.
contributo inviato da acalisi il 5 novembre 2011

 

Tra le diverse idee prospettate dai partiti dell’opposizione (in particolare il Partito Democratico e l’Italia dei Valori) per mettere insieme delle risorse da destinare al rilancio dell’economia italiana, c’è quella – secondo me, assai discutibile – di applicare una tassa del 15-20 % sui capitali che sono rientrati negli ultimi condoni fiscali. Come si ricorderà, nel 2003 e nel 2009, furono invitati i cittadini che detenevano somme consistenti all’estero, sottraendosi così al fisco italiano, a far rientrare in Italia quelle somme, pagando una penalità che, se non ricordo male, si aggirava intorno al 4%.
            Molti gridarono allo scandalo di fronte a questo ennesimo condono, varato solo per “far cassa”, e che, in effetti, premiava, applicando una sanzione minima, i soliti furbi. Si trattava di un provvedimento profondamente ingiusto ( come tutti i condoni, del resto) nei confronti di coloro che mantengono i soldi nel nostro Paese, pagando regolarmente le relative imposte.
            Un provvedimento ingiusto, d’accordo. Ma chi aderì ad esso, lo fece con l’impegno da parte dello Stato italiano che null’altro sarebbe stato dovuto in futuro.
            La domanda che mi pongo, a questo punto, è: che credibilità, da parte dei cittadini, può avere uno stato che sancisce un patto con alcuni contribuenti, regolamentandolo con un’apposita legge approvata in Parlamento, e successivamente se lo rimangia perché ha necessità di reperire fondi?
            Da un punto di vista strettamente di parte, può anche essere comprensibile che il Partito Democratico e l’Italia dei Valori siano portati a sottovalutare l’impatto negativo della loro proposta per la credibilità dei politici. I condoni furono infatti varati da governi di centro-destra (vedi Berlusconi): considerarli come carta straccia può essere vissuto come un ulteriore modo per mettere in cattiva luce l’operato di quei governi.
            Io credo però che un vero politico debba sempre difendere la credibilità delle istituzioni, indipendentemente dal colore del governo in carica. E ciò diviene tanto più importante nel momento che stiamo attraversando, caratterizzato da una profonda disaffezione dei cittadini nei confronti della politica.

Astro Calisi

TAG:  CONDONI  REPERIMENTO RISORSE  PROPOSTE  FISCO   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
9 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork