.
contributo inviato da Achille_Passoni il 13 dicembre 2011


Alla comunità senegalese di Firenze esprimo la mia vicinanza e solidarietà per la barbarie di cui è stata vittima, e alle famiglie dei fratelli uccisi i sentimenti del mio più vivo cordoglio. Alla Firenze democratica è stata inferta una ferita terribile.

Tutti - a partire dalle autorità inquirenti - dovremo interrogarci sulle ragioni di fondo che hanno portato al compimento di questa vera e propria strage razzista, ma non è possibile non rimarcare da subito che questo atto avviene all’indomani del gravissimo episodio di Torino e che l’autore del massacro gravitava nell’orbita di Casapound, un’organizzazione fascista nell’ambito della quale si sono succeduti, ad opera di suoi componenti, attività criminose e su cui è necessaria un’attenta vigilanza specie degli organi di polizia.

Guai a liquidare questo massacro come un delitto frutto della follia umana. Esso avviene in un brodo di coltura nel quale le tensioni razziali presenti in molte città italiane e gli atteggiamenti xenofobi si vanno ripetendo con eccessiva frequenza. Spetta a tutti i democratici moltiplicare gli sforzi per sconfiggere ogni germe di violenza e xenofobia e a promuovere solidarietà ed effettiva integrazione.
TAG:  FIRENZE  STRAGE  RAZZISMO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork