.
contributo inviato da Achille_Passoni il 12 gennaio 2012


Sono davvero dispiaciuto per la bocciatura da parte della Consulta del referendum per abrogare la legge Calderoli e tornare al mattarellum. Detto questo, la decisione della Corte va in ogni caso rispettata, ed è certamente da censurare l’atteggiamento di chi, come Di Pietro, sproloquiando getta ombre sull’imparzialità dei giudici e soffia sul vento dell’antipolitica per un proprio tornaconto elettorale.

E tuttavia, sono altrettanto convinto del fatto che la volontà di quei due milioni e duecentomila italiani che hanno firmato per il referendum vada rispettata e tenuta in considerazione, ora che la palla per la riforma elettorale passa - e deve passare! - al Parlamento.

Adesso è il momento di un’ampia discussione tra le maggiori forze politiche per trovare una convergenza su una legge che volti pagina rispetto al porcellum, che restituisca ai cittadini il diritto di scegliere i propri rappresentanti e contemporaneamente salvaguardi l’impianto maggioritario e bipolare del sistema politico che è chiaramente nelle preferenze in primis dell’opinione pubblica che ha sostenuto con forza il referendum ma anche della maggioranza degli italiani che - se la Consulta si fosse pronunciata diversamente - avrebbero sicuramente votato “sì” al referendum.

In Parlamento ci sono tante proposte valide e - almeno a parole - tutti i partiti tranne la Lega (al netto di Maroni e i suoi) sostengono di voler modificare la legge Calderoli: a queste dichiarazioni di intenti che per troppo tempo sono rimaste parole al vento si aggiunge oggi il vincolo morale di rispettare la volontà dei cittadini, che non avranno la possibilità di esprimere la loro opinione attraverso la consultazione referendaria. Ora la politica deve tornare a fare il suo lavoro, e deve farlo in tempi rapidi: lo chiede il Capo dello Stato, l’opinione pubblica, e lo richiede il buon senso.
TAG:  PD  ELEZIONI  REFERENDUM  MAGGIORITARIO  BIPOLARISMO  LEGGE ELETTORALE  PORCELLUM  CONSULTA  MATTARELLUM 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork