.
contributo inviato da dalle nebbie mantovane il 12 dicembre 2011

Con tutto quello che succede nel mondo, pare ridicolo infognarsi a commentare eventi superficiali come la carestia del burro in Norvegia (www.corriere.it/esteri/11_dicembre_11/norvegia-burro-burchia_0a112d22-2407-11e1-9648-0971f64f00f8.shtml).

Ma io, signori, seguo la linea di Amici miei e Sotto il culo della rana (peggio va e più dobbiamo riderci sopra) e quindi mi butto a pesce sulla notiziola frivola del giorno. Pur facendo una certa fatica a immaginare gli scaffali dei supermercati norvegesi (cari come gioiellerie) desolatamente privi della preziosa sostanza giallastra.

Quanto burro consumano i norvegesi? Tanto, ma tanto, ma tanto, ve lo dice una che c'è appena stata. Tanto che il turista, al terzo giorno, dà di matto e comincia a frequentare loschissimi ristoranti thailandesi, malaysiani, perfino finte pizzerie, pur di trovare qualcosa che non contenga latticini. I dolci nordici sono pannosi e burrosi, sulle loro colazioni meglio stendere un velo pietoso (di margarina?), a pranzo e cena non vi mancherà mai il cestino del pane abbinato a deliziose coppette di burro normale o, alternativa molto à la page, aromatizzato all'aglio (una delizia).

Non che qualcuno possa affermare che tedeschi, danesi, svedesi etc. siano da meno, anzi. Quelle belle guanciotte rosa e pienotte di grandi e piccini accomunano tutti questi simpatici popoli presso cui ho avuto già tante volte il piacere di soggiornare. Ma i norvegesi, evidentemente ubriacati non solo dall'acquavite ma ancor più dalle inesauribili riserve petrolifere che li rendono ricchi, hanno dimenticato quando erano poveri emigranti che sopravvivevano a stoccafisso e patate; hanno pensato bene, anzi, di inventarsi una dieta ricca di grassi (come se la loro dieta usuale non lo fosse già in maniera terrificante) che ha esaurito le scorte e fatto rincarare i prezzi.

Come faranno per Natale? E se cominciassero a importare un po' più di sedano, di carotine novelle, di radicchio trevigiano? L'ananas al posto della millefoglie? I pomodori gratinati invece delle zuppe di pesce come quella che hanno servito a me a Stavanger (90% di panna, 8% di porro, 2% di salmone)?

TAG:  ATTUALITÀ  COSTUME  CUCINA  NORVEGIA  BURRO  PANNA  LATTICINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2009
attivita' nel PDnetwork