.
contributo inviato da professional consumer il 18 luglio 2011

Nella commedia della crisi si recita a soggetto.

Personaggi ed interpreti: Produttori e Consumatori.

I primi soffrono di un eccesso di capacità produttiva, al mercato portano beni in eccesso; non paghi, retribuiscono il lavoro che produce con un reddito insufficiente a smaltire il prodotto. Viene così svalutato il valore delle loro merci.

Con questi Tizi, ed i loro vizi, si brucia ricchezza non si incontra la crescita.

I secondi acquistano, ben oltre il bisogno, magari a debito, trasformando quelle merci in ricchezza; consumando l’acquistato forniscono l’input per nuovamente produrre.

Con le virtù di questi Cai viene fornita continuità al ciclo economico, sostegno alla crescita.

Quando però il credito, che rifocilla quei redditi insufficienti, si mostra inattingibile siamo alla crisi.

A fronte di tutto questo ora tutti, ma proprio tutti, invocano la crescita.

Beh, a conti fatti, visto che sembra esserci ficcato più valore nell’esercizio del consumare che in quello del produrre, si rende necessario estrarre questo valore.

Per farlo si potrebbe trasfondere liquido monetario, prelevato da Tizio, nell’esercizio svolto da Caio ed ops i secondi  potranno tornare ad esercitare le loro virtù; i primi vendendo l’eccesso vedrebbero  mondati i vizi del loro fare.

Così la crescita potrebbe ripartire, appagando pure gli invocanti.

Mauro Artibani

Per approfondire il tema trattato: PROFESSIONE CONSUMATORE

Paoletti D’Isidori Capponi Editori

Marzo 2009

 

www.professionalconsumer.splinder.com

www.professioneconsumatore.org

 

 

 

 

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di seamusbl inviato il 20 luglio 2011
La questione e' che prelevare soldi dai ricchi e dai criminali finanziari appare impossibile, al momento si fa l'opposto si preleva dalla massa di cani per dare ai ricchi e criminali finanziari.

La massa di cani deve essere rieducata per tornare a vivere con molta maggiore sobrieta' e togliersi dalla testa certi grilli.
Dagli anni 80 la rieducano, e a essere obiettivi gran parte della massa di cani ha mostrato di godere nel farsi inculare, percio' si merita il trattamnto verrebbe da dire.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork