.
contributo inviato da professional consumer il 20 febbraio 2012

Rigore? Rigore!

Risanamento? Già 7 “pacchetti austerità” sottoscritti!

E’ finita? Non è finita!

Si tenta un’iperbole, la svalutazione competitiva: si riducono stipendi, salari, pensioni ed occupazione; si va in deflazione, falliscono il 25% delle piccole Aziende, altre tornano nella competizione internazionale per vendere, che so….yogurt e vacanze.

In casa intanto  non riescono a comprare manco più la feta ed il Pil, nel quarto trimestre 2011, va giù del 7% annuo.

Già, non sembrano esistere scorciatoie, ancor meno soluzioni facili.

Tanto vale tentare soluzioni impossibili: l’alfabeto greco ci consente di scrivere, pensiamo attraverso le parole greche; con la filosofia, che lì nasce, articoliamo quel pensiero; non paghi fondano quella democrazia che ci governa e lo sport olimpico che sfida genti e le accomuna.

Tutta roba loro, cui nessuno ha mai pagato tributo.

Pagare il debito dei diritti, all’impiego smodato di quei precetti della “civiltà occidentale” che ogni istante ci abita, un dovere.

Pagare il nostro debito acciocchè possano ripagare il loro ci redime.

Un risarcimento dovuto, che nessun tribunale della storia potrebbe negare.

Tra i maggiori indebitati sta l’intera “filosofia tedesca”: ops!

 

Mauro Artibani

Per approfondire il tema trattato: PROFESSIONE CONSUMATORE

Paoletti D’Isidori Capponi Editori

Marzo 2009

www.professionalconsumer.wordpress.com

www.professioneconsumatore.org

 

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di pinocc inviato il 23 febbraio 2012
comunque sia i taxisti sono stai salvati dalla liberalizzazione lasciando che a decidere siano i comuni, ovvero il governo se ne lava le mani delle licenze;
e per quanto riguarda l'ICI alla chiesa ancora niente, il partito trasversale baciapile in questo parlamento ha di nuovo fatto centro;

mobilitiamoci per far pagare le tasse alla chiesa, alle prossime elezioni ne proprio collegio richiedere un canddato che voglia far pagare la chiesa cattolica, se non niente voto;
perchè bersani non minaccia di non dare l'appoggio al governo se non viene introdotto l'ici alla chiesa ?
è incredibile, che miopia, troppi baciapile nel PD, così non si può andare avanti
commento di pasquino50 inviato il 21 febbraio 2012
Documento riservato: Grecia destinata a fallire

http://www.unita.it/economia/documento-riservato-grecia-destinata-a-fallire-1.384133
commento di magnagrecia inviato il 21 febbraio 2012
La Repubblica

CRISI
Bruxelles, accordo all'Eurogruppo
per evitare il fallimento della Grecia

Sbloccati a poche ore dal default i 130 miliardi di aiuti per Atene. La troika avrà suoi rappresentanti permanenti nel Paese, creato un conto bloccato dove i greci verseranno gli interessi sul loro debito, chiesto un sacrificio ai privati creditori. Soddisfatti Draghi e Monti. Presidenza Ue: "E' un nuovo inizio"
21 febbraio 2012
Bruxelles, accordo all'Eurogruppo per evitare il fallimento della Grecia

(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 21 febbraio 2012
(segue/2)

Corriere della Sera

FINANZIAMENTI PER 130 MILIARDI. MA IL GOVERNO GRECO SARÀ SOTTO STRETTA SORVEGLIANZA
Grecia, accordo nella notte. Via libera agli aiuti
Dopo 12 ore di discussione i 17 ministri dell'eurogruppo hanno dato il via al secondo pacchetto di aiuti ad Atene
Grecia, accordo nella notte. Via libera agli aiuti

(continua/2)
commento di magnagrecia inviato il 21 febbraio 2012
(segue/3)

Il Sole 24 ore

L'Eurogruppo evita il default della Grecia: accordo nella notte per 130 miliardi di aiuti. Monti: «L'Europa funziona»
di Antonio Larizza. All'interno analisi di Vittorio Da Rold e Beda Romano
21 febbraio 2012
L'Eurogruppo evita il default della Grecia: accordo nella notte per 130 miliardi di aiuti. Monti: «L'Europa funziona»


Salvataggio Grecia, ecco i contenuti dell'accordo


Grecia salvata dai privati (e Bce). L'incognita del voto anticipato ad aprile che potrebbe dilapidare i frutti dell'acordo
di Vittorio Da Rold
Grecia salvata dai privati (e Bce). L'incognita del voto anticipato ad aprile che potrebbe dilapidare i frutti dell'acordo


Grecia, ma la strada è ancora in salita
di Beda Romano
Grecia, ma la strada è ancora in salita


(fine/3)
commento di magnagrecia inviato il 21 febbraio 2012
crisi
Lettera capi governo a Ue
"Gli otto punti per la crescita"

Il documento indica gli argomenti per rilanciare l'economia del Vecchio continente. Il ministro per gli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi, ha spiegato che si tratta di uno "spunto di riflessione" in vista del Consiglio europeo di inizio marzo che avrà il tema della crescita e dell'occupazione al centro dei lavori
20 febbraio 2012
Lettera capi governo a Ue "Gli otto punti per la crescita"
commento di fabio1963 inviato il 20 febbraio 2012
I paesi fondatori della civiltà sono stati: Egitto, Grecia e Italia. Stranamente adesso sono in difficoltà, non vorrei che questa civiltà non sia più a misura d'uomo!
commento di magnagrecia inviato il 20 febbraio 2012
Recensione

Un mondo senza Wall Street
di Andrea Sartori

Quando nel 2008 il Fondo monetario internazionale valutò le perdite globali durante la crisi dei subprime in 400 miliardi di dollari, e alzò la valutazione, già all’inizio del 2009, a ben 4.000 miliardi per il solo mercato americano, era chiaro che la massima istituzione monetaria non aveva chiare le proporzioni di quanto stava accadendo. La sottovalutazione del fenomeno ha condotto a fornire delle spiegazioni della sua origine, che non ne hanno colto la portata strutturale e hanno limitato fortemente le contromisure. […]

Un mondo senza Wall Street

informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork