.
contributo inviato da verduccifrancesco il 6 febbraio 2012
Stupito, guardo l’alba che lentamente schiara l’orizzonte.
Il disco rosso del sole nascente occhieggia sulla linea,
la dove la terra incontra l’immenso spazio del cielo;
Sui monti lontani, diafani volumi di luce
che l’umidità della notte, in miriadi cristalli colorati, riflette.

Un nuovo giorno sta per nascere,
sempre diverso e sempre a se stesso
uguale.

M’incammino verso quell’orizzonte,
vecchio e nuovo, con la mente svuotata
dal dolce languore che penetra nella carne
e nella mente,che, stanca da una notte insonne.
si rigenera abbeverandosi della vergine luce.
TAG:  POESIA  LUCE  VITA  ALBA 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork