.
contributo inviato da Achille_Passoni il 9 novembre 2011


Il Partito Democratico presenterà soltanto tredici emendamenti alla Legge di stabilità, rispetto agli oltre 190 previsti in origine. Si tratta di una decisione responsabile, presa per accelerare l’approvazione della Legge come richiesto dal Presidente della Repubblica e per accelerare la fine di questo Governo.

Tra gli emendamenti superstiti, ne rimangono due che considero molto importanti e su cui mi sono impegnato tanto: il ripristino del finanziamento da 150 milioni di euro per il programma TETRA (di cui ho già parlato qui) e la cancellazione delle riduzioni dei compensi per le funzioni svolte dai Centri di assistenza fiscale, tagli che avrebbero effetti nefasti sui cittadini e andrebbero a colpire la lotta all’evasione fiscale.

Come dicevo, il nostro è un atto di responsabilità che si rende necessario anche per la drammatica giornata che stiamo vivendo sui mercati internazionali. Siamo stati infatti pericolosamente vicini a raggiungere il punto di non ritorno dei tassi sui Btp ed a un ulteriore tracollo degli indici di borsa. Ovviamente ora la parola passa al Governo, che ancora mentre scrivo questo post non ha presentato l’annunciato maxiemendamento che potrebbe sostanzialmente - almeno così si va dicendo - cambiare il testo che stiamo discutendo in Commissione bilancio e rispetto al quale abbiamo operato quella drastica riduzione degli emendamenti “salvandone” solo tredici.

Vedremo ora se e come l’eventuale maxiemendamento recepirà quei due argomenti di cui sopra. Intanto, presentando soltanto tredici emendamenti abbiamo anche tolto ogni alibi a Berlusconi per rinviare le sue dimissioni, annunciate ieri dopo il colloquio con il Capo dello Stato. Con una rapida approvazione della Legge di stabilità, il Premier dovrà rimettere immediatamente il suo mandato nelle mani del Presidente e lasciare spazio a un esecutivo di emergenza nazionale in grado di rassicurare l’Europa e di affrontare la crisi con forza e determinazione.
TAG:  LAVORO  BERLUSCONI  GOVERNO  CRISI  DIMISSIONI  ECONOMIA  MERCATI  BORSE  CONTI  EMENDAMENTO  SPREAD  MAXIEMENDAMENTO  LEGGE DI STABILITÀ 

diffondi 

commenti a questo articolo 3
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork