.
contributo inviato da MarcoBorciani il 18 luglio 2011

Le opinioni che in questi giorni si rincorrono tra tv e giornali sulla Manovra sono oggettivamente numerose e, per lo più, concordi sugli effetti devastanti che un provvedimento così strutturato produrrà nei prossimi anni.
Non è una questione meramente destra/sinistra quella sugli effetti, se si pensa, ad esempio, che anche Presidenti di Regione quali Zaia (Veneto) e Cappellacci (Sardegna) hanno optato per la non applicazione dell'aumento dei ticket sanitari nei loro territori - cosa che per primi avevano fatto Errani (Emilia Romagna) e Rossi (Toscana), due Presidenti non certo vicini a questo Governo. O se si pensa alla Presidente Polverini (Lazio) che si dice costretta ad applicare il medesimo aumento dei ticket, ma solo perchè è in atto un Piano di Rientro della Sanità regionale, non perchè lo condivida.

Insomma, emerge chiaramente che questo atto del Governo ha creato da subito - e ancor più lo farà col passare del tempo - malumori in vari strati del Paese, anche laddove si sia sulla medesima lunghezza d'onda, politicamente parlando.
D'altronde i numeri sono molto chiari: i tagli appaiono esagerati, indiscriminati e, quel che è peggio, tutti destinati a colpire nelle fasce sociali già deboli di per sè.

Prendo a prestito l'immagine mitologica cui ricorreva ieri su Unità il Presidente Errani per raccontare l'infausta scelta di questo Governo: paragonato a Crono che mangia i suoi figli, con questa Manovra il Governo decide di colpire sul vivo gli Enti Locali indistintamente, virtuosi o non, su scala regionale/provinciale/comunale. Così facendo, come il leggendario Titano, chi ci governa taglia le gambe, senza sconti, alle proprie diramazioni sul territorio.
Con quali risultati?
Che gli Amministratori locali si troveranno nelle condizioni di dover attuare scelte drammatiche a scapito dei loro concittadini, aumentando la pressione fiscale, tagliando o riducendo drasticamente i servizi offerti o, peggio, rinunciando a importanti investimenti (ancorchè li si fossero previsti).
Certo, tutto questo è assolutamente un problema lontano, abissalmente lontano, dai pensieri oggettivi di questo Governo: non sono loro a metterci la faccia in prima linea, né, con ogni probabilità, a sopportarne il peso nella prossima legislatura.
Una manovra del genere, è evidente, creerà problemi a tutti gli strati sociali, specialmente quelli più deboli e più a rischio, a partire dalle famiglie e dai lavoratori.

L’unica nota positiva che va scorta in questa manovra è la capacità, una volta tanto, della classe politica di dimostrarsi all’altezza del delicatissimo momento che il Paese sta attraversando. E, certamente, questo non è un merito ascrivibile alla maggioranza, ottusa e perseverante nel suo modo di interpretare il Paese e il vivere sociale, quanto alle opposizioni, comunque contraddistinte. Abbiamo assistito senza dubbio alcuno ad un grande momento di Politica, di servizio alla cittadinanza: la velocità di approvazione del provvedimento governativo, pur nella totale dissociazione, è un’altissima testimonianza di senso di responsabilità pubblica e di senso dello Stato. Questo merita, dal mio punto di vista, tutti gli onori del caso alle forze di opposizione.

Un’ultima nota riguarda gli effetti che questa manovra sta sortendo.
A parte il già menzionato rifiuto di parecchie Regioni all’applicazione del ticket sanitario (comprese, come detto, alcune governate dalla stessa maggioranza parlamentare), credo sia emblematico il risultato dei mercati finanziari conseguito oggi. La Borsa di Milano ha chiuso col peggior risultato europeo. Se lo stesso dato (non, ovviamente, in una lettura numerica, quanto di significati) una decina di giorni fa era l’emblema della speculazione finanziaria cui siamo sottoposti, oggi porta con sé il senso di un provvedimento profondamente sbagliato e tutto da rivedere. Anche i mercati internazionali, dunque, hanno lanciato un messaggio chiaro all’Italia: così non va!

Non resta che da sperare nel Paese, nelle sue forze più autentiche e realiste (sia di natura politica che non) e in un cambiamento profondo e autentico sia della politica nazionale (magari col cambio della guardia necessario) sia dell’andamento generale dello Stato.

TAG:  GOVERNO  MERCATI  POLVERINI  ENTI LOCALI  ERRANI  TAGLI  CRONO  MANOVRA ECONOMICA 
Leggi questo post nel blog dell'autore Borcio
http://Borcio.ilcannocchiale.it/post/2667124.html


diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork