.
contributo inviato da verduccifrancesco il 7 novembre 2011

Fonte

Succede che alpinisti esperti decidano di affrontare la montagna pur sapendo che è in arrivo una perturbazione che potrebbe bloccarli in quota.

Il primo novembre, una guida alpina decide di guidare una alpinista nella scalata alla via del Linceul sulla difficile parete nord delle Jorasses con la speranza di poter arrivare alla vetta prima dell’arrivo della forte perturbazione annunciata dai servizi meteo di tutta Europa. Purtroppo, però, per motivi ancora sconosciuti, la coppia non riesce ad arrivare alla vetta per l’arrivo della perturbazione e rimane bloccata in parete.

Dunque, due persone sono bloccate a una temperatura di -25 gradi su una parete del Monte Bianco senza che i soccorsi, a causa del maltempo, riescano a portarli in salvo.

Pur rispettando sia la professionalità sia la capacità decisionale della guida, c’è da chiedersi come sia possibile rischiare la propria vita e quella altrui forse solo per un senso di onnipotenza.

TAG:  MONTAGNA  RISCHIO  VITA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork