.
contributo inviato da team_realacci il 5 novembre 2011
Roma, 5 novembre 2011

“Ora è il momento di stringerci intorno a Genova, alle famiglie delle vittime e la priorità sono gli aiuti per affrontare l’emergenza che ha flagellato la Liguria. Quello che è accaduto pone sicuramente la questione della cultura da parte delle amministrazioni e dei cittadini nei confronti degli allarmi della protezione civile, sia per quel riguarda le alluvioni che i terremoti.  E’ sempre più evidente che a una situazione già critica si somma il fatto che oggi siamo chiamati a fare i conti con eventi metereologici sempre più violenti, aggravati dagli effetti dei mutamenti climatici, che sempre più spesso trasformano un’ondata di maltempo in una tragedia: perdite di vite umane, frane e allagamenti, costi sociali altissimi. E in questa situazione più che allarmante il Governo sostanzialmente ha azzerato le risorse già limitate e insufficienti, per la manutenzione ordinaria del territorio e per gli interventi per mettere in sicurezza quella gran parte di paese che risulta a rischio frane, alluvioni e smottamenti”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd commentando l’emergenza maltempo che ieri ha colpito Genova e la Liguria.”

“Ma è anche necessario da parte del Partito Democratico”, aggiunge Realacci, “vigilare con attenzione sulle politiche portate avanti dagli amministratori locali sulla difesa del suolo e della cementificazione del territorio. Talvolta fanno più danno amministratori disattenti a queste tematiche e amici del cemento che amministratori corrotti”.



Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  MALTEMPO  VITTIME  FRANE  ALLUVIONI  DISSESTO  IDROGEOLOGICO  TERRITORIO  PAESE  ABUSIVISMO  EDILIZIO  CEMENTIFICAZIONE  GENOVA  CULTURA  PROTEZIONE CIVILE  AMMINISTRATORI  CITTADINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork