.
contributo inviato da nino55 il 20 febbraio 2012

                   Il grande problema della corruzione, non si risolve solo chiamando in causa le responsabilità della sinistra o    

                   demonizzando la politica.

E' ovvio che la radice della corruzione è antica,come è antico il suo contagio,come è antica l'associazione: Fenomeni mafiosi=corruzione=malavita.

E' troppo infantile e demagogico affrontare il problema solo dal punto di vista politico,perchè non sarebbero sufficienti nuove leggi o nuovi statuti all'interno di ogni partito.

Credo, invece nella politica del prevenire giuridicamente il fenomeno corruzione/mafia.

In Italia, le famiglie mafiose meridionali hanno avuto le brillanti idee di spostare i loro interessi dove il flusso di denaro è stato più appetibile e più facile da avvicinare e questo si è potuto verificare grazie  alle connivenze politiche.

Noi attacchiamo giustamente il politico che agisce in malafede,ma attorno a lui una volta scoperto e  messo sotto accusa , il problema rimane,gli interessi e i capitali dei mafiosi rimangono inalterati.

Sono appunto i fenomeni che spingono alla corruzione che devono essere identificati,isolati e messi sotto osservazione e non lasciati alla loro discrezione.

Una legislazione di prevenzione, significherebbe che mentre l'opera pubblica o qualsiasi altra relazione economica pubblica/privata si avvia ad una definizione,la procura di competenza tramite AA.EE.,o G.di F. controlla l'affidabilità dei progetti, o le reali esigenze delle opere e naturalmente tutte le operazioni di riscontro in fatturazioni/materiale/risorse umane.

Il procuratore Grasso ha avanzato una sua proposta sul certificato antimafia, ma come offensiva alla corruzione mi sembra ancora un'azione sterile.

Chiaramente chi vorrebbe corrompere il politico di turno, con questi sistemi di prevenzione non credo che avrebbe vita facile.

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di pasquino50 inviato il 20 febbraio 2012
Un'altro punto è voler "destrutturare" pool funzionanti con scadenze a termine. Neanche fossero yogurt. Revisionarli, forse, ma l'esperienza accumulata durante tutta una "strada professionale" alcune volte è insostituibile se non altrimenti trasmissibile nei modi "nativi".
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork