.
contributo inviato da Achille_Passoni il 20 settembre 2011


Alla lista delle Fondazioni lirico-sinfoniche in crisi deve essere aggiunto il Maggio Musicale di Firenze, colpito da un disavanzo pari a 27 milioni di euro. Una cifra che con i tagli previsti dalla manovra allontana ogni soluzione sinora ipotizzata per il rilancio dell'azienda culturale.

Il Piano presentato dal Cda del Maggio prevede la sospensione del contratto integrativo, con una diminuzione del 7% dello stipendio ai lavoratori e del 15% ai dirigenti, una maggiore flessibilità del lavoro che consentirà un aumento della produttività con il 20% in più di alzate di sipario l'anno prossimo e del 40% nel 2013. Il tutto porterà ad un risparmio di bilancio di 2,3 milioni di euro.

?Il carico del risanamento dei conti, anche in questo caso purtroppo, è tutto sulle spalle dei lavoratori. Come spesso è avvenuto dall'inizio della crisi economica, il costo più alto dei suoi effetti negativi lo subisce chi lavora: massiccio è stato il ricorso alla cassa integrazione, alla mobilità, e tanti sono stati i giovani precari che hanno perso il lavoro.

Per quanto riguarda il Maggio, non c'è che da sperare nella salvaguardia di tutti i 496 posti di lavoro già minacciati dai 130 esuberi stimati dalla Sovrintendente e dal Comune. Tra l'altro, proprio il Maggio  inaugurerà il 21 dicembre il nuovo Teatro del Parco della Musica, un motivo in più per salvarlo.

L'unica certezza è che i tagli dei fondi agli enti culturali previsti dal Governo e l'insufficiente coinvolgimento delle parti sociali certo non faciliteranno la strada verso una nuova primavera per il Maggio fiorentino. Una buona notizia ad ogni modo giunge dalla sospensione dei licenziamenti per 37 maschere del teatro: è stato infatti raggiunto un accordo con il direttore delle risorse umane che prevede il rinnovo del contratto a termine di questi lavoratori fino a luglio prossimo. Un buon auspicio anche per gli altri lavoratori a rischio.
TAG:  CULTURA  TAGLI  MANOVRA  MAGGIO MUSICALE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork