leggermente diverso. Ogni nostro gesto produce una perturbazione (più o meno grande) nella storia collettiva che si dirama verso il futuro in modo irreversibile. Il Fabio che vedo ogni giorno allo specchio sarebbe stato diverso senza Giuda, forse non sarebbe mai nato. La nostra improbabile esistenza, ma comunque possibile, ci porta a ringraziare il cielo che le cose siano andate così, anche se non è stata la migliore storia possibile!

 

Quindi la scelta di Gesù non è stata un errore, ma una conseguenza dei misteriosi poteri della divinità (in cui Formigoni crede), che rende possibile la realizzazione dei suoi piani, pur rispettando il libero arbitrio dell'uomo.

 

Soltanto un ateo o agnostico potrebbe dire una frase del genere!

 

Quindi Formigoni pur provenendo da un ambiente cattolico, non conosce la religione, la filosofia e a questo punto la domanda sorge spontanea: "ma costui conosce la politica?".


Considerando la storia anche da un punto di vista non religioso (senza i poteri della divinità), se Gesù paradossalmente non avesse scelto Giuda, la storia avrebbe preso un altro corso, senza il tradimento di Giuda e la presunta morte e resurrezione di Gesù, non ci sarebbe stato il cristianesimo e  la DC che ha lanciato Formigoni stesso.


Tirando le conclusioni: abbiamo alla Presidenza della Lombardia una persona che non conosce il Catechismo della Chiesa Cattolica, la religione, la storia e la filosofia.  La sua attuale carica che ricopre è frutto del "presunto errore" di Gesù!


----------------


In un'intervista avrebbe detto che la sua è una Lombardia dei records, in questi 20 anni avrà fatto sicuramente delle cose positive, altrimenti gli elettori che non sono stupidi non gli avrebbero rinnovato la loro fiducia. Purtroppo però ultimamente i records sono diversi:

 

  • record di indagati (compreso Formigoni) nella giunta regionale: 13 su 80, pari al 16,25% con percentuali superiori a Scampia di Napoli;
  • i casi Minetti & Bossi;
  • le irregolarità della raccolta firme per le liste, dove già una sentenza ha dato ragione ai radicali, diffamati da Formigoni;
  • record di fallimenti delle imprese (però in questo caso la colpa non è da ascrivere solo a Formigoni);
  • record (virtuale) della minore spesa sanitaria pro-capite pari a 751 euro. Dico virtuale perché il San Raffaele che è fallito con 1,5 miliardi di euro di debito era convenzionato con la Regione Lombardia. Quindi se dividiamo il suo debito per 10 milioni di abitanti, avremo 150 euro da aggiungere ai 751. Quindi la vera spesa pro-capite della Lombardia è 901 euro, cioè come una regione normale.  Formigoni potrebbe dire che il San Raffaele è privato e lui non poteva controllare i conti, ma anche se il fallimento non è colpa sua, comunque ricadrà sul tessuto economico e sociale della Lombardia. I fornitori non prenderanno tutti i soldi che gli spettavano, come tutto l'indotto. Un miliardo e mezzo di Euro corrispondono a 3000 miliardi delle vecchie lire e saranno un buco nero per tutta la regione e bisognerà impedire a tutti i costi che tale buco sia ripianato dai contribuenti!


Anche l'Avvenire ha criticato Formigoni! E' doveroso aggiornare la situazione segnalando che anche il Presidente Formigoni è indagato per corruzione aggravata nell'inchiesta sulla fondazione Maugeri (sarebbe stato iscritto sul registro degli indagati a fine giugno e ha ricevuto l'avviso di garanzia a fine luglio 2012).

----------------------

 

Le risposte che Formigoni non ha dato (da "La Repubblica")


 

ufficio presidenza regione lombardia indagati

Da sinistra in piedi: Carlo Spreafico (nel cerchietto - unico dei 5 membri originari, eletti il 15 maggio 2010, a non aver ricevuto avvisi di garanzia), Massimo Ponzoni; seduti: Franco Nicoli Cristiani, Davide Boni e Filippo Penati - Sono i componenti dell'ufficio di presidenza del Consiglio regionale della Lombardia

 

In Lombardia è necessario fondare un movimento di liberazione da Comunione e Liberazione.

Può la regione più importante d'Italia stare sotto personaggi come Bossi, Berlusconi e Formigoni?

La deciellizzazione & deberlusconizzazione della Lombardia e la "conditio sine qua non" per far diventare l'Italia un Paese normale (La Lega sta provvedendo ad eliminarsi da sola!). Sembrerebbe che ci siano state infiltrazioni persino dalla 'ndrangheta!!!!!!  ----->(vedere sotto).

Formigoni vicino all'assessore Zambetti, arrestato perché avrebbe acquistato voti dalla 'ndrangheta.

Le ultime notizie del 12 ottobre 2012, sono quelle di un rimpasto della giunta, appoggiato dalla Lega, minacciata dal PDL di perdere tutte le altre regioni, se non salverà Formigoni.

L’articolo d’antan del 1997 sulla frase di Formigoni è stato segnalato su Twitter dall’utente Alexyahoo. Qua il link al pezzo di Sette:

  • Corriere della Sera

DOMANI SU SETTE

Formigoni: avrei voluto fare il " collaudatore di vacanze "

 

 

 

----------------------------------------------------------------- DOMANI SU SETTE Formigoni: avrei voluto fare il "collaudatore di vacanze" Roberto Formigoni e il suo privato. Su "Sette", in edicola domani, il presidente della Regione si racconta nel "questionario di Proust". Quello che mi fa piacere in una donna? "Quel mix di caratteristiche che fanno parte della personalita', e cioe' la grazia, il fascino, la simpatia". Che cosa sognava di fare da grande? "Il pilota di Formula uno o il collaudatore di vacanze: andare in giro in posti bellissmi ed essere pagato per questo". La persona che ammiro di piu'? "Monsignor Luigi Giussani, fondatore di Cl, che mi ha spalancato orizzonti di umanita' sconfinati". Quante volte mi sono innamorato? "Diciamo un paio". Quello che meno mi piace in me? "Una certa irascibilita".

Pagina 41
(26 febbraio 1997) - Corriere della Sera

TAG:  CL  LOMBARDIA  FORMIGONI  CATTOLICO  BLUFF  IGNORANTE  SAN RAFFAELE  DEBERLUSCONIZZAZIONE  NON SA LA RELIGIONE  7 DOMANDE REPUBBLICA  VACANZE PAGATE  DECIELLIZZAZIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
25 gennaio 2010
attivita' nel PDnetwork