.
contributo inviato da team_realacci il 2 aprile 2012
Roma, 2 aprile 2012

“Un conto è correggere le storture e gli errori del passato, altro è dare il via libera ad una politica industriale miope e senza futuro. Per le rinnovabili servono prospettive credibili, regole certe, una burocrazia più snella, una revisione al sistema degli incentivi e politiche serie in grado di accompagnare il pieno ingresso nel mercato del settore. L’opposto di quanto sembra sia scritto nelle bozze del nuovo conto energia che stanno circolando in questi di giorni, che di fatto stopperebbero in modo drammatico lo sviluppo del settore. A maggior ragione nei giorni in cui molte regioni italiane sono afflitte da un’anomala siccità, evidentemente causata da fenomeni acutizzati dai mutamenti climatici, che determinano alternanza di eventi meteorologici estremi di grande intensità e violenza, con periodi di forte deficit di precipitazioni, è profondamente sbagliato fermare lo sviluppo delle fondi pulite che di fatto rappresentano uno dei modi più concreti per ridurre la dipendenza dalle fonti fossili e quindi le emissioni di CO2”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del PD, intervenendo questa mattina al sit-in davanti a Montecitorio, organizzato dalle associazioni di produttori del settore.

 
Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  RINNOVABILI  ENERGIE  VERDE  REGOLE CERTE  CONTO ENERGIA  RIDURRE  DIPENDENZA  FONTI FOSSILI  SIT-IN 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork