.
contributo inviato da professional consumer il 2 agosto 2011

Quando arriva il tempo in cui l’offerta supera la domanda, al mercato cambiano la regole del gioco. Quel consumare, ormai satollo, perde lo statuto di variabile indipendente, viene cooptato nel processo produttivo, dovrà darsi da fare, ricominciare daccapo.

Eggià, la crescita economica rende indifferibile l’acquisto, obbligato l’esercizio di consumazione.

I Consumatori devono riorganizzare la propria azione; la Famiglia, il proprio statuto per farsi Impresa.

Il meccanismo produttivo ospita questi nuovi addetti e, da lineare aperto, si fa circolare e continuo.

Impresa costituita da addetti che abitano sotto lo stesso tetto. I familiari adulti concorrono con il lavoro a generare reddito, tutti agendo sulla domanda lo spendono; chi lavora produce  merci e servizi, tutti impiegano il tempo libero per acquistare quanto prodotto.

Impresa che acquista quel tutto trasformando il prodotto in ricchezza. Non paga, da’ corso alla consumazione della spesa, magari facendo ingrassare, vestire alla moda che passa di moda gli addetti, epperchennò sprecando pur di far nuovamente produrre, dare continuità al ciclo produttivo e sostegno alla crescita economica.

Investe nella prole per garantire la riproducibilità tecnica dell’impresa: più bocche da sfamare aumentano la quantità della domanda; l’ istruisce, la cura, l’assiste, l’attrezza di capitale umano per migliorare la qualità di quella domanda; con la paghetta attrezza la loro capacità di spesa e ne retribuisce l’esercizio.

Flessibile quanto basta per stare sul mercato: quando il costo d’esercizio degli addetti riduce il potere d’acquisto viene ridotta la dimensione aziendale; la contraccezione contrae le nascite riducendo la domanda.

Alta la produttività d’esercizio: genera i 2/3 del Pil. Bassa la redditività: redditi insufficienti, risparmi allo stremo, debito fuori controllo per tenere il potere d’acquisto e fornire input all’intera filiera produttiva.

Ligia al dovere fiscale, sui redditi da lavoro paga fino all’ultimo cent; non paga, accetta di vedere tassato, ancorchè non retribuito, l’esercizio di ruolo con l’Iva sugli acquisti, la Tarsu sul consumato.

Encomiabile nell’impiego delle risorse aziendali utilizzate sul mercato per gestire la domanda:

Il Tempo libero, quello fatto a pezzi, impiegato per acquistare il prodotto, per smaltire il prodotto, trattenuto dai “suggerimenti pubblicitari”; quel che resta per riposare per poi ricominciare.

L’Ottimismo, lo stesso di chi sbircia di sera il rosso del cielo per sperare buon tempo, che ristora la sete in bicchieri mezzi pieni, quello che acquista senza se, senza ma.

L’Attenzione, quella necessaria a dipanare le merci, l’informazione sulle merci e smerciare le merci.

Il Denaro, quello impiegato per acquistare ben oltre il bisogno, oltre la capacità di spesa.

Risorse queste spese, pur esse non retribuite.

Nel sistema circolare della produzione, insomma, tal valore impiegato nell’esercizio del consumare non trova adeguato remunero; ancor meno quando la condizione precaria del lavoro riduce ancor più i margini di redditività del reddito disponibile, proprio mentre balzi di produttività  aumentano quell’offerta di prodotto che necessita di maggiori volumi di domanda.

In sede di bilancio si rischia il crac: i flussi di cassa risultano insufficienti a smaltire l’offerta del mercato, viene alterata la produttività dell’intera filiera di sistema. Si mostra così l’inefficace allocazione delle risorse nel meccanismo economico.

Eggià, non basta per uscire dal guado alzare il tetto al debito.

 

Mauro Artibani

Per approfondire il tema trattato: PROFESSIONE CONSUMATORE

Paoletti D’Isidori Capponi Editori

Marzo 2009

 

www.professionalconsumer.splinder.com

www.professioneconsumatore.org

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Stefano51 inviato il 17 agosto 2011
E’ UNA VERGOGNA! CON TUTTO QUELLO CHE STA SUCCEDENDO IL PDNETWORK CONTINUA A RIPORTARE IN HOMEPAGE POST VECCHI DI INIZIO AGOSTO O ADDIRITTURA FINE LUGLIO. LA RETE NON PUO’ E NON DEVE ANDARE IN FERIE. SE QUESTO E’ LO STARGATE FRA LA BASE DEL PD E GLI ELETTI, ABBIAMO GIA’ FALLITO TUTTI.

Stefano Olivieri
http://democreticoebasta.ilcannocchiale.it
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork