.
contributo inviato da frapem il 11 aprile 2012

Oggi il PD è trai i messi meno peggio dei partiti, e basterebbe un colpo di reni sui  per proporsi come unica forza di rinnovamento. Ma il popolo ha bisogno di risposte forti sul piano delle riforme di sistema: riduzione drastica del numero dei parlamentari, superamento del bicameralismo perfetto, sindaco d'Italia cioè, presidenialismo alla francese, una legge elettorale che favorisca il bipartitismo, limite dei sue mandati per le cariche elettive, vincolo di mandato. E poi abolizione delle province, delle prefetture e dei piccoli comuni. Fisco sul territorio, più poteri ai sindaci. Tutte riforme da fare entro questa legislatura e sulle quali portare il popolo in piazza denunciando i partiti che non ci stanno.

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di pasquino50 inviato il 18 aprile 2012
fabio,non lo so e neanche lo ipotizzo, tanto qui, aldilà dei nick, dovrebbe rimanere l'informazione e la sostanza... :) :)

E ultimamente sembra essercene...sotto l'attenzione dei "media"!

:) :)

commento di fabio1963 inviato il 18 aprile 2012
Barnard = seamusbl ?
commento di pasquino50 inviato il 18 aprile 2012
... e nel rileggere per l'ennesima volta "l'articolo" ( http://www.libreidee.org/2012/04/barnard-dai-carabinieri-ho-denunciato-monti-e-napolitano/) mi soffermo su "...configurandosi ciò in un vero e proprio crimine sociale di proporzioni storiche..." di cui ne stiamo già accusando le prime appariscenti vittime: i suicidi a catena. Ora quando ci sono vittime, esiste sempre un reato.
commento di pasquino50 inviato il 18 aprile 2012
Ma avete preso l'inserimento del post ""Attentato contro l’integrità e l’indipendenza dello Stato, associazione sovversiva e cospirazione politica." come una superflua provocazione da non commentare o siete rimasti basiti dagli effetti che può produrre? Se la denuncia è vera, e non ho motivo di credere il contrario, le implicazioni istituzionali che ne derivano saranno la cartina tornasole del livello di "democrazia" in atto nel paese...dirompenti più di un caso Diaz o Bolzaneto.
Correggetemi se sbaglio, grazie.
commento di pasquino50 inviato il 18 aprile 2012
"Il problema grosso che nessuno vuole dire è quello europeo".

Ammettere ciò, ci infilerei anche la "globalizzazione" sic et sempliciter, sarebbe un enorme passo avanti, senza ricorrere ad argomentate diagnosi, ma concentrandosi sulla cura della patologia, la quale non necessita di omeopatia bensì di radicali escissioni...
Vedere la "reazione europea", ma eteroguidata, nella possibilità di un ritorno delle "sinistre" ai governi dei paesi. Non è "teoria del complotto", ma pratica sempre messa in uso...oltreoceano e oltremanica. :) :)
commento di fabio1963 inviato il 18 aprile 2012
Indubbiamente, la lista dei punti di frapem avrebbe un effetto snellente, però bisogna valutare qual è la nostra concezione di democrazia all'italiana.

Il senso di questa frase è il seguente: noi italiani abbiamo sperimentato solo questa democrazia, con tutti i suoi pregi e difetti. L'introduzione di leggi provenienti dalla Francia o dalla Germania, può strappare il nostro vestito costituzionale.

Il problema grosso che nessuno vuole dire è quello europeo. Se si guarda tutto in funzione di uno Stato Continentale, e si crede profondamente che questo Stato funzionerà, allora ogni stato nazionale deve per forza snellire nelle sue funzioni democratiche. Per fare un esempio, l'Italia non dovrà più paragonarsi agli USA, ma ad uno dei suoi stati tipo Florida o Texas o California.

Bisogna ammettere che la struttura istituzionale e democratica di ognuno di questi stati è molto più snella della nostra.

Quindi il discorso torna sempre lì: se noi crediamo nell'Europa veramente, allora è indispensabile semplificare la nostra struttura istituzionale e democratica!
commento di pasquino50 inviato il 18 aprile 2012
Passare dalle parole ai fatti, lanciando un sasso in piccionaia...:

"Attentato contro l’integrità e l’indipendenza dello Stato, associazione sovversiva e cospirazione politica. E poi: usurpazione di potere, attentato contro la Costituzione e contro i diritti politici del cittadino. Nomi e cognomi dei denunciati: nientemeno che il premier Mario Monti e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. «Oggi, alle ore 18,50 – scrive Paolo Barnard l’8 aprile – presso la caserma dei Carabinieri di via Paolo Poggi 70 a San Lazzaro di Savena, ho denunciato il Golpe Finanziario e i suoi golpisti italiani». Primo ministro e Capo dello Stato, accusati personalmente di infedeltà alle istituzioni: un atto fortemente simbolico, attraverso il quale il giornalista e saggista formalizza la sua denuncia contro il “sequestro” della sovranità nazionale per via monetaria, esplicitato lo scorso febbraio al summit di Rimini insieme ai professori americani della Modern Money Theory....

http://www.libreidee.org/2012/04/barnard-dai-carabinieri-ho-denunciato-monti-e-napolitano/

...«Ora fatelo anche voi. Mettiamoci la faccia, basta chiacchiere».
commento di frapem inviato il 18 aprile 2012
Ottima memoria Maxo, ddciamolo.
commento di maxo7533 inviato il 18 aprile 2012
Caro seamusbl, la DC fece quello che gli ordinò l'America e che finanziò con i suoi dollari, persone che si sono vendute alla mafia,camorra e sacra corona, gli consideri dei buoni politici? cercavano il consenso elettorale vendendosi alla mafia, facendo soggiogare il proprio popolo e lasciarlo prigioniero della paura, dove oltre che il voto dovevano pagare pure il pizzo.
Questi sono i DC che tu difendi, quelli che hanno fatto nascere la Lega, altrimenti questo movimento non avrebbe avuto acqua dove sopravvivere.

Soros non parla male dell'euro, caro seamusbl, ma della Germania, quello si Paese ottuso, dove gli egoismi e le paure caccerebbero via pure la Nostra Lega, essendo del Sud per Loro.

Caro seamusbl è come dire che la rovina degli stati uniti è il dollaro, la nostra BCE non ha i poteri della FED, ecco l'inghippo dell'europa, Draghi sta cercando di finanziare le Banche, perchè possano comprare titoli di stato europei, mentre la FED gli compra direttamente come fà l'Inghilterra, questi due Paesi pur avendo i conti peggiori dell'Europa, riescono a teneri i tassi bassi immettendo liquidita nel mercato.

Il Giappone ha il debito pubblico superiore al nostro che è tutto dire, eppure i loro tassi sono allo "0".

Ritornare alla nostra Liretta, ci metterebbe fuori all'intemperie dei mercati, pagando tassi di interesse paurosi, dove il pane costerebbe il doppio la sera, dalla mattina, dove l'inflazione galopperebbe e il valore delle nostre case crollerebbe e i tedeschi potrebbero comprarcele con qualche Marco.
Che gli errori dei Nostri politici cadano sulle spalle di chi l'hanno votati per tutti questi anni, mi sembra giusto. caro seamusbl, ma gli altri cosa centrano? qualcuno qui la già proposto, confischiamo tutto a chi ha rubato in tutti questi anni così rimetteremo l'Italia, i ladri devono restituire il maltolto? questo mi sembra un buon argomento.
commento di frapem inviato il 18 aprile 2012
Caro fbio, ti meriti il premio BONTA' per la pazienza che hai nei riguardi del vecchio Seam avventuriero sconclusionato ex dc smemorizzato.
commento di fabio1963 inviato il 18 aprile 2012
Caro Seam, è importante quantificare tra un minimo e un massimo lo sforzo che dovrebbero sostenere i cittadini. Tu dici che non c'è scelta, invece c'è, nel senso che tornando alla lira si potrebbe farlo in 2 modi:

a) o lasciando il sistema capitalistico così com'è, con Banca d'Italia privata e soldi che sono delle banche e non dei cittadini;

b) oppure fare un nuovo sistema in cui il denaro non rappresenti più il debito ma il credito e sia di proprietà del cittadino.

Nell'ipotesi peggiore, di fronte ad un'ecatombe-default dei risparmi dei cittadini con reset del sistema, penso che gli stessi aprendo finalmente gli occhi, sceglierebbero la soluzione b.
commento di seamusbl inviato il 18 aprile 2012
E sulla svalutazione la DC non e' mai stata pro svalutazione, nel 92 si svaluto' per recuperare la competitivita' persa con lo sme.

Il grande fautore della svalutazione fu Carli, un altro di quelli buoni, per fare gli interessi della fiat che vendeva i suoi catorci solo in quel caso.
Infatti Carli venne poi premiato con un posto in fiat.
Le medie imprese, quelle che sono competitive e esportano gran parte della produzione dovrebbero oggi rivendicare un ruolo di potere pari a quello di spina dorsale italiana che hanno. Dovrebbero cessare di farsi solo inculare, pagare i satrapi e parassiti e ricorrere a qualche escamotage.

comrade Fabio meccanismi inerziali non possono essere utilizzati.
Si esce dall'euro per evitare il suicidio (soprattuto della massa di cani) e perche' vi sono squilibri da sanare. I costi qualcuno li deve sopportare, la svalutazione li diluisce, il peggioramnto delle ragioni di scambio e' un dato di fatto che deve essere assorbito e non puo' essere recuperato nell'immediato.
I rapporti di forza decidono su chi paga un poco di piu' e chi meno (solo i profitti nel capitalismo non possono essere toccati e ridotti).
commento di seamusbl inviato il 18 aprile 2012
comrade wannabe economist Maxo la grande DC fece dell'italia- un paese che era terzo mondo- una delle principali potenze industriali al mondo. Dovresti inginocchiarti ogni giorno per recitare una preghiera in memoria della DC se portassi gratitudine verso i grandi. Invece sei piccolo e ammiri i somari come Ciampi e tutti gli incompetenti sinistri che vogliono suicidare l'Italia e l'hanno quasi demolita.

comrade speculator Soros (le merde di bollettini delle troie nazionali si guardano bene dal riportarlo, e si beccano pure i soldi pubblici ste merdacce)
dixit:
"The euro is undermining the political cohesion of the European Union, and if it continues like that could even destroy the European Union," Soros said. "That is due to a misunderstanding of what the problem is." Soros, the Hungarian born US investor, said that the creators of the single European currency believed that imbalances were created in the public sector without understanding that markets themselves can create imbalances".
commento di maxo7533 inviato il 17 aprile 2012
Caro seamusbl continui con questa zolfa dell'euro per poter svalutare la moneta, cosa hanno fatto in 40 anni quei coglioni dei tuoi democristiani con la svalutazione della monteta? ci hanno portato al 1992 alla bancarotta, per fortuna quel mago di Ciampi ci salvò.

Ritornati i coglioni di Berlusconi-Tremonti-Bossi che hanno ripreso le vecchie abitudini del CAF Craxi-Andreotti-Forlani ci hanno riportato alla bancarotta, capisco che tu non capisci, ma che della tua ingnoranza tu voglia farne un'invenzione, è il tuo autismo che ti fa rinchiudere nel tuo mondo virtuale, ma gli altri vivono nel mondo reale e ne sono consapevoli, ti rispondo tutte le volte perchè perchè spero di curarti, ma riconosco che solo un miracolo può risovere i tuoi problemi.
commento di alby500 inviato il 17 aprile 2012
commento di magnagrecia inviato il 17 aprile 2012
ALLA REDAZIONEWEB,

C'è qui dentro (ad usare il suo linguaggio scurrile) un lurido individuo, presumibilmente paranoico e schizofrenico, dal nickname 'alby500', probabilmente iscritto e/o elettore e/o simpatizzante dell'IDV, che infesta da anni questo forum, privo di moderatore, soprattutto - presumo a mo' di sua supposta terapia - per fare propaganda contro il PD ed insultare “coraggiosamente” e compulsivamente il Segretario Pierluigi Bersani.

Qualche tempo fa, egli scrisse (presumo riferendosi a me) che, pur avendo avuto con lui degli scambi dialettici molto duri, non avevo mai chiesto che venisse 'bannato'.

Infatti, io non ho mai chiesto - dacché da 3 anni frequento i forum - un provvedimento del genere, contro nessuno, neppure nel caso di 'troll' conclamati.

Lo faccio adesso per la prima volta e volentieri, poiché trovo francamente inaccettabile che si consenta ulteriormente ad un individuo del genere (e non è il solo) - anche se con l'attenuante di presumibili turbe psichiche - di utilizzare questo spazio libero del PD, non per discutere e criticare anche duramente, ma esclusivamente per insultare e denigrare il PD ed in particolare il segretario del partito.
commento di pasquino50 inviato il 17 aprile 2012
Eh caro fabio, il punto otto è dolente...mooolto dolente, per alcuni.

E' che è il lenzuolo del welfar che diventa sempre più corto...ma non per tutti.

Pensa te se ad un sig Briatore (come caccola d'esempio) debba essere gratuito l'accesso ad un ospedale pubblico... a carico completo della collettività, oppure ricevere il soccorso dei pompieri, sempre a nostro carico, oppure una scorta, sempre a nostro carico...
Lo sarebbe,giusto, se fosse messo in condizione, obbligata, nel corrispondere per tali servizi collettivi, il giusto "prezzo"...secondo le sue reali possibilità "economiche"...e magari anche qualcosina di più per le "aumentate capacità economiche"...(non sarebbe disdicevole toglierli fino al 70% in tasse sul patrimonio personale..rimarebbe un cospicuo 30% sempre da paperone..eheheh)
Sbaglio?
commento di fabio1963 inviato il 17 aprile 2012
x Cristina: va bene dopo farò il post dei punti fino al numero 7.
In effetti il punto numero 8 è un pò troppo avanzato per questo Paese, meglio non scatenare vespai: comunque ricordiamoci che in Italia il 33% dei "cittadini" non paga nè tasse nè previdenza, e ha gratis (sulle spalle dei dipendenti e pensionati) ospedali, servizi, scuola, assegno minimo dell'INPS, pompieri, forze dell'ordine ecc. ecc.
Anche il Presidente Napolitano si è sentito in dovere 3 giorni fa di criticare aspramente questi "cittadini italiani"!
http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=164134
Non penso che tutti questi "signori" si trovino in condizione di estrema povertà, perché ho visto qualcuno andare a ritirare alle poste l'assegno minimo dell'INPS in merdeces!
commento di cristinasemino inviato il 17 aprile 2012
Per Fabio

Mi riferisco a questi punti:

1)riduzione drastica del numero dei parlamentari, O.K.
2)superamento del bicameralismo perfetto, O.K.
3)presidenzialismo alla francese, con doppio turno O.K.
4)una legge elettorale che favorisca il bipartitismo, con soglia di sbarramento al 10% così sbattiamo fuori dal parlamento Grillo, Lega, Vendola, Di Pietro e Casini&Fini se non si mettono d'accordo!
5)limite dei 2 mandati per le cariche elettive, vincolo di mandato O.K.
6)abolizione delle province, delle prefetture e dei piccoli comuni O.K.
7)Fisco sul territorio, più poteri ai sindaci O.K.

Vorrei vedere l'effetto sul circolo, se postati da te e non da me. :)
commento di pasquino50 inviato il 17 aprile 2012
Al di là degli scazzi verbosi intercorsi, non ti ho mai volutamente sminuito nelle proposte, se pur discordanti dal mio personale "punto di vista" e di cui, su alcune, sono stato pressochè d'accordo anche se non lo "davo a vedere" nei miei commenti. Resto dubbioso sull'insieme dell'impalcatura che appare tutt'ora "farraginosa" perchè posta nel contesto, sembrerebbe per te inevitabile, in una riveduta/rivedibile "politica europea" a cui adeguarsi come finalità oggettiva, anche in una visione generale del concetto "federalista" di spessore europeo. L'italia, e la sua "caratteristica" politica prettamente basso mediterranea e di servile acquiescenza acquisita nel tempo, dovrà fare un radicale,faticosissimo, sanguinoso balzo all'insù, visto il baratro in cui è cacciata per attendismo ed ignavia. Ben vengano quindi "ispirazioni" fattibili nel medio e lungo periodo, anche se giungono guardando a "360°" o alle "stelle", compresi movimenti e gruppi di pressione locoregionali. E nell'immediato che dispero si possa fare qualcosa di concreto e veramente "rivoluzionario" atto a ri-produrre la "necessità del riformismo", di cui il pd ne vorrebbe/dovrebbe essere "protagonista"...Come disse qualcuno..con questi non si và da nessuna parte. Pare però che la pazienza e l'osservazione dei fatti, rimanga strumento rivoluzionario. Chissà che non ce la caviamo anche stavolta... :) :)
commento di frapem inviato il 17 aprile 2012
Caro Pasquino mi fa piacere sapere che almeno due delle mie cinque porposte ti vadano a genio, anche se a convincerti credo siano state persone da te ritenute più qualificate del sottoscritto. Per quanto riguarda il mantenimento dei tre poteri, siamo d'accordo, ma vanno razionalizzati e sfoltiti. Sul bicameralismo, ti invito a riflettere nell'ottica degli stati uniti d'Europa, che prima o poi si faranno, e allora dobbiamo pensare a governatorati con meno campi di azione, pertanto un sistema così pomposo e logorreico non ce lo potremo più permettere.
Ma vorrei anche che riflettessi sulla necessità che i territori debbano occuparsi di alcune prerogative oggi centralizzate, come l'assistenza sociale, il controllo fiscale, il patrimonio immobiliare pubblico e privato, il lavoro, l'utilizzo dei senza lavoro da parte dei comuni, il controllo del territorio. Questo si chiama federalismo.
commento di pasquino50 inviato il 17 aprile 2012
In merito alla "proposta gabanelli":
Qualcuno mi spiega come evitare di rifornirsi di "contante" (senza pagare "dazio") utilizzando i bancomat cambia-valuta sparsi sul territorio, quelli sammarinesi e vaticani oltrechè "frontalieri"...senza minimamente citare le rimesse liquide della criminalità organizzata.
Ripeto il dubbio: la fantasia e l'adattamento di chi delinque risulta essere sempre superiore alla fantasia di chi "controlla"...

Di fatto uno strumento buono diverrebbe "cattivo" solo per chi, di certo, non è portato a "delinquere per vocazione"...di tutti gli altri ne abbiamo notevoli esempi...

A meno che non si voglia tornare al baratto diretto o alle "perline, specchietti e acqua di fuoco"... :) :)
commento di pasquino50 inviato il 17 aprile 2012
"Caro Pasquino, comincio a pensare che sei al servizio paga del sistema, visto il tuo comportamento di disturbatore a prescindere.."

Cerco di adeguarmi all'ambiente...blog! :) :)

Cambia qualcosa se dico che sono d'accordo sui due mandati con vincolo per i cambiagiacchetta? (o rimani nel "programma" o vai a casa e non nei "gruppi misti")
Cambia sempre qualcosa se dico che il numero dei parlamentari deve essere proporzionale ai "collegi" sul territorio (senza liste bloccate e dando anche spazio vero alle leggi d'iniziativa popolare in surroga al parlamento)
Altresì cambia qualcosa se desidero venga mantenuta l'impalcatura Costituzionale in merito alle cariche dello stato, ai tre poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario) al sistema bi-camerale di controllo (revisionandolo in efficenza procedurale di regolamento e commissioni)
Ma, pensandoci bene, tutto questo chi lo dovrà fare? Chi dovrà modificare o smantellare "l'attuale regime democratico" e sotto la spinta di quale "fine ideale e politico"? Partiti "d'indirizzo popolare" ancora non ne vedo in giro, per adesso...
commento di fabio1963 inviato il 17 aprile 2012
x Cristina: ti riferisci al commento dove ho integrato le proposte di Frapem, con la soglia di sbarramento al 10% e la riforma fiscale semi-americana?
commento di fabio1963 inviato il 17 aprile 2012
x SEAM: dato che non possono essere usati "meccanismi inerziali" come scala mobile e rivalutazione dei titoli di stato (già ci sono i BTPI) con l'inflazione, in quale modo si potrebbe uscire dall'EURO senza intaccare il potere d'acquisto e i risparmi dei lavoratori?
commento di seamusbl inviato il 17 aprile 2012
"hanno continuato a fare i furbi con l'aiuto di Berlusconi-Bossi-Tremonti a svalutare il lavoro,"

comrade wannabe economist Maxo tu non hai cognizione di quello che scrivi, sei come il rappresentante del popolo Passoni che e' un somaro che non capisce un cazzo e rappresenta solo l'idiozia. (In buona compagnia peraltro).
Motherfucker Silvio dovrebbe ritornare considerati i delinquenti somari nazifascisti che vi sono adesso.

L'euro e' la causa del disastro, come facilmente prevedibile.
L'industria italiana tra l'altro era l'unica a dare del filo da torcere ai tedeschi. Anche se non riesci a capirlo i tedeschi oltre a svalutare al massimo il lavoro e non rispettare i limiti di deficit hanno guadagnato con la minore inflazione, l'italia deve svalutare per recuperare le posizioni iniziali. la scorrettezza e' dei tedeschi.

La svalutazione del lavoro e' stata causata dall'essere argentina, lo schifo sono i sinistri e sindacati che non lo hanno mai capito e mai spiegato. Si sono fatti i loro porci comodi sulla schiena degli immigrati e precari. Adesso la politica e' far salire la disoccupazione e trasforamre tutti i lavoratori in miserabili da terzo mondo per tentare di recuperare competitivita'. Si dve invece uscire dall'euro per non suicidarsi.

Il fatto che vi sia un esercito di satrapi, boiardi, parassiti , improduttivi che vengono strapagati per fare danni e' ancora un altro discorso, correzioni vanno apportate ma non si puo' perdere tempo adesso, e uscire dall'euro e' la priorita'.
commento di seamusbl inviato il 17 aprile 2012

Al contrario la spesa andava controllata rigorosamente dal centro. E semmai sono le realta’ locali che dovrebbero rispettare vincoli di bilancio. (Furbescamente il centro avendo percepito l’immensa spesa improduttiva e clientelare che ne era uscita ha trasferito piu’ responsabilita’ in sede locale, centri di spesa ormai fuori controllo).

8)Aggiungerei una legge fiscale semi-americana che esentando:

I satrapi pubblici devono sparire, se sono dei geni vadano nel privato a mostrare quanto sono bravi.
La tassazione va ridotta, molti che evadono ormai lo fanno per sopravvivere.
l'oligarchia si avvale dell'elusione e centri offshore.

La proposta prioritaria e' l'uscita dall'euro.
commento di seamusbl inviato il 17 aprile 2012
1)riduzione drastica del numero dei parlamentari.

Proposta mezza demagogica, possono essere ridotti, l’elevato numero probabilmente venne scelto per favorire il caos e le diserzioni.

3)presidenzialismo alla francese, con doppio turno O.K.

E’ un’idiozia. Dovrebbe essere abolita la figura del presidente della repubblica, che e’ costosissima oltre ogni livello accettabile e introdotta probabilmente per creare caos, delegittimare il presidente del consiglio e fungere da raccordo piu’ diretto con l’oligarchia. Cioe' scavalcare il parlamento.

4)una legge elettorale che favorisca il bipartitismo

Altra super idiozia, il bipartitismo e’ un fallimento completo, porta alla consegna del potere nelle mani dell’oligarchia che crea due cartelli elettoralistici a proprio uso e consumo. Vi e’ bisogno di partiti popolari robusti, con una scuola politica, in grado di incidere sulla comprensione del mondo. E soprattuto di rappresentare interessi e mostrare le opzioni politiche che si nascondono dietro le farse tecniche. (E almeno il 90% della popolazione ha interessi comuni nel capitalismo anche se non ci arriva a capirlo).
Per l’italia il modello che va meglio e’ una sorta di cancellierato, con sbarramento. Questa e' l'unica cosa tedesca che potrebbe essere copiata, guardacaso trascurata.

5)limite dei 2 mandati per le cariche elettive, vincolo di mandato O.K.

Sono gli elettori che dovrebbero decidere. Negli USA solo dopo Roosevelt venne introdotto il limite (e solo per i presidenti). Sul resto probabilmente Bobbio aveva una qualche ragione.

7)Fisco sul territorio, più poteri ai sindaci O.K.

Il federalismo e’ stato il maggior disastro che si poteva generare. Ha causato l’esplosione incotrollata, parassitaria, e clientelare della spesa locale, dove i sindaci si sono attribuiti stipendi da maraja e hanno foraggiato amici, parenti e grandi elettori.
Al contrario la spesa andava controllata rigorosamente dal centro.
commento di maxo7533 inviato il 16 aprile 2012
Oggi quello che manca non è la legge elettorale, è il lavoro e nel nostro paese molti erano convinti che bastava svalutare la moneta e la concorrenza era scavalcata con la furbizia, invece che con le capacità, con l'entrata nell'euro i nostri industriali incapaci di essere capaci, hanno continuato a fare i furbi con l'aiuto di Berlusconi-Bossi-Tremonti a svalutare il lavoro, mandandolo al ribasso, mentre Loro e gli altri furbi continuavano a evadere spendendo da cicale e investendo da idioti.
Oggi la colpa per qualcuno è dell'euro, (seamusbl)moneta che ha permesso all'Italia di risparmiare miliardi e miliardi di interessi.

La colpa è degli evasori e della corruzione dei Partiti, nonostante i rimborsi elettorali generosi non hanno mai smesso di praticare, anzi la Corte dei Conti parla di 70 miliardi l'anno, molto di più di quando il finanziamento ai partiti erano pochi.

Basta la legge elettorale per sistemare tutto? noi siamo come un treno in corsa verso il baratro o ci mettiamo a frenare tutti insieme o andremo tutti nel burrone.
C'è un sistema solo per frenare il treno in corsa, pagare le tasse tutti, senza che nessuno possa rubare e fare altro inlecito ed esiste un solo sistema per realizzare questo, TOGLIERE IL CONTANTE, portando tutto a essere rintracciabile, anche il finanziamento ai Partiti e chi sgarra è fuori dalla competizione, vedrete che tutto il resto si aggiusta da solo, la Giustizia, la legge elettorale, il lavoro, faccio un esempio, l'amministrazione pubblica deve essere la prima a pagare a 30 giorni, poi anche gli altri saranno costretti a rispettare quella data, altrimenti diventeranno dei cattivi pagatori e messi fuori dal sistema, come il rimborso dell'iva, la cancellazione l'irap, (recuperando 100 miliardi, possiamo togliere pure l'irap che ne comprende 43) tutti ne godremmo dei vantaggi. la vera vittoria di questo paese è l'eliminazione del Contante.
commento di cristinasemino inviato il 16 aprile 2012
Fabio, potresti postare il tuo commento, che sottoscrivo, sul circolo on line? Io ci ho già provato in passato, ma non sono stata ritenuta degna di risposta.
In due forse otteniamo un pò di attenzione.
Ciao.
commento di seamusbl inviato il 16 aprile 2012
"Certo che ci leggono"

se leggono, comrade antitracotanzabidellare dadaista Frapen, non imparano, sono asini di natura.
O forse il rischio e dramma e' che imparano solo da te, da me infatti non imparano nulla.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
28 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork