.
contributo inviato da magnagrecia il 6 novembre 2011
           

Com’è noto, l’ammontareelevatissimo del debito pubblico e la stentata crescita, in un contesto di gravecrisi economica che ha investito, a partire dal 2008, tutti i Paesi occidentali,hanno reso necessario il varo di una serie di manovre correttive severe, che hannosempre interessato, ogni volta, anche la previdenza e l’assistenza. Ma non èfinita. Si preannunciano, per reperire risorse, ulteriori interventi sullepensioni, sollecitati dagli organismi europei. Provo allora a fare il punto.

 

Vorreiosservare che: a) si sbaglia, almeno per indeterminatezza, non distinguendoopportunamente tra le due tipologie di pensione: vecchiaia e anzianità;  b) ilsistema pensionistico italiano, dopo le 7 più o meno importanti riforme varatedal 1992 [1], è per il 3° anno inattivo [2] (nonostante la crisioccupazionale) ed in equilibrio fino al 2050 [3] (l’UE lo sa molto bene, ed anche la BCE, che ha menzionatonella famosa lettera soltanto quelle d’anzianità [4]); c) per quantoriguarda le pensioni di vecchiaia, infatti, è in linea addirittura col“benchmark” europeo [5], poiché ègià ora a 66 anni (per effetto dell’eufemistica “finestra” di 12 mesi), dal2013 a 66 anni e 3 mesi, per effetto dell’adeguamento all’aspettativa di vita;per crescere fino a 67 nel 2021 ed oltre 68 nel 2032 [6]; d) è vero, invece,che non sono state riformate ulteriormente le pensioni di anzianità anticipate(età + anzianità di lavoro), disallineate rispetto alla media Ocse [7]; ma quelle ordinarie sono già a 41anni e saliranno anch’esse gradualmente in base all’aspettativa di vita.

 

E’ opportunopuntualizzare, inoltre, che il problema del sistema previdenziale non èsoltanto l’età pensionabile di anzianità o non è soltanto il c.d. “tasso disostituzione”, ma anche l’assenza di un limite agli importi pensionistici. Daidati dell’osservatorio statistico sulle pensioni dell’Inps, emerge che al 2009il 2,21 per cento delle pensioni vigenti è di importo superiore ai 2.500 euromensili, che incidono per più del 10,6 per cento della spesa complessiva [8] (tra queste quelle dei dirigenti,la cui gestione è dovuta confluire nell’Inps perché andata in difficoltà pertroppa generosità [9]).

E tutto questomentre, dai dati Istat sul rapporto annuale dell’Inps diffuso a maggio scorso,emerge che il 70,5 per cento dei trattamenti pensionistici erogati non supera imille € al mese e che il 39,1 per cento delle pensioni è inferiore a 500 € almese [10].

 

In ogni caso,per restare allineati alla media Ocse della spesa sociale complessiva, irisparmi rivenienti dall’aumento dell’età pensionabile di anzianità (da attuaremediante il meccanismo di incentivi/disincentivi previsto dalla riforma Dini)dovrannorimanere nel capitolo previdenza (e assistenza), ad esempio finanziando ilreddito minimo garantito universale (l’Italia è l’unico paese, oltre allaGrecia, che non lo prevede), oppure per adeguare il ‘tasso di sostituzione’pensionistico per i lavoratori precari.

 

Dopo aver addossatol’onere del risanamento (140 mld nell’ultimo anno e mezzo soltanto come manovrecorrettive, escludendo quindi le leggi di stabilità, ex finanziaria) in granparte sul ceto medio-basso e sui poveri, lerisorse indispensabili alla crescita vanno prese da quelli che i soldi ce lihanno: il 10% di Italiani che detiene il 45% della ricchezza nazionale [11].

Le misure ormai sonocondivise dalla stragrande maggioranza degli Italiani (tranne Silvio B. eGiulio T. ed i loro utili idioti).
In attesa degli eurobond [12] (non acaso caldeggiati anche da Tremonti) e della TTF [13], occorre, in particolare:
a) reintrodurre, come ha suggerito anche la Banca d’Italiarecentemente [14], l’ICI sulla prima casa dei più abbienti,abolita dal governo Berlusconi (2,5 mld circa), lasciando le franchigie decisedal 2° governo Prodi [15].
b) introdurre, come hanno suggerito, da ultimo, anche le associazioniimprenditoriali, un’imposta patrimonialeordinaria ad aliquota bassa sulla ricchezza netta al di sopra di una certasoglia, cioè prevedendo una franchigia di almeno 800 mila € [16];
c) ritassare, come suggerito da Pierluigi Bersani, i capitali scudati;
d) eliminare lo scandaloso doppiostipendio ai magistrati fuori ruolo.

La concentrazione della ricchezza e le disuguaglianze sono scandalosee crescenti; basta leggere le statistiche (dell’ONU, dell’OCSE, della Bancad’Italia, non di Liberazione [11]), per rendersene conto. O ildocumento del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, uscito il24-10 scorso [17]. O bastaanalizzare sulle spalle di chi, ripeto, sta gravando e graverà l’onere dei 140miliardi di € (pari a 270.000 mld di Lire) delle manovre correttive varatedall’attuale governo nell’ultimo anno e mezzo. Anche… Catalano direbbe che èpiù equo se la crisi la pagano anchei ricchi (soprattutto quelli che l'hanno provocata), non solo i meno abbientied i poveri.

 

 

[1] Riforme delle Pensioni: Amato, 1992; Dini, 1995;Prodi, 1997; Berlusconi/Maroni, 2004; Prodi/Damiano, 2007; Berlusconi/Sacconi,2010; Berlusconi/Sacconi, 2011.

 

[2] Il Sole 24 Ore Radiocor - Roma, 28 lug

“Inps: Civ approva consuntivo2010, avanzo finanziario cala a 1,66 mld”

http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/articolo-961509/inps-civ-approva-consuntivo-2010/

“Pensioni.Perché è giusto indignarsi”

diFelice Roberto Pizzuti

Il sistema previdenziale è strutturalmente inequilibrio. Il saldo tra le entrate e le prestazioni pensionistiche al nettodelle ritenute fiscali è attivo per un ammontare di 27,6 miliardi

http://www.sinistrainrete.info/component/content/article/73-spesa-pubblica/1665-felice-roberto-pizzuti-pensioni-perche-e-giusto-indignarsi.html

[3] Programma Nazionale diRiforma

Bozza* – novembre 2010

http://europa.dol.it/allegatidef/piano%20Tremonti122384.pdf

N.B.: nella proiezione ivicontenuta, non sono comprese le misure 2011 sulle pensioni.

 

[4] Lettera BCE
http://www.corriere.it/economia/11_settembre_29/trichet_draghi_italiano_405e2be2-ea59-11e0-ae06-4da866778017.shtml

 

[5] Joint Report of Pensions2010 della Commissione europea - News

http://ec.europa.eu/social/main.jsp?langId=it&catId=89&newsId=958&furtherNews

N.B.: I dati sono sintetizzatiin questo articolo:

http://www.businesspeople.it/Societa/Attualita/Pensioni-cosa-ci-differenzia-dall-Europa_25723 

 

[6] La Normativa in Materia diPensioni Pubbliche dopo le Manovre Economiche del 2011

http://www.flcgil.it/sindacato/documenti/approfondimenti/scheda-flc-cgil-la-normativa-sulle-pensioni-pubbliche-dopo-le-manovre-economiche-del-2011.flc

 

[7] Punti salienti OCSE"Pensions at a Glance 2011"

http://www.oecd.org/dataoecd/16/60/47368940.pdf 

Sintesi in italiano

http://www.oecdbookshop.org/oecd/get-it.asp?REF=8111016e5.pdf&TYPE=browse

 

[8] “L’austeritàvista da sinistra”

http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002251.html

 

[9] “L’avventurosastoria dell’istituto di previdenza dei dirigenti industriali”

http://www.manageritalia.it/content/download/Informazione/Giornale/Dicembre2002/pag28.pdf

 

[10] Dati ISTAT sulla base del Rapporto INPS (v. Fig. 7)

http://www.istat.it/it/files/2011/06/testointegrale20110621.pdf?title=Trattamenti+pensionistici+e+beneficiari+-+21%2Fgiu%2F2011+-+Testo+integrale.pdf

Il rapporto INPS 2010

http://www.pmi.it/file/whitepaper/000560.pdf

 

[11] Distribuzione della ricchezza

http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2563890.html

 

[12] “EuroUnionBond per la nuova Europa”

di Romano Prodi e Alberto Quadrio Curzio

http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2011-08-22/eurounionbond-nuova-europa-201300.shtml

 

[13] “Risoluzione del Parlamento europeo dell’8 marzo 2011 suun finanziamento innovativo a livello mondiale ed europeo”

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2011-0080+0+DOC+XML+V0//IT&language=IT

 

[14] “E Bankitalia rilancia l'Ici. Ripristinarla sulla prima casa ma tagliandole tasse sul lavoro”

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/10/14/bankitalia-rilancia-ici-ripristinarla-sulla.html

 

[15] “Abolizione dell’ICI”

http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2558596.html)

 

[16] Dossier “Imposta patrimoniale”

http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2670796.html)

 

[17] “Per una riforma del sistema finanziario e monetario internazionalenella prospettiva di un’autorità pubblica a competenza universale”

link sostituito da:




 

TAG:  ISTAT  VATICANO  ONU  ICI  OCSE  BANCA D'ITALIA  RICCHEZZA  DISUGUAGLIANZE  CATALANO  PENSIONI DI ANZIANITÀ  IMPOSTA PATRIMONIALE  CAPITALI SCUDATI  LETTERA BCE  LETTERA GOVERNO ALL'UE  PENSIONI DI VECCHIAIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di magnagrecia inviato il 11 novembre 2011
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
Dopo aver letto questo articolo, ho inviato una lettera al vice presidente Olli Rehn.

IL CASO
Ue: l'Italia non raggiungerà il pareggio
"Si può fare di più sulle pensioni"

Il commissario europeo degli affari economici, Olli Rehn, presenta le previsioni economiche dell'Unione europea: rinviato a dopo il 2013 l'azzeramento del deficit
10 novembre 2011

Ue: l'Italia non raggiungerà il pareggio. "Si può fare di più sulle pensioni"

Lettera al vice presidente Commissione UE Olli Rehn
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
10 novembre 2011
Il Monti pensiero, dalla crescita all'euro
Nelle ultime settimane, l'ex commissario europeo ha spiegato spesso quali sono le ricette per uscire dalla crisi. Basta privilegi. Assieme al risanamento dei conti deve viaggiare lo sviluppo. E l'euro non si tocca. Perché, afferma il neo senatore a vita negando ogni paradosso, "è un successo anche per la Grecia"
di Laura Pertici

Il Monti pensiero, dalla crescita all'euro
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
Il 2.11 scorso, Ferruccio De Bortoli ha scritto sul Corriere il solito editoriale “fazioso”; ha ricevuto commenti durissimi, incluso il mio.
Fermare la deriva
Fermare la deriva
(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
(segue/2)

Aspettavo da parecchio l’occasione per scrivergli direttamente. Ho colta quella del suo intervento a “Ballaro” e gli ho inviato questa lettera di critica per la sua posizione troppo sbilanciata a favore dei ricchi e di misure inique.
Lettera al direttore Ferruccio De Bortoli

(continua/2)
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
(segue/3)

Oggi, De Bortoli – effetto sicuramente del… clima di larghe intese - ha scritto questo editoriale molto equilibrato (ne riporto la parte conclusiva):

Possiamo farcela
Ferruccio De Bortoli
10 novembre 2011 09:22
[…]. Il segnale dev'essere forte, immediato, comprensibile agli stranieri infastiditi dalle nostre alchimie e dai nostri ritardi. Un esecutivo di emergenza nazionale, con una guida autorevole, può convincere gli investitori esteri che facciamo sul serio. Ridare fiducia a famiglie e imprese. Restaurare l'immagine di un Paese che è solvibile, ricco di primati, valori e talenti. Le forze politiche più consapevoli possono appoggiarlo nel nome dell'interesse comune, disposte a rinunciare al piccolo cabotaggio dei veti incrociati, alla bassa speculazione elettorale. Un tempo sospeso, o una fase di neutralità, consentirebbe ai partiti di riprendere i termini di una normale contesa politica, avviandosi anche alle elezioni, dopo aver messo in sicurezza il Paese. Non si può minimamente pensare di uscire da una crisi di credibilità finanziaria così profonda senza accettare sacrifici, purché questi siano equi e proporzionali, trasparenti e utili per tornare a crescere, creare lavoro e reddito. Ma a una condizione: l'esempio lo deve dare subito la politica, tagliando i suoi costi. E non per finta.

Possiamo farcela

(fine/3)

commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011

LA CRISI
Governo Monti, Berlusconi ci pensa
Lega e Di Pietro non ci stanno

Il cavaliere: "Scelta ineludibile". Lo stop della Lega: "Pronti all'opposizione. Si deve dare la parola al popolo". Sacconi: "E' un tecnocrate". Di Pietro: " Le elezioni sono un elemento di chiarezza. Bersani lo appoggia? Pd e Pdl non possono stare insieme, perché due maschi in camera da letto non fanno figli". Vertice a palazzo Grazioli: il premier cerca di convincere gli scontenti del Pdl
10 novembre 2011

Governo Monti, Berlusconi ci pensa. Lega e Di Pietro non ci stanno

(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
(segue/2)

IL CASO
Il popolo Idv contro Di Pietro
"Non è il momento della demagogia"

Sul web i militanti dell'Italia dei Valori contro l'annuncio dell'ex pm di non votare la fiducia ad un eventuale governo Monti di CARMINE SAVIANO
10 novembre 2011

Il popolo Idv contro Di Pietro "Non è il momento della demagogia"

(fine/2)
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
IL CASO
Monti: "Italia ha enorme lavoro da fare
Crescita nasca da rimozione privilegi"

Indicazioni chiare dall'ex commissario Ue: "Occorrono riforme strutturali, cancellare il problema italiano di chi protegge la propria circoscrizione elettorale". Le richieste dall'Europa e dalla comunità internazionale sono "giuste". E difende l'euro: "Senza, più inflazione e meno rispetto per generazioni future"
10 novembre 2011

Monti: "Italia ha enorme lavoro da fare. Crescita nasca da rimozione privilegi"
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
I MERCATI
A Milano riesce il rimbalzo
Tassi alle stelle per l'asta dei Bot

Giornata in altalena per gli investitori europei. Piazza Affari parte in flessione, sfonda quota 3% e poi ripiega. Contrastate le altre borse europee. Spread intorno ai 500 punti e rendimento del Btp inferiore al 7%. Collocati 5 miliardi di titoli a 12 mesi al 6,087% (contro il 3,570% di un mese fa)
10 novembre 2011

A Milano riesce il rimbalzo. Tassi alle stelle per l'asta dei Bot
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
Aspettiamo di vedere se Mario Monti diventerà presidente del Consiglio, e le sue scelte, ma io non sono del tutto in disaccordo con quanto scrive Stefano Azzarà. Tranne nella chiusa, quando scrive: “Perché è questa questione che decide chi dovrà pagare la crisi”. L’hanno già deciso finora, addossando il maggior peso dei 200 mld di manovre sul ceto medio-basso e sui poveri!

blog personale di Stefano G. Azzarà / e-mail s.azzara@uniurb.it
Un colpo di Stato è un colpo di Stato. Bisogna chiedere elezioni subito
di Stefano G. Azzarà
I principi generali vanno applicati in maniera generale e con obiettività, senza lasciarsi condizionare dalle preferenze personali. Bisogna allora chiamare le cose con il loro nome: quello a cui stiamo assistendo in tempo reale, intontiti dalla retorica dell'interesse nazionale, è un colpo di Stato a tutti gli effetti. E' il colpo di Stato della BCE e della grande borghesia europea, che impone la propria dittatura commissaria all'Italia, annientandone la sovranità nazionale. Solo incidentalmente questo "golpe democratico" colpisce il governo Berlusconi: esso avrebbe colpito alla stessa stregua qualunque governo in carica.


(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
(segue/2)

La tecnica è quella più volte sperimentata: si crea lo stato d'eccezione e da esso si trae la legittimazione per sospendere la normalità costituzionale, forzando le procedure parlamentari. Nulla allora deve contare nel giudizio politico il fatto che la vittima immediata sia l'odiato Berlusconi. Questo fatto contingente, serve semmai a coprire la sostanza degli eventi e a suscitare il consenso più vasto, creando nell'opinione pubblica l'illusione che la sospensione della democrazia sia necessaria per la salvezza del paese e per il ripristino della democrazia stessa.

Ma questo colpo di Stato è in realtà contro l'Italia e contro le classi subalterne di questo paese e il suo obiettivo consiste nell'imporre quelle misure di austerità che il ceto politico, in condizioni normali, non avrebbe la forza mettere in atto.

Non è affatto paradossale che proprio coloro che hanno combattuto il tiranno, autoproclamandosi difensori della democrazia e delle sue regole, stiano ora appoggiando gli eventi per il solo fatto che viene colpito Berlusconi. Tra i danni peggiori dell'epoca berlusconiana, si può dire, c'è proprio l'antiberlusconismo volgare: l'atteggiamento di chi accetta qualunque cosa, basta che non sia Berlusconi a farla.

Bisogna opporsi al golpe e chiedere immediatamente le elezioni politiche. A quel punto, sarà la questione fiscale, la questione della redistribuzione della ricchezza, il banco di prova delle forze politiche. Perché è questa questione che decide chi dovrà pagare la crisi.

http://materialismostorico.blogspot.com/

(fine/2)
commento di magnagrecia inviato il 10 novembre 2011
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
Per quanto riguarda la pensione di vecchiaia (cfr. nota [6]), includendo la “finestra” mobile di 12 mesi, gli uomini andranno già nel 2021 a 67 anni, per l’esattezza 66 anni e 11 mesi, e le donne del pubblico impiego a 66 anni e 11 mesi; quelle del privato a 64 anni e 8 mesi (nel 2026 a 67 anni e 4 mesi).

LE MISURE PER L'EUROPA / Funziona il pressing delle opposizioni
Ddl Stabilità, approvato entro domenica
Nel testo ci sono modifiche all'articolo 18

Ma Tremonti assicura: saranno approvate solo dopo un confronto con le parti sociali
09 novembre 2011 20:21
[…]. Dalle prime indicazioni sui contenuti è emerso che vi sarebbero previste anche alcune modifiche all'articolo 18 dello statuto dei Lavoratori. Queste, ha però precisato Tremonti, saranno approvate dopo un confronto con le parti sociali.
LE ALTRE MISURE - A riferire le prime indiscrezioni è stato il senatore dell'Idv, Elio Lannutti, secondo cui il nuovo testo recepisce i contenuti della lettera inviata dalla Bce all'Italia e si compone di 25 articoli e 10 punti. I capitoli di intervento riguardano la dismissione degli immobili pubblici, una maggiore apertura del mondo delle professioni tramite l'eliminazione delle tariffe minime, la semplificazione normativa, incentivi al project financing e detassazione delle imprese costruttrici, rivisitazione della disciplina sull'apprendistato. E poi ancora un più efficiente utilizzo delle risorse comunitarie e un pacchetto per velocizzare il processo civile.


(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
(segue/2)

Capitolo pensioni. A partire dal 2026 si andrà in pensione di vecchiaia a 67 anni. Inoltre sono previsti meno tagli all'editoria. Entro tre mesi il ministero delle politiche agricole individuerà i terreni dello Stato a vocazione agricola e non utilizzabili per altre finalità da vendere. Infine le aree ed i siti del comune di Chiomonte, individuati per la realizzazione del tunnel della linea ferroviaria Torino-Lione, costituiscono «aree di interesse strategico nazionale». […].
Ddl Stabilità, approvato entro domenica
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
PALAZZO MADAMA
Mario Monti nominato senatore a vita
La mossa del Colle nei giorni della crisi

09 novembre 2011

Mario Monti nominato senatore a vita
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
I mercati non bevono le trappole
Se la situazione sta precipitando al di là di ogni controllo non possono esserci dubbi su quello che i mercati ci stanno dicendo: considerano le dimissioni annunciate l'ennesimo trappolone. Sta alle opposizioni mettere il presidente Napolitano nelle condizioni istituzionali di agire
Carlo Clericetti
[…]. Se le opposizioni cadranno nella trappola di Berlusconi siamo perduti. Sta a loro mettere il presidente Napolitano nelle condizioni istituzionali di agire. Presentino immediatamente la mozione di sfiducia, dichiarando che sono disponibili ad appoggiare il programma di risanamento chiesto dalla Ue ma che deve essere da subito presentato e gestito da una personalità autorevole e credibile. I mercati ci stanno dicendo che non c’è un’altra strada.
(09/11/2011)

I mercati non bevono le trappole
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
Dalla lettera del commissario Olli Rhen, ricavo:

5. Nella lettera, il governo descrive l’impatto dell’attuale legge pensionistica,
inclusa l’applicazione, anticipata e decisa di recente, di un collegamento
automatico all’aspettativa di vita e di un livellamento graduale dell’età
pensionistica per le donne nel settore privato che, in base alle proiezioni
disponibili per l’aspettativa di vita, dovrebbe portare a 67 anni entro il 2026
l’età obbligatoria per le pensioni di vecchiaia. Tuttavia, l’età della pensione per
le donne nel settore privato resterà inferiore a quella degli uomini per molti
anni a venire (contrariamente a quanto accadrà nel settore pubblico). Oltre a
ciò, nei prossimi anni le norme che regolano l’andata in pensione
consentiranno di fatto di farlo in età ancora relativamente giovane. Il governo
sta studiando – per poter affrontare e risolvere queste lacune della recente
riforma – dei provvedimenti adeguati, per esempio una restrizione ulteriore dei
criteri di esigibilità della pensione di anzianità, o addirittura una loro
abrogazione totale, e una più rapida transizione verso il livellamento tra i
generi dell’età pensionistica standard?



Le 39 domande dell’Europa (alle quali l’Italia dovrà rispondere), ANSA

Tutte le risposte che l’Italia dovrà dare all’Europa
Una breve sintesi della lista di 39 domande alla quale il governo dovrà rispondere entro l’11 novembre, sul Corriere della Sera del 09-11-2011
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
8 novembre 2011
La Sora Cesira: ''Berlushka bye bye''
"In un momento di grande difficoltà" ecco il commento in musica di Sora Cesira (che riprende "Babooshka" di Kate Bush)

La Sora Cesira: ''Berlushka bye bye''
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
Riporto la mia replica a Franci53 nel ‘post’ “8 novembre 63 AC” e la nota del Quirinale.

Auguri a te, ma io brinderò solo quando il grande bugiardo avrà rassegnato le sue dimissioni nelle mani del presidente della Repubblica; il quale, forte dell'esperienza precedente raccontata da Eugenio Scalfari (v. il mio 'post'/14 su Silvio B.), ha saggiamente emessa una nota a sancire di fronte all'Italia ed al mondo l'impegno di B. a dimettersi.


LA CRISI
«Il premier si dimetterà dopo la legge
di stabilità»: la nota del Quirinale


Il documento dopo che Berlusconi è salito al Colle

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto questa sera in Quirinale il Presidente del Consiglio, on. Silvio Berlusconi, accompagnato dal Sottosegretario dott. Gianni Letta. All'incontro ha partecipato il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Consigliere Donato Marra. Il Presidente del Consiglio ha manifestato al Capo dello Stato la sua consapevolezza delle implicazioni del risultato del voto odierno alla Camera; egli ha nello stesso tempo espresso viva preoccupazione per l'urgente necessità di dare puntuali risposte alle attese dei partner europei con l'approvazione della Legge di Stabilità, opportunamente emendata alla luce del più recente contributo di osservazioni e proposte della Commissione europea. Una volta compiuto tale adempimento, il Presidente del Consiglio rimetterà il suo mandato al Capo dello Stato, che procederà alle consultazioni di rito dando la massima attenzione alle posizioni e proposte di ogni forza politica, di quelle della maggioranza risultata dalle elezioni del 2008 come di quelle di opposizione. (Testo pubblicato su www.quirinale.it)

commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
OT: Notizia strabiliante!

Terremoto:palazzo alzato per isolatori
08 Novembre 2011 15:19
(ANSA) - L'AQUILA - Un palazzo di 6 piani -lungo 25 metri e del peso di duemila tonnellate - e' stato alzato di 60 cm per posizionarvi sotto gli isolatori sismici. L'intervento, il primo in Italia, e' stato completato oggi a l'Aquila. I 32 martinetti idraulici lo hanno sollevano un centimetro l'ora. L'iniziativa e' dellaFondazione ''6 Aprile per la Vita Onlus''. La stessa tecnologia sara' utilizzata a Venezia contro l'acqua alta, ha detto l'assessore veneziano ai lavori pubblici, Alessandro Maggioni.



(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
(segue/2)

03 Novembre 2011
La Fondazione solleva la sicurezza
Dal 05 al 10 Novembre all'Aquila, presso l'area di cantiere sita tra Via Antonio Rauco e Via Amiternum, si terrà Up! - Sollevamento in Corso, manifestazione organizzata dalla Fondazione 6 Aprile per la Vita ONLUS e Consta.
La manifestazione ha come obiettivi principali la sensibilizzazione della popolazione nei confronti della sicurezza in caso di movimenti tellurici e la promozione in materia di protezione e prevenzione antisismica.
Nell'occasione si svolgerà il primo sollevamento in diretta di un palazzo colpito dal sisma di L'Aquila, applicando l'innovativa e brevettata tecnologia Soles per l'inserimento di isolatori sismici alla base dell'edificio.
Up! - Sollevamento in Corso si sviluppa in alcune giornate coinvolgendo in specifici momenti la popolazione, gli alunni delle scuole primarie e secondarie, studenti e docenti universitari, professionisti del settore, istituzioni, intervallando momenti conviviali e moduli didattici con workshop e conferenze, con lo scopo di far conoscere agli specifici target gli aspetti maggiormente rilevanti dell'intervento sull'edificio.
All'interno della settimana di eventi è prevista la Giornata Istituzionale di martedì 08 Novembre con la presenza di autorità, giornalisti e tecnici del settore.

La Fondazione solleva la sicurezza

(continua/2)
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
(segue/3)

Inserimento di dispositivi antisismici in edifici esistenti
Soles ha messo a punto soluzioni tecnologicamente innovative per l’isolamento sismico in generale ed in particolare per l’adeguamento del patrimonio immobiliare esistente.
Nel caso di strutture esistenti, che richiedono il maggior impegno sotto l’aspetto progettuale ed esecutivo, si ricorre al sostegno e/o sollevamento dell’edificio per consentire l’inserimento di appositi dispositivi quali gli isolatori sismici con sistemi dissipativi di energia. L’obiettivo dei provvedimenti da adottare è sempre quello di svincolare il terreno dalla struttura sovrastante per rendere indipendenti i movimenti relativi delle due entità. L’assorbimento di energia sismica con relativa deformazione dei dispositivi riduce o elimina il danno sismico. […].

Inserimento di dispositivi antisismici in edifici esistenti

(fine/3)

commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
Pensioni. Perché è giusto indignarsi
di Felice Roberto Pizzuti
Il sistema previdenziale è strutturalmente in equilibrio. Il saldo tra le entrate e le prestazioni pensionistiche al netto delle ritenute fiscali è attivo per un ammontare di 27,6 miliardi
[…]. Ma allora perché, anche in ambiti progressisti incontra favore l'idea di nuovi interventi sulle pensioni? Il punto è che i maggiori ostacoli a superare questa crisi epocale risiedono non solo nelle difficoltà frapposte dagli interessi economici, politici e culturali collegati al modello produttivo affermatosi nel passato trentennio e adesso entrato in crisi; le ragioni vanno individuate anche nei limiti delle forze progressiste nel saper rinnovare il modello economico-sociale, la mentalità prevalente nell'opinione pubblica e gli equilibri politici. […].

Pensioni. Perché è giusto indignarsi
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
EVENTS
14/11/2011 - 14/11/2011
Where do we go with Flexicurity? Share your views
The high-level conference to be held in Brussels on 14 November will provide a forum for EU institutions, EU countries and social partners to share their to the current institutional and economic context.

Where do we go with Flexicurity? Share your views
commento di magnagrecia inviato il 9 novembre 2011
“Allora il centrosinistra non abbia paura di intervenire sulle pensioni, subito, senza incertezze, senza rinvii al 2036

Affermazione grossolana e dilettantesca, da ignorante della normativa.

Il centrosinistra sarà credibile se smetterà di essere conservatore
Riceviamo da Matteo Renzi e pubblichiamo:
[…]. La nostra parola d’ordine è l’equità sociale? Allora il centrosinistra non abbia paura di intervenire sulle pensioni, subito, senza incertezze, senza rinvii al 2036 e contestualmente detassare per i primi tre anni il lavoro dei neoassunti. Semplificare la giustizia, specie quella civile, per garantire la certezza del diritto così da portare nuovi capitali a investire in Italia. Privatizzare le maggiori aziende del Paese non solo per far cassa, ma anche per evitare che la Finmeccanica di turno diventi la riserva di caccia di chi vince le elezioni. Tagliare i sussidi e le agevolazioni alle imprese, semplificare la burocrazia, dimezzando davvero i costi, e i posti , della politica.
Riformare il mercato del lavoro introducendo il contratto unico a tutele progressive e superando l’apartheid tra chi è già garantito e chi sta fuori dal sistema del welfare. Portare finalmente la parola merito nelle scuole e nelle università italiane, senza paura di scontrarsi con le resistenze di chi difende il proprio orticello. Un pacchetto di provvedimenti che abbia la funzione di liberare l’Italia, una sorta di angioplastica istituzionale che stasi e sblocchi, subito. Perché lo status quo è quanto di più ingiusto ci sia. E uno schieramento di centrosinistra non può essere progressista nel nome e conservatore nelle scelte. Gli italiani sono persone serie, sono persone perbene. […].
08 novembre 2011

Il centrosinistra sarà credibile se smetterà di essere conservatore
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
15 ottobre 2009
attivita' nel PDnetwork