.
contributo inviato da Claudia Castaldini il 9 settembre 2011

Anche in America qualcosa sta cambiando. Mentre ci spiegano che a Berkeley hanno appena scoperto una supernova in una galassia esterna ma vicina, M101 che si trova ad "appena" 21 milioni di anni luce dalla Terra (beati loro), nel sito del Dipartimento per l'Energia degli Stati Uniti ci informano anche circa i progetti per le energie rinnovabili, le leggi in proposito, e addirittura hanno creato un portale per l'efficienza energetica e le energie pulite - vedere per credere agli indirizzi riportati sotto.  Tutto questo fa ben sperare che qualcosa si muova anche nel Paese che è responsabile della maggior parte dell'inquinamento planetario, in termini assoluti (anche se ora è affiancato dalla Cina), ma soprattutto in quota pro-capite. Viste le posizioni tenute dei governi precedenti, si tratta di una scelta dell'attuale amministrazione guidata da Obama, che procederà non senza difficoltà.
In una di quelle belle mappe del mondo deformate in relazione alle cifre del tema che si sta trattando, si vede che gli Stati Uniti emettono la maggior quantità di composti climalteranti insieme alla Cina, ma hanno contemporaneamente il primato delle emissioni pro-capite. Nell'immagine, le dimensioni di ciascun Paese corrispondono alle emissioni totali, mentre i colori alle emissioni pro-capite, in misura crescente passando dal giallo all'arancio al rosso.
Da notare anche che l'Europa inquina ancora molto nonostante la normativa sicuramente più avanzata del mondo (i dati però risalgono al 2006, successivamente e come abbiamo già discusso le emissioni sono relativamente diminuite), e soprattutto l'Africa, praticamente scomparsa eccetto la Repubblica Sudafricana.

I siti del Dept. of Energy:
http://energy.gov/
http://www.eere.energy.gov/
La mappa del mondo deformata è tratta da:
http://www.viewsoftheworld.net/?p=680

TAG:  INQUINAMENTO  ENERGIA  RISPARMIO ENERGETICO  RISCALDAMENTO GLOBALE  RINNOVABILI  EFFICIENZA  EMISSIONI  CRISI ECONOMICA  ENERGIE PULITE  EFFETTO-SERRA  EMISSIONI CLIMALTERANTI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
28 luglio 2010
attivita' nel PDnetwork