.
contributo inviato da versoest il 19 dicembre 2011

Probabilmente l'incombere dei "sacrifici" a cui stiamo per essere sottoposti dalla manovra Monti, e tutte le preoccupazioni che ci ingombrano la mente  mette in secondo piano avvenimenti di intolleranza razziale che non ci fanno onore.
 

A questo riguardo sembravano appartenere ad un'altra era geologica provvedimenti che avevano solo poche decine di anni come le "Leggi Razziali". Nel periodo delle Leggi razziali venivano pubblicati libri e stampate riviste in difesa della razza "italica" come se effettivamente gli abitanti della Penisola potessero vantare un patrimonio genetico proveniente unicamente da un  capostipite ancestrale autoctono.

Evidentemente il seme socialmente paranoico di tali affermazioni sopravvive per quanto riguarda il giudizio generale sugli uomini di fede ebraica ed ha nuove nefaste manifestazioni sugli uomini provenienti dall'esterno della UE, ma anche da essa.

La sociologia ci insegna che i fenomeni di intolleranza aumentano con la paura di perdere le sicurezze acquisite che appaiono insidiate proprio dagli stranieri che invadono il nostro territorio.  Proprio la conoscenza di tali dinamiche sociali è stata sfruttata da forze politiche che, cinicamente, hanno instillato la paura dell'invasione straniera accusandola di aumentare la criminalità e di minacciare la nostra identità religiosa e culturale. 

Le cronache recenti ci danno il quadro allarmante dell'alzarsi del livello di intolleranza perchè superato il confine dell'omicidio si apre lo scenario del progrom e del genocidio. 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di seamusbl inviato il 22 dicembre 2011
"hanno instillato la paura dell'invasione straniera accusandola di aumentare la criminalità e di minacciare la nostra identità religiosa e culturale"

i diseducati e rincretiniti italiani- dai bollettini delle troie e sepolcri imbiancati e fascisti-monarchici sostenitori del governo fascista della cricca criminal-finanziria- si scagliano ovviamnte contro gli extracomunitari e non si accorgono che invece dovrebbero solidarizzare, infatti il trattamnto riservato agli extracomunitari e' solo l'anticipo di quello che verra' riservato agli italiani da parte dell'elite fascista.
Ma non lo capiscono.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
28 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork