.
contributo inviato da team_realacci il 23 marzo 2012
Roma, 23 marzo 2012   

Realacci e Mariani: “In Toscana è allarme siccità. Dichiarare stato emergenza”
Il parlamentari del PD presentano interrogazione a Ministro Clini
 
“Le precipitazioni registrate negli ultimi 4 mesi in alcune zone della Toscana risultano inferiore del 50% rispetto al dato del 2011 e addirittura del 70% rispetto al 2010. Il livello di invaso del Lago di Bilancino, risorsa fondamentale per garantire l’approvvigionamento idrico agli abitanti dell’Area metropolitana Firenze – Prato –Pistoia, risulta pari a 37 milioni di mc, rispetto ai 70 milioni invasabili. I valori medi di portata del fiume Arno nel periodo ottobre 2011 – febbraio 2012, pari a circa 10 mc/s in prossimità di Firenze rappresentano un minimo storico assoluto. Conseguentemente il livello di invaso della principale diga regionale, la diga di Montedoglio, risulta essere di poco superiore ai 24 milioni di mc rispetto ai 150 milioni di capacità. Tutte situazioni che determinano un concreto allarme siccità e di un serio rischio della continuità del servizio idrico in un’ ampia area della Regione Toscana. Chiediamo perciò al il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Corrado Clini, quali iniziative intenda assumere per impegnare le competenti unità tecniche del Ministero dell’Ambiente a monitorare le condizioni di approvvigionamento nella Regione Toscana e verificare se sussistono le condizioni per dichiarare lo stato di emergenza. Inoltre se non si intenda verificare la sussistenza, nei capitoli di spesa del Dicastero, di risorse economiche utili a garantire interventi di emergenza che possono ridurre il rischio di interruzione del servizio”, è quanto chiedono in un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Ambiente Ermete Realacci, responsabile green economy del PD e Raffaella Mariani, capogruppo del PD in Commissione Ambiente della Camera.

“Evidentemente”, prosegue Realacci, “ci troviamo di fronte a fenomeni acutizzati dai mutamenti climatici, che determinano situazioni anomale con alternanza di eventi meteorologici estremi di grande intensità e violenza, con periodi di forte deficit di precipitazioni, per far fronte ai quali sono necessarie politiche più efficaci e credibili sia sul fronte della mitigazione dei processi in atto che sul fronte dell’adattamento agli stessi”.
 
Nell’interrogazione si evidenzia come tale siccità sia successiva ad un anno, il 2011, già caratterizzato da scarsità di precipitazioni che hanno determinato l’uso intensivo delle risorse di falda per poter garantire l’approvvigionamento idrico durante tutta la stagione estiva e dei primi mesi autunnali, con un conseguente depauperamento delle stesse risorse. Inoltre l'indice di siccità (SPI – Standardized Precipitation Index) 2011, calcolato su base annua, evidenzia ampie aree della Regione in cui si registra un livello di siccità severo e lo stesso indice riferisce un livello di siccità più alto nel II semestre dell'anno, in particolar modo in tutto il bacino dell’Arno, caratterizzato da un livello di siccità severo, con punte di siccità estrema. Una situazione di siccità analoga si registra anche nel bacino Toscana Costa e nelle zone di alimentazione dell’Ombrone Grossetano. Inoltre le precipitazioni cumulate da marzo a novembre 2011 per le provincie di Arezzo, Firenze e Pisa risultano rispettivamente inferiori del 21%, 34% e 40% rispetto al 2007 e del 38%, 42% e 44% rispetto al 2003, anno di una grave crisi idrica che coinvolse tutta la regione, tanto da determinare la dichiarazione dello stato di emergenza.

Vista la gravità della situazione, sono aperti da tempo tavoli tecnici e istituzionali coordinati dalla Regione e dalla Autorità di bacino dell'Arno. Lo stesso gestore del servizio idrico della Toscana centrale, Publiacqua, ha più volte nei mesi scorsi richiamato la criticità delle condizioni delle risorse idriche che da mesi impegnano risorse e personale per evitare disagi ed emergenze.


Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  ACQUA  ALLARME  SICCITÀ  TOSCANA  STATO  EMERGENZA  INTERROGAZIONE  PARLAMENTARE  MINISTRO AMBIENTE  CLINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork