.
contributo inviato da cristina1950 il 26 settembre 2011

Penso che la Redazione non pubblicherà questo mio post, ma almeno avrà modo di leggere il mio pensiero.

Si sono resi conto che l'unico net ufficiale del più grande partito italiano è morto? No, tanto non ci vengono mai, come fanno a saperlo? Nè i circoli territioriali nè gli informatici del partito ne conoscono l'esistenza, figuriamoci gli altri.

Perchè è morto il pdnet? Perchè, stanchi di un silenzio da parte della dirigenza che dura da quasi 4 anni, i partecipanti lo hanno abbandonato. Io per prima.

Per carità, non è che con i nostri scritti pretendiamo di cambiare il mondo, ma vorremmo un interlocutore: non c'è e non c'è mai stato. I dialoghi avvengono tra noi ed hanno risultato pari a zero.

Dunque, cara Redazione, hai una grande responsabilità. Dovresti essere l'intermediario tra noi, la base, e loro, i dirigenti del più grande (attualmente) partito italiano.

Ti sollecito caldamente affinchè tu lo diventi, almeno nell'immediato futuro, dopo una pausa di 4 anni.

Se mi leggerò mi farà piacere, perchè vorrà dire che non c'è censura su queste pagine, altrimenti sarà lo stesso.

TAG:  PDNET. BASE  DIRIGENZA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di cristinasemino inviato il 30 settembre 2011
Cara Redazione, non condivido l'esclusione di seamusbi. Ma proprio per niente. Le sue battute non mi sono mai sembrate oltre le righe, ma un modo anche scherzoso e divertente di non far morire il blog, con argomenti sensati e utili alla discussione: nessuno di noi si è mai offeso. C'è stato ben di peggio in passato: non faccio nomi, ma i frequentatori sanno. E non sono stati per questo allontanati.

Mi associo alla protesta di magnagrecia e non scriverò più, nè commenterò più, fino a che non lo reintegrerete nel blog.

Per tutti, la mia mail è: crignasem@libero.it
commento di alby500 inviato il 30 settembre 2011
Ma è bellissimo... è un miracolo,la redazionepd esiste e legge i commenti,si è svegliata dal torpore e dal disinteresse oppure zitta zitta leggeva tutto e ci controllava? Bel mistero,peccato ormai sia troppo tardi... per consolarvi non vi resta che leggere i sermoni di magnagrecia unico superstite.
commento di pasquino50 inviato il 30 settembre 2011
Sono solo prove di "censura poco oculata"...nel gioco delle parti.
Da criticare invece "l'autocensura" che molti non adoperano...in questo blog!
commento di magnagrecia inviato il 30 settembre 2011
Per solidarietà col Camerata Prof. fantasioso e simpaticamente scurrile Seamusbl, essendomi anch’io reso colpevole talvolta dello stesso “reato”, ma rigorosamente per reazione, mi autosospendo, per cominciare, dai commenti ai ‘post’ altrui, finché egli non sarà reintegrato (anche perché qui, ormai, tolto lui, di interlocutori non ce n’è praticamente più).

Mi permetto di aggiungere che io personalmente ritengo – nella sostanza, anche se non nella forma - più volgari ed insopportabili i “commenti” di uno Scompala o dei vari paranoici che ogni tanto ricompaiono o, persino, di certe anime belle delicatissime, che, ‘postando” i loro rari commenti presumibilmente durante le ore di ufficio, si offendono esageratamente per qualunque critica, anche la più lieve, e chiedono regole severe per gli altri.

P.S.:
Allego il mio indirizzo e-mail, affinché il camerata prof. fantasioso Seamusbl possa inviarmi il dossier su Prodi, che provvederei io a pubblicare: magnagrecia7@gmail.com.


P.P.S.:

@ RedazioneWeb

Non si capisce perché abbiate anche cancellato l’ultimo commento di Seamusbl, nient’affatto volgare, con l’elenco delle cose fatte da PDnetwork, al quale ho replicato.
commento di redazionepd inviato il 30 settembre 2011
L'utente seamusbl è stato momentaneamente sospeso per ripetute volgarità e insulti ad utenti e non di questo network. Ricordiamo che il rispetto reciproco da parte di tutti gli utenti è un requisito essenziale per un dialogo costruttivo. Non è consentito l'utilizzo del PDNetwork per minacciare e molestare gli altri partecipanti. Non sono consentiti insulti alle persone, alle razze, ai sessi, alle religioni, alle provenienze etniche, alle condizioni economiche ed alle convinzioni politiche e sociali. Si raccomanda di evitare le critiche personali, anche se in certi casi sembrano l'unica strada percorribile e sono tipiche ormai del dibattito politico.
commento di magnagrecia inviato il 30 settembre 2011
Camerata Prof. fantasioso Seamusbl,

La concezione saussuriana della lingua come "un sistema in cui tutti i termini sono solidali tra loro, e il valore dell'uno risulta soltanto dalla presenza simultanea degli altri" è il fondamento dello strutturalismo

Come vedi, essendo io un ignorante, sono andato subito a fare una piccola ricerca in Internet.
Per quanto riguarda il tuo elenco, mi permetto di rilevare che hai omesso la Lettera di PDnetwork, che immodestamente a me sembra il risultato migliore del blog, l’unico suo frutto concreto: forse per questo a te inviso.

Temo però che, di tutte le cose da te elencate, alla maggioranza dei frequentatori del forum, ad essere ottimisti, frega pochissimo; altre sono le motivazioni che portano persone dilettanti della politica a frequentare un network politico virtuale come questo. Al di là del limite oggettivo di qualunque spazio virtuale del web di trasformarsi in un progetto politico, questo network sconta il fatto: a) di dipendere da burocrati politici, la cui principale preoccupazione, come insegnava Weber, è di conservare se stessi; b) dalla non consapevolezza della stragrande maggioranza dei frequentatori di questo blog di tale limite; c) dall’uso, cionondimeno, incongruo che se ne è fatto, eterodosso e comunque inferiore a quello possibile.
commento di scompala inviato il 29 settembre 2011
IO URLO COSE EVIDENTISSIME SE SIETE TUTTI IMBOLSITI NON E' CERTO PER COLPA MIA , LE PRIMARIE SONO URGENTISSIME QUESTI QUA (BERSANI,D'ALEMA,VELTRONI ECC..)NON VOGLIONO SCHIODARE NANNI MORETTI DOCET E il PAZZO FARA' DANNI IRREPARABILI VIA GLI IMBELLI E I COLLUSI.
commento di alby500 inviato il 28 settembre 2011
Il PDNET è morto perchè è morto il PD.....
commento di mario petrh inviato il 28 settembre 2011
Anche Pannella finalmente esce allo scoperto e fa lo Scilipoti. Purtroppo il PD si mette dentro certi guastatori che, battaglie giuste certo, fanno bottino per l'avversario. Sarà solo un caso? Mah, per quel che mi riguarda con Berlusconi nulla capita per caso e su "Santo Marco" ci stà lavorando da un pezzo. Ora poi che sono in ballo i contributi triennali per Radio Radicale, i sospetti si fanno concreti.
Buttarli fuori o no? Questo il quesito. Certo che tenersi dentro certi "cavalli di Troia" non conviene mica tanto, vista la fine che fece la città! Ma mi sa che non sono i soli! Berlusconi ne ha così tanti!
commento di maxo7533 inviato il 28 settembre 2011
Ma cosa state dicendo?

Il PD + IDV + SEL = 44%

Aggiungiamo RC e Movimento 5 Stella arriviamo quasi al 50%

Cosa volete il PD al 60%?

Il PDL + Lega + Destra = 32-34

Cosa sperate nella sparizione della destra? questo accadrà quando Berlusconi uscirà di scena, ma sparirà questa destra.
commento di cristinasemino inviato il 28 settembre 2011
Su questo net, un paio d'anni fa, un gruppo di noi firmava i post con nome e cognome, proprio perchè le parole non sembrassero pronunciate da entità astratte. Non ci fu mai riscontro di alcun tipo.
Ogni tanto torno, per vedere se qualcosa è cambiato: ma non è cambiato nulla perchè il PD non ha ancora capito il peso nella formazione del consenso e delle opinioni che i socialnetwork hanno assunto nel tempo. Siamo ancora alla preistoria della comunicazione per i dirigenti!
Non dico che non tornerò più sul net, perchè so che ci tornerò, non foss'altro per la curiosità di scoprire se esiste ancora o è stato chiuso.
Per ora mi prendo una pausa, non di riflesione, ma di stanchezza.
Ringrazio tutti i partecipanti. :)
commento di scompala inviato il 28 settembre 2011
IL PD NET E' MORTO ?
MA NON SCHERZIAMO E' IL PD CHE NON E' MAI NATO
URLO COSE EVIDENTISSIME SIETE TUTTI IMBOLSITI , LE PRIMARIE SONO URGENTISSIME QUESTI QUA (BERSANI,D'ALEMA,VELTRONI ECC..)NON VOGLIONO SCHIODARE NANNI MORETTI DOCET ABBIAMO DIRIGENTI SEMPRE GLI STESSI DA 35 ANNI
OCCORRONO PRIMARIE SUBITO E NON TAROCCATE ARIA NUOVA PULITA E PRIMA DI TUTTO IN CASA NOSTRA
commento di pasquino50 inviato il 28 settembre 2011
I social media dipendono principalmente dalle interazioni tra persone, come la discussione e il dialogo volti a costruire una sorta di sentimento condiviso attraverso l'utilizzo della tecnologia come canale. I servizi offerti dai social media stimolano l'uso dell'intelligenza sia induttiva che deduttiva da parte delle persone. Reclami e denunce si prestano a rapide generalizzazioni a causa delle modalità con le quali le affermazioni diffuse possono essere postate e visualizzate da tutti.
La velocità di comunicazione, l'ampia diffusione e l'incisività, e la possibilità di vedere come le parole costruiscano un caso, sollecitano l'uso della retorica. Il metodo della persuasione viene utilizzato frequentemente come mezzo per convalidare o autenticare le affermazioni e le parole delle persone: la retorica è quindi parte importante del linguaggio dei social media.
Per alcuni aspetti, i social media non hanno limiti: non c'è un numero fisso di pagine o di ore. I lettori possono partecipare ai social media lasciando commenti, messaggi istantanei o anche pubblicando articoli per conto proprio.
Nei social media si è registrata una generale resistenza agli interventi di marketing. Più rilevante si è quindi rivelato il concetto di social authority, relativo alla capacità - costruita attraverso interventi continui, utili, competenti e genuini - di influenzare le opinioni in specifiche aree di interesse.
"PDNetwork è il social network del Partito Democratico "che unisce" chiunque voglia promuovere, sostenere o partecipare attivamente alle attività del PD."
Appunto,del PD. Un "partito" che dovrebbe, visto i tempi, attivare il paese intero al radicale cambiamento, dedito unicamente al colloquio con l'establishment per non sentirsi outsider.
E' inutile sventolargli sotto il naso manifesti, programmi, osservazioni, decaloghi e precetti.....il suo evidente cruccio è come "continuare se stesso" in attesa dell'ineludibile(?) "crack epocale"...

commento di Stefano51 inviato il 28 settembre 2011
Io avevo posto un problema concreto, su un prerequisito indispensabile alla vita di pdnetwork. Purtroppo mi accorgo di aver gettato soltanto un sasso in uno stagno, per cui vi auguro buona permanenza. Leggere delle proposte di un circolo online, frutto legittimo di un approfondimento sulle varie tematiche della nostra crisi ma lontanissime - a mio parere ovviamente - dal paese reale nel quale ormai si vanno accendendo già i fuochi dell'insorgenza civile, è un passatempo che reputo poco interessante. Prima del partenariato c'è il puttanariato del presidente, scoglio necessario da rimuovere. Poi primarie vere e trasparenti, fuori dal giogo dei partiti, di tutti i partiti PD compreso. E' in quella fase che evidentemente potranno avere visibilità e seguito progetti e nuovi volti della politica. Oggi siamo troppo nella merda per parlarne, il pdnet dovrebbe e potrebbe ben servire a creare e coordinare un comitato di liberazione nazionale. Non è una battuta, non so se vi è davvero chiaro in quali guai ci troviamo noi e ancor peggio si troveranno i nostri figli.

Arrileggerci, buon divertimento

Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it
commento di Bysshe inviato il 28 settembre 2011
Salve, purtroppo il PDNET è morto da un pezzo, perchè vittima del sistematico bullismo telematico di alcuni personaggi che sembrano però essere la stessa persona. Ripropongo le osservazioni del post precedente e in particolare la proposta di un codice di autoregolamentazione. In questo senso, sono anche d'accordo, come suggeriva qualcuno, di apparire nel network con il proprio nome, con un controllo della relativa identità.
Spero che la direzione prenda adeguati provvedimenti, una situazione di questo genera distrugge alla radice il contatto con la base e danneggia quindi tutto il PD, anche in termini di immagine.
commento di versoest inviato il 28 settembre 2011
Se il PDnet è morto, bè, noi non stiamo molto bene!

Ci lamentiamo delle faide nel partito che portano all'immagine di una Segreteria divisa praticamente su tutto, non ci piace, naturalmente.

Penso che il reciproco insulto tra di noi quattro gatti da network non porti molto lontano e non aiuti nessuno. E' vitale il confronto, civile, delle idee, anche se per qualcuno dotato di cultura, intelligenza o semplicemente di presunzione le possa giudicare deboli.
commento di gabriellix inviato il 28 settembre 2011
commento di seamusbl inviato il 28 settembre 2011
"adesso che un cervello morto come te comrade e' apparso da queste parti a pascolare e brucare l'erba, c'e' effettivamnte da preoccuparsi"

Ecco quello che intendevo dire "
per fortuna che abbiamo cervelli come questi in questo caso bisogna aver paura"
addio blog
commento di seamusbl inviato il 28 settembre 2011
"commento di gabriellix inviato il 27 settembre 2011
Questo network è morto perchè ci sono solo pochi personaggi che sembrano sapere tutto di tutto............ma poi dicono sempre le stesse cose"

adesso che un cervello morto come te comrade e' apparso da queste parti a pascolare e brucare l'erba, c'e' effettivamnte da preoccuparsi.


"mi impegnerò a mantenere la coerenza con l'argomento e a evitare, nel possibile, la vaghezza e la genericità degli interventi"

comrade eastbound non violentare la tua natura e non andare contronatura, tu andrai sempre nella stessa tua direzione, come dice il nome.
commento di iociprovo inviato il 28 settembre 2011
Condivido il disagio di Cristina.
Ho la spiacevole impressione che i nostri contributi siano letti solo da quei pochi che frequentano il forum, e che nessuno di questi sia un dirigente del PD, spero che le tue parole siano uno stimolo a cercare di ricreare un migliore rapporto con la base, da una parte questo potrebbe essere dovuto al livello della discussione che a volte non è un granché, per cui invito tutti i partecipanti a sforzarsi di essere più propositivi nei loro interventi, e magari ad adottare un linguaggio meno criptato...
commento di magnagrecia inviato il 27 settembre 2011
Carissimo Versoest,

Quasi tutti siamo dei narcisisti, soprattutto quelli che accusano gli altri di narcisismo (o quelli che criticano gli altri di lamentarsi, non contrapponendo proposte concrete, ma… lamentele).

Trovo apprezzabile il tuo intento di essere concreto, ma perché in futuro? Non potevi già ora formulare qualche proposta sul futuro di PDnetwork?
Ti dico questo perché io non so da quando tu frequenti questo forum; t’informo comunque che già almeno 3 volte ho avanzato delle proposte per rivitalizzare questo net o abbandonarlo, ma non ho avuto riscontro.

Rammento che la stessa Cristina1950, l’ultima volta, poco tempo fa, mi rispose che non era più interessata alle sorti di Pdnetwork, poiché era ormai già impegnata con il circolo “LèP” e con la sua iniziativa in FB. Ora invece, con il caratteristico andamento ondivago che caratterizza i politici dilettanti, entusiasti a corrente alternata (tra i quali mi metto anch’io), ha lanciato questo ennesimo ‘post’ di lamentela, rivolgendosi incongruamente alla RedazioneWeb, che è l’ultimo soggetto della catena della comunicazione del PD (approfondii concretamente questo aspetto quando dovetti trasmettere la “Lettera di PDnetwork alla Segreteria Nazionale ed ai Gruppi parlamentari del PD”, forse l’unica iniziativa concreta – nei limiti delle possibilità offerte dal web - e di qualità partorita da questo network nell’ultimo anno, contrastata – ti sembrerà incredibile - da diversi iscritti, tra cui qualche narcisista che sciorina indefessamente qui i suoi commenti e le sue critiche e che arrivò addirittura alla minaccia davvero esilarante di una denuncia all’AG...).
commento di gabriellix inviato il 27 settembre 2011
Questo network è morto perchè ci sono solo pochi personaggi che sembrano sapere tutto di tutto............ma poi dicono sempre le stesse cose
commento di maxo7533 inviato il 27 settembre 2011
Vanno bene le critiche, qui è un piangersi addosso in continuo, è avvilente ritornare in questo net ed ascoltare le solite e noiose critiche, un continuo e asfissiante lamento, purtroppo l'unico stimolatore resta seamusbl, con qualche punta molto fantasiosa, ma pur sempre uno stimolatore, nel proporre nuove versioni, (anche becere) ma pur sempre stimolanti.

Il resto è una noia.

Oddio, un comunicato da un circolo non è che sia il massimo degli interlecutori.
commento di versoest inviato il 27 settembre 2011
Carissimo Magnagrecia, colgo con grande favore l'invito alla concretezza e a abbandonare le lagnanze, è giusto.
Accade spesso che interveniamo per il piacere di rileggerci e per la soddisfazione del nostro narcisismo, credo riguardi quasi tutti.
La cocretezza è, a mio avviso, anche evitare digressioni verso suggestioni collaterali che creano confusione e avvitamenti.
Propositivamente mi impegnerò a mantenere la coerenza con l'argomento e a evitare, nel possibile, la vaghezza e la genericità degli interventi cercando di motivare le affermazioni.
commento di Circolo PD Online inviato il 27 settembre 2011
Continua 11
2) Fissazione di un compenso globale adeguato per ogni livello istituzionale elettivo (Comuni, Aree Metropolitane e Montane, Regioni). Ogni Ente poi, attraverso il suo statuto, deciderà come ripartire tali compensi.
3) Abolizione delle Province, creazione delle Aree Metropolitane e Montane. Accorpamento dei Comuni sotto una soglia stabilita di abitanti (esempio: 3000 abitanti).
4) Per comuni sotto i 5000 abitanti, obbligo di consorziare i servizi: Anagrafe, Ragioneria, Imposte e Tasse, Servizi Tecnici e Culturali, Servizi Sociali, Promozione Turistica e non.
5) Pubblicazione on-line di ogni atto della P.A., a tutti i livelli (Delibere, Determine, incarichi vari, ecc.) ( V. Riforma Costituzione).
6) Finanziamento pubblico ai partiti secondo la quota di 0,35 euro a voto (vedi Germania) e sua erogazione condizionata alla pubblicazione, anche on-line, dei bilanci certificati dagli appositi enti privati. Determinazione dello stato giuridico dei partiti e adeguamento alla normativa vigente. Abolizione di ogni finanziamento pubblico alla stampa.
7) Introduzione del principio di chiamata di responsabilità in solido degli amministratori pubblici.
8) Chiusura delle ambasciate delle Regioni all'estero, con licenziamento del personale ed eventuale riassunzione in sede secondo i normali contratti di lavoro.
Allegato:
http://circolopd.ning.com/forum/topics/una-proposta-per-il-lavoro

commento di Circolo PD Online inviato il 27 settembre 2011
continua 10
LOTTA ALLA CORRUZIONE
Anche la corruzione è insieme devastazione dell’etica pubblica, distorsione delle attività produttive e immane dissipazione di ricchezza. La scuola e tutte le agenzie educative e i mezzi di comunicazione di massa, nel progetto di una nuova Italia, debbono sentirsi impegnate a spiegarlo con chiarezza fin dai primi banchi di scuola. E la politica deve da subito dismettere il costume dell’indulgenza.
1) Allontanamento immediato del personale, ad ogni livello e carica, accusato di corruzione e altri reati contro la P.A., già dopo la condanna di 1° grado, salvo reintegro dopo assoluzione finale.
2) Allontanamento immediato, da tutti i livelli di rappresentanza politica e da ogni carica pubblica, della persona condannata per corruzione o altri reati contro la P.A., già dopo la condanna di 1° grado, salvo possibile reintegro dopo assoluzione finale.
RIDURRE I COSTI DELLA POLITICA E INVESTIRE NELLA DEMOCRAZIA
La riduzione dei costi della politica è apparentemente una esigenza avvertita da tutti gli schieramenti politici. “Apparentemente”, perché per noi una politica austera non è finalizzata né ad una generica battaglia contro la casta né tanto meno al disegno di consegnare il paese a un solo uomo al comando. Vogliamo piuttosto che la politica smetta di essere (per alcuni) o apparire (per tutti) professione e occasione di carriera e affari e possa diventare invece “il secondo mestiere di ogni cittadino”. La semplificazione degli organismi di governo e di rappresentanza, oltre che realizzare apprezzabili economie strutturali, rende più leggibili e controllabili i processi decisionali, rafforzando quindi la democrazia e dandole nuova energia.
1) Dimezzamento dei parlamentari e dei loro stipendi. Eliminazione del vitalizio. In subordine determinazione del vitalizio con il metodo contributivo, da erogare dopo i 65 ani di età o i 40 anni di contributi.
2) Fissazione di un compenso globale adeguato per ogni livello istituz
commento di Circolo PD Online inviato il 27 settembre 2011
continua 9
7) Fino al raggiungimento dell’obiettivo delle riduzione del debito concertata in campo europeo, introduzione di una tassa patrimoniale nei termini di seguito esposti:
· tassa patrimoniale dell’1% sul patrimonio mobiliare ed immobiliare delle famiglie superiore a euro 1.300.000
· aumento dell’imposta di successione oltre i 1.300.000 euro;
· imposizione tassa patrimoniale dell’1% sui valori immobiliari e mobiliari superiori a euro 1.300.000 esposti fra le attività di bilancio di società finanziarie, fiduciarie e immobiliari al netto delle relative passività, ma non dei fondi ammortamento.
8) Tassazione delle rendite finanziarie al 20%, con esclusione di BOT.
CRIMINALITA' E GIUSTIZIA
La lotta alla criminalità deve essere una priorità dei futuri governi. E’ una priorità suggerita anche da motivazioni economiche giacché troppi territori sono controllati dal crimine organizzato che distrugge ricchezza e produce una perversa distorsione delle risorse, inibendo le più sane e produttive iniziative economiche.
1. Unificazione di tutti i corpi armati di polizia in un'unica struttura, eventualmente differenziata tra una di contrasto alla criminalità e l'altra per la gestione ordinaria della sicurezza e l'ordine pubblico. Evidenti le economie e gli incrementi di efficacia.
2. Riforma della giustizia e delle procedure che rendano possibili sia uno svolgimento rapido dei processi che la certezza delle pene e la reintegrazione successiva nella società.
3. Misure dissuasive contro il ricorso pretestuoso o palesemente ingiustificato alla Amministrazione giudiziaria.
4. Depenalizzazioni, riduzione della carcerazione preventiva e ampliamento di misure sanzionatorie diverse, più “economiche”, oltre che di maggiore efficacia rieducativa rispetto alla detenzione.
LOTTA ALLA CORRUZIONE
Anche la corruzione è insieme devastazione dell’etica pubblica, distorsione delle attività produttive e immane dissipazione di ricchezza. La scuola e
commento di Circolo PD Online inviato il 27 settembre 2011
Continua 8
FISCO
L’evasione fiscale è da tempo uno fra i massimi problemi del paese. Il problema ha assunto proporzioni assolutamente inaccettabili nel ventennio populistico, anche a ragione dello smantellamento sistematico delle riforme promosse dal centrosinistra, nonché con una perversa pedagogia governativa, indulgente, anzi sollecitatrice di ogni forma di egoismo e di asocialità. Sono indispensabili quindi riforme profonde, insieme a un lungo lavoro per un nuovo senso comune che sappia distinguere fra intelligenza e furbizia.
1) Recupero dell'evasione fiscale, con l'uso efficace dei nuovi strumenti a disposizione e tramite l’incrocio dei dati delle diverse banche dati in possesso della P.A., adeguando funzionalmente la legislazione. Pagamenti solo elettronici sopra i 500 euro.
2) Controllo informatico su indicatori di reddito quali: automobili, barche, beni di lusso. Incrocio con i redditi e sequestro immediato (secondo le regole dell'antimafia) dei beni non giustificati dal reddito dichiarato.
3) Obbligo per le società di leasing di fornire coordinate fiscali delle clientela.
4) Destinazione automatica del 75% del recupero reale dell'evasione al rimborso del debito; il 25% alla riduzione, anche semestrale delle aliquote, partendo dalle più basse.
5) Eliminazione dei privilegi della tassazione sugli immobili non dedicati al culto della Chiesa Cattolica, insieme a ogni altro provvedimento di favore che confligga con la laicità dello Stato, salvi gli obblighi concordatari .
6) Ridefinizione della curva di progressività delle imposte, rendendo definitive le aliquote introdotte sui redditi elevati come contributo di solidarietà.
7) Fino al raggiungimento dell’obiettivo delle riduzione del debito concertata in campo europeo, introduzione di una tassa patrimoniale nei termini di seguito esposti:
· tassa patrimoniale dell’1% sul patrimonio mobiliare ed immobiliare delle famiglie superiore a euro 1.300.000
· aumento dell’imposta di suc
commento di Circolo PD Online inviato il 27 settembre 2011
Continua 7
8. Obbligo per tutti gli Enti pubblici, proprietari o soci di aziende, a qualunque titolo partecipate, di mettere in rete tutti gli atti di gestione: in particolare, la Ragione Sociale, con eventuali soci, la quantità e tipologia di personale, con relativo metodo di assunzione, compensi e benefit. Eguale obbligo di pubblicizzazione in rete per tutti i lavori pubblici, con tipo di affidamento, se con bando o per licitazione, con relativi atti e richieste preventivi, offerte, consuntivi, e prezzi sia iniziali che totali finali.
9. Affidamento consulenze solo in caso di comprovata necessità, dopo aver valutato la possibilità di richiedere consulenze agli Enti gerarchicamente superiori. La Corte dei Conti potrà in ogni caso impugnare tale incarico e chiedere il relativo rimborso ed eventuali danni a chi di competenza.
10. Obbligo, con legge dello Stato, per gli Enti locali del pareggio di bilancio, da perseguire comunque attraverso il primo bilancio pluriennale. Necessario prevedere sanzioni.

11. Divieto di partecipazione, anche per interposta persona, a bandi e appalti pubblici, per persone o ditte già condannate in 1° grado per corruzione o altri reati contro la P.A.

12. Eliminazione e liquidazione di tutti gli Enti inutili, con apposita commissione parlamentare con tempi fissati per l’analisi e la proposta.

13. Divieto di doppia remunerazione per i dipendenti statali "fuori ruolo". Un funzionario chiamato ad occupare temporaneamente una posizione in un ente diverso da quello di appartenenza e messo nella posizione di "fuori ruolo" dovrà scegliere tra lo stipendio dell'ente di origine o la remunerazione per la nuova posizione temporanea
FISCO
L’evasione fiscale è da tempo uno fra i massimi problemi del paese. Il problema ha assunto proporzioni assolutamente inaccettabili nel ventennio populistico, anche a ragione dello smantellamento sistematico delle riforme promosse dal centrosinistra, nonché con una perversa pedagogia
commento di Circolo PD Online inviato il 27 settembre 2011
Continua 6
2. Riduzione congrua delle spese per la difesa nazionale. Avvio contestuale di una iniziativa italiana che promuova la costituzione di un'unica struttura integrata di FF.AA. della Unione Europea, con contributi proporzionali alle spese di armamenti e personale.

3. Riforma strutturale del sistema pensionistico e degli ammortizzatori sociali. Per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali si deve tendere all’unificazione del sostegno alla disoccupazione, nel senso espresso dal nostro documento “una proposta per il lavoro”. Per quanto riguarda il sistema pensionistico è necessaria una riforma complessiva con due obiettivi:
a) riduzione del rapporto fra la spesa sociale ed il PIL con un risparmio di almeno 80 mld;
b) riduzione percentuale del numero dei pensionati rispetto al totale della popolazione.

4. Fissazione di standard minimi di servizi per la sanità, oltre il quale chiedere contributi proporzionali al reddito e composizione del nucleo familiare.

5. Compartecipazione alle spese per la scuola da parte delle famiglie, sulla base del reddito (con fascia di esenzione). Per l’ istruzione universitaria: incentivare imprese, Fondazioni ed Enti per l'erogazione di borse di studio. Eliminazione dei contributi alla scuola privata.
In generale incrementare per tutti i servizi forniti dallo Stato l’incasso di commissioni e contributi proporzionati al reddito allo scopo di scoraggiare usi impropri dei servizi e sprechi.

6. Riduzione drastica ed immediata delle auto blu, sia a scopo di economia, sia come contributo a una immagine sobria della politica e delle Istituzioni

7. Promozione degli eurobond a livello europeo (come razionalmente e autorevolmente proposto dal prof. Romano Prodi).

8. Obbligo per tutti gli Enti pubblici, proprietari o soci di aziende, a qualunque titolo partecipate, di mettere in rete tutti gli atti di gestione: in particolare, la Ragione Sociale, con eventuali soci, la quantità e tipologia
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
22 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork