.
contributo inviato da pierluigi bersani il 2 luglio 2011
La relazione alla Direzione nazionale Pd

Mi atterrò strettamente al tema di questa nostra riunione di Direzione perché vorrei che la discussione si concentrasse sull’oggetto che abbiamo messo all’ordine del giorno e che può essere sintetizzato così: come miglioriamo noi stessi e il funzionamento della nostra vita associativa.

Avevo detto nell’ultima Direzione che avremmo lavorato per investire in diverse direzioni sui risultati che abbiamo ottenuto. Una di queste è senz’altro il partito: l’esigenza di migliorare noi stessi esiste e problemi da risolvere ne abbiamo ancora.

È chiaro – lo dico subito – che migliorare noi stessi vuol dire, prima di tutto, migliorare la nostra politica, il nostro progetto, la nostra proposta nel confronto con i problemi del Paese. E vuol dire creare nel vivo di questo confronto quel nucleo di condivisione e di lealtà reciproca che è la sostanza vera della vita di un’associazione.

Ma certamente esistono anche i problemi – su questo adesso ci concentriamo – che riguardano la struttura della vita associativa e che presentano aspetti che ci suggeriscono una riflessione e un intervento.

Vorrei anzitutto chiarire la proposta che avanzo a proposito del percorso, ossia che cosa intendo quando parlo di conferenza sul partito. Leviamoci dalla testa i modelli tradizionali: non è un paracongresso, né una conferenza con i delegati, né altre cose simili.

Propongo invece un percorso aperto di discussione. Un percorso che parte con la discussione di oggi. Entro una settimana allestiremo un sito dedicato a questa Conferenza, che avrà diverse sezioni, una delle quali sarà costituita dai contributi dei membri della Direzione, i quali potranno scegliere se pubblicare l’intervento di oggi o piuttosto inviare un contributo scritto.

Dopo la Direzione di oggi, ci sarà poi nei prossimi giorni un incontro con i segretari regionali. In questa fase, a partire dalla mia relazione introduttiva e dai contributi dei membri della Direzione, si mette in moto, attraverso il coinvolgimento attivo delle Unioni regionali, una discussione che avrà diversi canali: i circoli, il sito online (sul quale militanti, simpatizzanti, critici e tutti quelli che vorranno intervenire potranno far pervenire il loro contributo), le feste democratiche durante l’estate, nelle quali ci saranno finestre dedicate alla discussione sul tema del partito.

Il ritorno di questa discussione avverrà attraverso una selezione ragionata che verrà fatta dagli organismi regionali e dalla segreteria nazionale, per poi tornare nella Direzione, che formulerà una proposta di indirizzo per l’Assemblea, la quale sarà chiamata a varare eventuali modifiche statutarie o, comunque, a fare un punto finale.

Vedremo come questo percorso si affiancherà all’altro percorso che abbiamo in moto, che è quello sul progetto. L’obiettivo è quello di chiudere per ottobre-novembre. Questo è l’essenziale riguardo la proposta del metodo e del percorso.

Il Pd e la democrazia italiana

In questo avvio di discussione indicherò alcuni nodi problematici che dobbiamo sciogliere, e suggerirò anche l’indirizzo con il quale affrontarli. È chiaro che altri temi si presenteranno lungo il percorso, perché qui non farò l’elenco di tutti i problemi. Immagino anzi che la discussione segnalerà altri problemi e questioni da affrontare. Intendiamo discutere in forma aperta anche per questa ragione.

Il punto fondamentale che qui voglio rimarcare (anche se non vi dedicherò molte parole perché ne abbiamo parlato altre volte) è quello da cui prendiamo le mosse in questa discussione e che deve essere chiaro a tutti quelli che vi parteciperanno: noi stiamo parlando della democrazia italiana.

In altre parole, il tema che noi svolgiamo ha un titolo preciso: che cosa si fa dopo Berlusconi, dopo l’ubriacatura populista e personalista di questa povera democrazia italiana. L’orizzonte è costituito, quindi, dal progetto di ricostruzione, dall’insieme di riforme che devono riconsegnarci una democrazia rappresentativa riformata. Dobbiamo ripartire da qui, ne abbiamo parlato altre volte, perché la premessa di questa Conferenza, a cominciare appunto da come la impostiamo, è assolutamente questa.

È in questo quadro di ricostruzione democratica del Paese che noi solleviamo una discussione sui partiti e, quindi, sul nostro partito. Noi dobbiamo sempre ricordare che abbiamo scelto di chiamarci Partito Democratico: in queste due parole – forse non ci avevamo pensato fino in fondo – c’è un radicale programma per l’Italia. Non c’è nessun altra forza politica che si chiama partito e in Italia la democrazia incontra problemi particolari.

Certo, la democrazia rappresentativa è in una fase di difficoltà in tutto il mondo, perché, da un lato, i canali di partecipazione e di decisione non sono in grado di affrontare i temi nuovi che hanno una dimensione sovranazionale, dall’altro, ci sono esigenze di protagonismo diretto di movimenti e di singole istanze della società, che non accettano di essere mediate oltre un certo limite.

Tuttavia, nessuna democrazia matura nel mondo ha rinunciato a una funzione dei partiti, in nessun modo e da nessuna parte questa esigenza di protagonismo diretto della società civile è diventata la strada per negare alla radice la funzione delle forze politiche.

Noi sappiamo di avere avuto alle spalle una particolare vicenda italiana, ne abbiamo parlato tante volte. Non proponiamo peraltro riedizioni di esperienze passate: sappiamo che per uscire dal populismo non basta dire “democrazia rappresentativa”, bisogna dire “riforma della democrazia rappresentativa”, ribadendo i temi sui quali da tempo siamo impegnati. E, lo ripeto, tra questi temi c’è anche uno importante che riguarda i partiti.

Spero, ad esempio, che si riconoscerà che si sta poco a poco verificando quello che avevamo intuito: nello zoppicare ormai evidente di Berlusconi e della sua area di maggioranza è visibile la confusa ricerca di un modo per affrontare il problema, recuperando una qualche forma-partito. Vedremo cosa faranno.

Non può sfuggirci che in tutto il sistema politico italiano ha prevalso una piegatura personalistica delle formazioni politiche, che, anche per ragioni naturali, non potrà essere eterna. Il tema del rapporto tra leadership e collettivo è quindi il tema di domani.

Se è così, pur con tutti i nostri problemi, abbiamo tre anni di vantaggio sugli altri. Le esperienze buone o cattive che abbiamo fatto ci mettono su questo tema in pole position. Bisogna allora che noi utilizziamo al meglio questo vantaggio, che correggiamo rapidamente i difetti e che così, avendo risolto un certo numero di questioni aperte, ci attrezziamo meglio a svolgere il ruolo di primo partito di questo Paese. Questo deve essere l’orizzonte dell’impegno che affrontiamo con la Conferenza...

Che cosa intendo quando parlo di un moderno partito popolare e riformatore? Intendo un partito di iscritti ed elettori, nazionale e autonomistico, unito e plurale, laico ma non agnostico eticamente e culturalmente. Un partito che, da un lato, riafferma con orgoglio l’autonomia e l’essenzialità della politica, dall’altro, ne riconosce i limiti. Un partito che mette insieme orgoglio e umiltà, che sa riconoscere i confini della sua azione e si pone perciò il problema di avere strutturalmente un rapporto aperto con la società, un rapporto cioè di affiancamento e collaborazione con movimenti democratici e civici, che pretendono politicità senza per questo pretendere di sostituirsi alla politica.

Questo è il tema di domani, perché queste autonome soggettività di cui parliamo vanno naturalmente condotte a non sfociare nell’anti-politica, ma resteranno un dato strutturale della società di domani. Non possiamo pensare che siano fenomeni passeggeri. Attraverso strumenti di formazione, di informazione e anche con l’ausilio della rete bisogna quindi trovare un modo per rilegittimare la politica, affiancandola a istanze e movimenti che sono ugualmente legittimi, ma che riconoscono l’esigenza di una funzione unificante, che è quella della politica.

Se riusciamo a rappresentare la funzione del partito così, possiamo dirci un’altra cosa politicamente impegnativa. Abbiamo tre anni e mezzo di vita. Lavorando così, possiamo costruire un racconto condiviso: dove siamo arrivati è il risultato del lavoro di tutti, è il frutto dell’aiuto e del contributo di tutti.

La grande avventura del Pd dovrà essere narrata in una evoluzione positiva, nella quale tutti hanno dato una mano. Dobbiamo consegnare al futuro una storia condivisa della vicenda di questi anni.

Proprio per questo non intendo in nessun modo che questa discussione sia inficiata o disturbata da preoccupazioni d’area o di corrente. Qui siamo nella nostra ditta, nella quale si parla con libertà e senso di responsabilità. Ognuno dà il suo contributo e alla fine insieme tireremo le somme.

Un partito di iscritti e di elettori

Veniamo a qualche tema specifico, sapendo che ne indicherò alcuni ma non tutti. Per capire cosa intendo quando parlo di partito di iscritti e di elettori, propongo di lasciarci alle spalle la discussione partito leggero-partito pesante. Il partito deve garantire di poter svolgere alcune funzioni essenziali, che sono quelle che ne giustificano l’esistenza.

Deve quindi essere attrezzato ad ascoltare e a confrontarsi con le istanze della società, deve essere capace di un’elaborazione autonoma (deve cioè darsi dei canali propri di elaborazione culturale e politica), deve avere un’organizzazione adeguata a rendere praticabile e veicolabile la sua visione e il suo progetto, deve infine garantire formazione e selezione dei gruppi dirigenti. Queste sono le funzioni necessarie ed indispensabili, che vanno svolte con il massimo grado di leggerezza e di essenzialità.

Ci vuole un minimo di robustezza politico-organizzativa, che non contrasta affatto con l’apertura all’esterno, anzi ne è la condizione. Non penso al partito dei funzionari, ma a una formazione che abbia una stabilità strutturale e garantisca alcune professionalità specialistiche, ad esempio nel settore organizzazione e comunicazione, con figure che, anche al livello territorialmente adeguato, siano in grado di garantire continuativamente rapporti e iniziative verso l’esterno.

Per le funzioni politiche, noi non vogliamo essere un partito di funzionari. Quando necessario e utile, si devono trovare per i ruoli politici forme di collaborazione che abbiano carattere di flessibilità e fluidità. In un partito così la sovranità appartiene agli iscritti che, a mio giudizio, in diverse essenziali e importanti occasioni, o per via statutaria o per via di decisione politica, la rimettono agli elettori.

Ci sono materie e circostanze in cui il riconoscimento del ruolo degli iscritti è imprescindibile. Si pensi all’elezione degli organismi dirigenti territoriali. O a scelte fondamentali di orientamento politico-programmatico, su cui è giusto valorizzare uno strumento come il referendum degli iscritti. Questa esigenza l’abbiamo enunciata varie volte, ma non l’abbiamo mai praticata.

Per esempio, potremmo sperimentarla alla fine di questo percorso della Conferenza sulle eventuali modifiche statutarie, chiamando gli iscritti a pronunciarsi con un referendum.

Oppure si pensi alle nuove tecnologie. Potremmo, per esempio, studiare di collegare l’iscrizione al partito all’attribuzione di un codice personalizzato di accesso a una rete di consultazione del partito, che possa aiutarci a sperimentare anche nuove forme di democrazia telematica.

Ci sono invece occasioni in cui è opportuno e necessario che gli iscritti, nella nuova logica di un partito che ho cercato di descrivere, trasferiscano la sovranità a una platea più vasta, costituita dagli elettori del partito che accettano di dichiararsi e registrarsi come tali.

Sapete quanto complesso sia il tema della registrazione, che può essere fatta in modo flessibile o più rigido. Anche di questo dovremo discutere, ma il tema c’è. Il trasferimento della sovranità agli elettori è necessario nel caso della scelta dei candidati per i vertici istituzionali.

È una scelta che, per le nostre responsabilità e le nostre dimensioni, non riguarda solo il partito, ma investe le prospettive delle comunità locali. Le primarie sono fondamentali e preziose. Nella normalità dei casi, le primarie si sono rivelate in grado di raccogliere e mobilitare attorno al PD e alla coalizione anche energie esterne ai partiti.

Mettiamo fine a questa discussione che a volte ritorna: noi abbiamo il copyright nazionale ed europeo di questo strumento, non ce lo faremo portar via da nessuno! Questo intendo quando dico di mettere in sicurezza le primarie: attenzione, uno strumento così prezioso non può essere contraddetto nelle sue finalità.

Noi abbiamo sperimentato che le primarie si sono rivelate preziosissime quando sono state interpretate come una risorsa della politica, sono state meno preziose (uso un eufemismo) quando sono state concepire come una sorta di vincolo regolamentare da brandire nello scontro interno. In questi casi vi è stato un automatismo burocratico, che ha portato all’utilizzazione delle primarie solo per fini di parte.

Dobbiamo perciò valutare quale sia lo spazio politico necessario per individuare i casi in cui non ci siano le condizioni per il ricorso a questo strumento. Lascio aperta la discussione su questo punto, ponendo il problema e legandolo a un aspetto su cui voglio invece dire una cosa più precisa. È chiaro che in questo meccanismo possono esserci talora elementi negativi o qualche volta perfino patologici; il punto è che quando noi ci roviniamo da soli applicando male il meccanismo, roviniamo anche la coalizione.

Quando parlo di responsabilità, non lo faccio solo per noi: se noi perdiamo un Comune perché abbiamo impostato male le scelte, perdiamo un comune per tutto il centrosinistra e vince la destra!

Penso che la scelta di spostare l’asse delle primarie verso la coalizione si sia dimostrata giusta e vincente. Adesso abbiamo il problema di individuare regole democratiche che impediscano di trasformare, come in qualche caso è avvenuto, le primarie di coalizione per i vertici istituzionali locali in una resa dei conti interna al Pd.

Pongo il tema di meccanismi che favoriscano, magari senza imporla rigidamente, l’univocità della presenza del PD nelle primarie di coalizione. Valutiamo di alzare la soglia di presentazione delle candidature espressione del partito, oppure di individuare dei meccanismi di deroga a rispetto alla regola di un solo candidato del PD nelle primarie di coalizione.

Chiedo un aiuto per trovare una soluzione su questo tema, perché questo, all’atto pratico, si è rivelato il punto si cui si è innestato il problema di cui dicevo, cioè lo svilimento delle primarie in una diatriba interna. Per questa ragione chiedo che sul punto la discussione indichi una soluzione.

Ribadisco che, a mio giudizio, l’apertura agli elettori è una risorsa da salvaguardare anche per l’elezione del segretario nazionale del Partito Democratico. Sia per la sua funzione di rappresentanza generale che per la sua esposizione esterna, è una responsabilità che non può essere intesa come rivolta solo al corpo degli iscritti, perché poi vive quotidianamente sotto i riflettori di una battaglia che coinvolge l’opinione pubblica nazionale, e perché può avere dei tratti unificanti in un Paese che di questo ha assolutamente bisogno.

Per quel che riguarda la selezione dei candidati al Parlamento, noi abbiamo un nostro progetto di riforma elettorale. C’è in corso un’iniziativa referendaria, di cui troveremo il modo di discutere, ma è chiaro che noi abbiamo la nostra proposta. Possiamo dire che tutto ciò che mette in discussione il Porcellum e apre uno spazio per una discussione parlamentare di riforma può essere utile, ma noi abbiamo la nostra proposta.

In presenza del Porcellum, noi siamo di fronte a una questione che è emersa in maniera assolutamente evidente negli ultimi mesi. C’è una spinta enorme alla partecipazione - i referendum, le amministrative, la piazza di Milano – e ci troviamo di fronte all’imbuto di una legge elettorale che costringe alla nomina dei parlamentari.

Questa legge è talmente in contropelo rispetto alle esigenze di partecipazione, che qui davvero può profilarsi una situazione dove rischia di “piovere per tutti”. Quindi noi dobbiamo affrontare il tema, tenendo presenti le implicazioni di ciò che facciamo. Stiamo parlando della composizione di gruppi parlamentari che devono garantire la rappresentanza di genere, i territori, il pluralismo, le competenze e l’apertura all’esterno. Noi dobbiamo ribadire e combinare queste esigenze, per inserirle però in un quadro di partecipazione.

Mi limito a dire che, nel caso in cui rimanga in vigore questa legge elettorale, noi dovremo trovare delle forme che tengano conto anche delle diverse articolazioni territoriali. Ad esempio, abbiamo le Unioni regionali di cui avvalerci. Noi possiamo quindi dare dei criteri di indirizzo, secondo uno schema per cui una parte fondamentale delle scelte vengono rimesse agli iscritti, senza escludere (in particolare per quelle regioni che siano in grado di farlo) iniziative di ulteriore ampliamento dei meccanismi di partecipazione.

Non scendo ulteriormente nei dettagli, limitandomi dunque a un indirizzo che garantisca la partecipazione a partire dagli iscritti (senza escludere forme più larghe laddove a livello regionale le condizioni politiche e regolamentari lo consentano) e che assicuri quegli elementi di unitarietà imprescindibili per i gruppi parlamentari.

Un partito nazionale e autonomista

Il secondo grande tema è costituito, a mio giudizio, dalla dimensione nazionale e autonomista del partito. Noi abbiamo una certa idea dell’Italia, siamo patrioti e autonomisti, e abbiamo una certa idea di federalismo, fondata sulla nostra cultura. La nostra cultura dell’autonomismo è una risorsa preziosissima se collegata alla nostra vocazione patriottica. Come partito federale, noi abbiamo cominciato negli ultimi anni a dare più risorse e strumenti alle organizzazioni territoriali. Siamo convintissimi che un partito non si rimette in piedi puntando solo sul trascinamento dei leader o sulle campagne nazionali.

Per questo dobbiamo rafforzare l’autonoma responsabilità economica, organizzativa e politica dei nostri livelli territoriali. Qui c’è il punto di come questa rappresentanza territoriale trovi diretta espressione negli organi dirigenti nazionali. Propongo con grande convinzione il principio per cui una quota consistente – io direi fino alla metà – degli organismi ad ogni livello (nazionale, regionale e provinciale) debba essere espressa direttamente dalle organizzazioni dell’ambito territoriale sottostante.

Questo perché tale meccanismo di rafforzamento delle rappresentanze locali ancora il dibattito politico alla concretezza del radicamento territoriale, corresponsabilizza i territori nella dimensione nazionale, diventa una leva di promozione e di selezione di quadri validi che, se rimangono chiusi in una dimensione localistica, non possono alzare lo sguardo. Partecipare al lavoro di direzione a un livello più ampio è un elemento formativo per eccellenza.

L’applicazione di questo principio può inoltre essere un meccanismo correttivo (non risolutivo, ma correttivo sì) dell’eccesso di verticalizzazione correntizia, perché, in fin dei conti, se un circolo deve mandare qualcuno alla direzione provinciale, mediamente sceglie il giovane che ha voglia di andarci e che è ritenuto capace.

Se la decisione la prendiamo da Roma, non è detto che sia così. Su questo sono interessato a discutere seriamente, è un punto essenziale. È chiaro che non si risolvono le cose dall’oggi al domani, ma si può mettere in moto un processo di cambiamento positivo.

Vi è poi il tema del rapporto tra partito e amministratori locali. Abbiamo approvato recentemente il regolamento per la buona condotta degli amministratori locali. È uno strumento importante, perché consente di dire all’amministratore locale: «Rispondi ai cittadini, però sei nel PD. Noi rispettiamo la tua autonomia e non ci interessa dirti chi sono gli assessori, per noi le regole essenziali sono correttezza, trasparenza, rigore». Riguardo l’aspetto politico, il problema è come, nelle condizioni date, si garantisce l’autonomia degli amministratori e insieme si valorizza il patrimonio di affidabilità e di fiducia che tanti di loro esprimono e che li rende una risorsa fondamentale.

Ribadita l’autonomia dei vertici istituzionali rispetto alle scelte gestionali, occorre una comunicazione più stretta nell’indirizzo politico e amministrativo per uscire dall’eterno dilemma: il partito si lamenta del disinteresse del sindaco e il sindaco del fatto che nessuno gli dia una mano. È una storia antica, non nasce certo oggi. Qui bisogna dire agli amministratori: noi non entriamo nelle vicende gestionali, però una volta l’anno (arriverei a prevederlo anche statutariamente) si tiene una conferenza programmatica organizzata dal partito sulle prospettive amministrative.

Può essere questo o un altro meccanismo, ma cerchiamo di trovare una soluzione. Inoltre, il meccanismo di cui ho detto, che prevede organismi costruiti per una buona parte su base territoriale, può essere anche il veicolo per mettere di più alla prova della direzione politica esperienze amministrative. Mi pare che anche questo possa essere utile.

Se noi costruiamo un’architettura del partito a forte base territoriale, possiamo tranquillizzare su un altro punto cardine, ossia sulla necessità di rafforzare le funzioni centrali del partito. Se davvero vogliamo il partito federale, dobbiamo farlo con funzioni centrali che siano adeguate. In nome di che cosa? Della proprietà indivisa, ossia del marchio, della ditta, che, se viene danneggiata in un luogo, viene danneggiata dappertutto.

Se costruiamo degli organismi nazionali nei quali ci sia anche la presenza forte dei territori, lì si possono condividere anche decisioni di intervento che siano più incisive di quelle che abbiamo oggi. Naturalmente mi riferisco a casi-limite, come quelli che possono riguardare il mancato rispetto del Codice etico (che deve essere invece sempre esigibile), questioni programmatiche dirimenti, o anche questioni di candidature e alleanze che possono mettere in discussione la credibilità di fondo del partito.

In queste circostanze, credo che bisogna prevedere per gli organi nazionali la possibilità di intervenire e anche, nei casi-limite, di avocare la decisione ultima. A proposito dell’autonomia dei livelli territoriali, bisogna affrontare il tema della modalità di elezione dei segretari regionali, che intendo rimettere alla discussione.

Abbiamo avuto l’esperienza dell’agganciamento dell’elezione dei segretari regionali al meccanismo delle primarie per il segretario nazionale. Questa soluzione a me non pare coerente, in quanto stride con l’impostazione per la quale i livelli territoriali devono avere la possibilità di un confronto politico autonomo.

I livelli regionali sono rimasti schiacciati: un po’ di filiere verticali, un po’ di sostegno di liste locali, il tutto dentro una discussione molto nazionale. Proporrei lo sganciamento temporale dei congressi regionali rispetto alle primarie per il segretario nazionale.

A questo punto si pone però un altro problema: finché c’è l’aggancio alla dimensione nazionale, si può pensare di fare le primarie per il segretario regionale, ma, se non è così, comincia a essere più complicato, in quanto diventa concreto il rischio di una burocratizzazione delle primarie. Discutiamone comunque: a mio giudizio, il punto di fondo è se scollegare il percorso regionale da quello nazionale. Se si propende per questa ipotesi, a me pare più logico restituire agli iscritti la scelta del segretario regionale.

Un partito plurale e unitario

Ho detto in più occasioni che non vogliamo un partito con stanze o appartamenti separati, ma che la ricetta che prepariamo deve comunque lasciar trapelare gli ingredienti diversi, ossia i diversi filoni e le differenti sensibilità. Ho accennato prima che un diverso rapporto tra centro e territori può contribuire a evitare la piegatura delle aree culturali verso esiti correntizi verticali.

Dobbiamo incoraggiare la fisionomia politico-culturale delle aree, facendo di questo un asse del partito. Discutiamone quindi, io guardo con un certo favore quando le aree promuovono iniziative culturali, di approfondimento e di ricerca.

. Mi pongo e pongo il problema, se questa è la dimensione e la prospettiva, di verificare come poi il partito si attrezza per una sintesi utile di questi apporti culturali. Tra le funzioni strutturali di un partito a livello nazionale (e probabilmente non solo a questo livello) c’è quella di un ufficio studi o di qualcosa di analogo, nel quale nel rapporto con tutte queste varie realtà si riconfigurano anche punti di sintesi, temi di relazione, specializzazioni nell’approfondimento dei temi.

Dall’altro lato, io rafforzerei la dimensione e il ruolo dei territori, man mano che cambiano i protagonisti e si impongono le nuove generazioni, alle quali non possiamo certo consegnare gli schemi di una volta. Dobbiamo incoraggiare largamente processo di de-verticalizzazione. Le correnti verticali non sono l’architettura del partito del futuro.

Una volta che ci siamo intesi su questo, il pluralismo culturale deve essere difeso e valorizzato, perché è la nostra ricchezza. Vorrei che, nel corso della nostra discussione, approfondissimo la ricerca di questo punto di equilibrio: come rafforzare il profilo politico-culturale del pluralismo, evitando la verticalizzazione correntizia.

Questo è necessario anche perché ho in testa un partito -l’ho anticipato prima- laico ma non agnostico sui temi etici, sui grandi temi culturali, sulle nuove frontiere delle scelte etico-morali. Qui si colloca il tema di come ci accostiamo a temi nuovi e delicati. Ribadisco che noi dobbiamo riconoscere il diritto all’appello alla coscienza come elemento irrinunciabile, che deve però essere collocato a valle di un processo di discussione, di affidamento reciproco, che muove dalla consapevolezza che tutti noi siamo nel partito per prendere decisioni in nome del bene comune. Questo ci vincola a ragionare, anche quanto proponiamo leggi, considerando la coscienza di tutti.

Ritengo quindi che (se ne parla sempre per questi casi, ma non riguarda solo questi casi) che i gruppi parlamentari e consiliari del partito debbano darsi regole di solidarietà e di disciplina interna: non esiste per nessuno il vincolo di mandato, e tuttavia l’appartenenza a un gruppo è una scelta, che presuppone l’accettazione di regole condivise.

Queste regole devono naturalmente prevedere la possibilità del voto di coscienza, ma inserendolo in un quadro di valorizzazione della ricerca comune delle soluzioni ed evitando che l’appello al voto di coscienza sia banalizzato. Non entro nei particolari, ma le forme possono essere trovate. L’importante è che abbiamo chiaro il punto politico fondamentale. Quando dico che non siamo agnostici, intendo che dobbiamo sempre ricordare che il centrosinistra non è il centrodestra, il che significa non possiamo rappresentare il nostro mondo mettendoci nel relativismo più totale riguardo i temi cruciali.

Abbiamo su questi temi un’altra pelle, più sottile. La nostra gente è diversa, chiede sempre un forte riferimento di senso e di valore. Noi dobbiamo trovare il modo di mettere in valore la ricchezza e la forza di convinzioni etiche e religiose, per trovare poi una nostra piattaforma di cultura politica, naturalmente praticando l’autonomia della politica. Autonomia significa che la politica deve mettersi nella condizione di poter decidere per tutti, rivendicano il suo ruolo di mediazione tra principi e norme.

L'attuazione dell'articolo 49 della Costituzione e i costi della politica

Nel nostro percorso, affrontando il tema della trasparenza e dei costi della politica, non possiamo eludere la questione di una legge di attuazione dell’art. 49 della Costituzione. Capisco le controindicazioni, il rischio di fossilizzare e irrigidire la vita interna dei partiti. Ma se vogliamo dire più chiaramente che per noi la necessità dei partiti non significa il ritorno ai difetti dei vecchi partiti, credo che l’attuazione dell’art. 49 ci dia una bella occasione.

Ci sono già proposte in Parlamento, discutiamone a partire dal principio che un partito, per assolvere la funzione costituzionale, deve garantire trasparenza e meccanismi democratici di partecipazione. In questo quadro, possiamo vedere che cosa significa ribadire una posizione forte sul tema dei costi della politica. Facciamo attenzione su questo, perché ovunque si discute dei costi della politica e noi abbiamo il dovere di mettere un argine a una possibile deriva verso l’antipolitica e la plutocrazia.

La mia proposta è di individuare una soglia europea, verificando, ad esempio, quanto si spenda in Germania o in Francia per i partiti, per i parlamentari e quali siano gli istituti che non coincidono (ad esempio, i vitalizi da abolire). Non accettiamo derive di antipolitica, attestiamoci su una posizione e combattiamo, rivendicando però criteri di sobrietà. Non ci sono solo le questioni che riguardano la pubblica amministrazione, le riforme istituzionali e la riduzione del numero dei parlamentari.

Abbiamo certo altri aspetti da considerare: i superstipendi dei manager, la fiscalità a carico delle imprese che danno buonuscite esagerate e altro ancora. Detto questo, non possiamo non guardare ciò che riguarda direttamente la politica.

Questa impostazione deve coinvolgerci tutti, PD nazionale e livelli regionali, perché noi abbiamo un problema specifico che riguarda proprio la dimensione regionale. È una questione seria, bisogna che ci impegniamo a fondo su questo. Anche in quest’ottica, occorre garantire che il partito in quanto tale abbia una sua autonomia gestionale e organizzativa rispetto a funzioni istituzionali che hanno accumulato, nel corso di varie legislazioni, un potere di apparati e di risorse che alla fine sbilancia qualsiasi equilibrio. Non va bene, questa situazione non è salutare per nessuno, né per le funzioni istituzionali, né per il partito.

Procediamo quindi con determinazione e senza cadere nell’antipolitica, ricordando che ci sono anche realtà come quella dei sindaci di Comuni sotto i 30 mila abitanti, il cui trattamento è palesemente inadeguato. In questi casi si tratta invece di correggere per dare una mano in più.

Formazione, comunicazione, progetto

Un ulteriore aspetto riguarda la formazione e la comunicazione. Diciamo intanto che sulla rete siamo presenti più di quanto si dica e più di altri. Riguardo l’uso della rete voglio dire due cose: non siamo interessati ai meccanismi autoreferenziali della rete, siamo invece interessati alla rete come potentissimo strumento di critica e di aggancio alla realtà.

La sua potenzialità risiede proprio in questo, come grande strumento di connessione con la fisicità, la materialità dell’azione politica. Quando portiamo l’esempio di Obama, in fondo ci riferiamo a questo.

Internet non sostituisce, anzi alimenta una dimensione comunitaria reale. In questo senso, sulla rete possiamo fare di più. Nel corso di questa Conferenza cercheremo anche idee nuove: come abbiamo i volontari per fare le feste democratiche, così noi dovremmo avere dei volontari della rete, perché la rete è un luogo cruciale di critica della realtà e di combattimento politico-culturale.

Intendiamoci, in molti casi saranno gli stessi che fanno le feste, perché noi abbiamo anche una generazione di giovani che partecipa alle feste. Non sto affatto parlando di due categorie distinte, sto dicendo che dobbiamo mantenere attivi entrambi i canali.

Credo che abbiamo risorse partecipative enormi da attivare. Mi riferisco anzitutto alle feste democratiche: non dobbiamo mai sottovalutare l’importanza di questi appuntamenti. Proverei anzi a raccogliere idee su come non limitare questi aspetti comunicazione popolare solo alla festa annuale e come trovare anche durante l’anno dei modi più rapidi e semplici per organizzare un’iniziativa culturale o un momento di ritrovo popolare.

L’obbiettivo deve essere quello arricchire l’iniziativa politica con momenti comunicativi e comunitari durante l’intero corso dell’anno. Il terreno della formazione politica è per noi cruciale. Dobbiamo mettere a sintesi le iniziative interessanti che abbiamo già realizzato. In più, abbiamo ora un nuovo tassello molto importante: un grande progetto di formazione e mobilitazione di duemila giovani delle regioni meridionali.

Non entro nei dettagli, anticipo solo che sarà una sperimentazione, un modo per costruire un meccanismo di circolazione politica interna fra giovani già impegnati nel Mezzogiorno nella battaglia politica e amministrativa. Non ho bisogno di aggiungere quanto sia cruciale questo tema del Sud, anche se certo nel Sud non tutte le realtà sono uguali. Ruolo dei territori e selezione delle migliori esperienze negli organismi dirigenti nazionali; funzione più incisiva del centro; formazione: sono tre leve anche per affrontare le situazioni in cui c’è da ricostruire daccapo, perché noi abbiamo situazioni in cui c’è da ricostruire daccapo.

Tutto questo però non può avvenire (lo vedremo meglio affrontando il progetto) senza una nuova piattaforma culturale, politica e programmatica per il Mezzogiorno. Se vogliamo costruire nuove classi dirigenti, non possiamo che farlo impugnando una nuova linea politica e una nuova idea del Mezzogiorno. È evidente, quindi, che c’è una questione di contenuti.

Riguardo la pari dignità femminile, la conferenza delle donne Pd, che si sta progressivamente strutturando, può esserci d’aiuto non solo come elemento di specializzazione dell’iniziativa, ma per imporre questa questione come un tema generale di battaglia politica nel Paese. Va benissimo la parità negli organismi dirigenti, ma insisto sempre nel dire che dobbiamo sempre farci percepire all’esterno come quelli che la parità la vogliono anche fuori. Non possiamo fare la società perfetto in un partito solo, su questo occorre che rafforziamo il messaggio esterno.

Facciamo attenzione a quel che sta succedendo nel Paese: il movimento civico che si è manifestato alle amministrative era strapieno di donne. È quasi una tautologia dire: si muove una spinta civica, si muove la società, si muovono le donne. E vorrei far notare che, se si guarda la composizione delle nuove giunte, stavolta, senza tanti conflitti, la parità di genere ha trovato un riconoscimento piuttosto diffuso. Ritengo che non sia un passo da poco, proprio perché collegato a una vittoria e a un cambio di fase.

Propongo di inserire nella discussione anche il tema delle nuove generazioni. I giovani devono potersi misurare sempre di più con responsabilità di direzione politica. Ne abbiamo tanti in giro. Abbiamo bisogno di portarli a sperimentare compiti di direzione a livelli superiori, perché non vengano fuori rinnovamenti estemporanei. Il rinnovamento è una cosa seria e dovrebbe essere uno dei compiti fondamentali di ogni leader e di ogni gruppo dirigente quello di promuovere la presenza delle nuove generazioni.

Qui c’è una missione specifica dell’organizzazione giovanile, che io definirei in questi termini: dare una mano perché una parte di tutto quello che si sta muovendo nel mondo giovanile possa indirizzarsi verso l’impegno politico. A mio giudizio, il compito principale dei giovani democratici potrebbe essere quello di stimolare quelle energie in circolazione nelle università, nelle scuole, nei luoghi di lavoro, interessate o anche solo incuriosite dall’impegno politico.

Poi si vedrà come la pensano, però l’obiettivo prioritario deve essere quello di incoraggiare a un impegno politico quei protagonismi e quelle energie giovanili che sorgono su un terreno parziale e che poi purtroppo spesso non riescono a superare questa parzialità.

Ci siamo definiti il partito del lavoro, del lavoro non solo dipendente, ma imprenditoriale, autonomo, professionale, artistico. Possiamo anche qui esaminare la possibilità che sul tema del lavoro il partito organizzi un appuntamento annuale di riflessione e approfondimento. Faccio notare che Berlusconi, nell’ultimo intervento parlamentare, ha parlato per un’ora e non mai ha pronunciato la parola ‘lavoro’. È una cosa impressionante, che però ci dice anche che quanto spazio ci sia per un partito che davvero voglia sviluppare fino in fondo questa chiave.

Infine, possiamo discutere anche di come abbiamo organizzato le strutture centrali e regionali. Anticipo un mio giudizio di sintesi: le strutture dipartimentali e di forum non funzionano tutte allo stesso modo, però quelle che funzionano ci hanno consentito di riprendere rapporti con mondi e realtà importanti, di fare elaborazione, di essere presenti. Insomma, se ce n’è qualcuna che funziona, vuol dire che anche le altre possono funzionare. Su questo io non avanzo perciò proposte di modifiche strutturali, piuttosto intensificherei e formalizzerei di più una prassi che in parte già esiste: il lavoro comune fra dipartimenti, forum, gruppi parlamentari e gruppi consiliari regionali.

C’è da rafforzare, in particolare, la collaborazione con il nostro gruppo europeo. In realtà, la politica europea è ormai politica domestica, nazionale, non è più parte della politica internazionale. Facciamo veramente fatica a digerire questa novità, sia come sistema istituzionale, sia come partito. Su questo valuterei anche di introdurre un correttivo formale nella nostra struttura interna, per sottolineare questo cambiamento.

Siccome siamo partito di progetto, tutto quanto ho detto è naturalmente l’intelaiatura dell’elaborazione programmatica e delle battaglie politiche. Non mi sfugge che dobbiamo perfezionare anche il nostro modo originale di costruire progetto e proposte, anche se siamo arrivati già a un certo punto. Concluderemo entro fine anno il lavoro sul progetto, sviluppatosi con il contributo dei forum e le riunioni dell’Assemblea nazionale.

A me pare che questo lavoro abbia funzionato. Forse un difetto o, comunque, un limite si manifesta riguardo la ricaduta di questa elaborazione programmatica nelle dimensioni territoriali, dal livello regionale a seguire, un grande limite nella diffusione di ciò che elaboriamo.

Forse a questo problema non si ovvia solo con rimedi organizzativi, ma provando a rafforzare già nella fase ascendente, quella di costruzione iniziale delle proposte, il coinvolgimento delle dimensioni regionali e locali.

In conclusione, apriamo oggi un percorso inedito nelle esperienze della politica italiana e non solo italiana. La nostra Conferenza avverrà all'aria aperta, ricercando contributi in modo largo e coinvolgente e aiutandoci così a trasmettere, anche per via di metodo, un tratto della nostra identità.

Guarda il video integrale della relazione di Pier Luigi Bersani alla direzione Pd sul sito di Youdem Tv
TAG:  BERSANI BERLUSCONI  DIREZIONE PD  BERLUSCONISMO  POPULISMO  PIER LUIGI BERSANI  SILVIO BERLUSCONI  BERSANI DIREZIONE PD 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di paolorol inviato il 8 luglio 2011
Bersani, BASTA COL TEMPO FUTURO.. Suoneremo le campane,ci rimboccheremo le maniche, terremo gli occhi aperti...
Sono mesi, anzi ANNI che avreste dovuto rimboccarvi le maniche e suonare i vostri campanellini..

E' ORA che si deve agire, non nel 2013, quando sarà troppo tardi e nessuno più vi voterà. Io sono tre votazioni che vi ho buttati fuori..

Ricordatevi che quei VENTISETTE MILIONI di vaffanculo non sono stati tutti per il nano, sono stati anche per VOI.

Tenetevi pure ancorati alle vostre 36 sedie provinciali.. Finchè dura....



Le province italiane sono 110. Costano al contribuente circa 17 miliardi di euro, cioè quasi la metà dell'importo della stangata a orologeria di Tremonti.

Le presidenze di provincia occupate dal Pd sono 40, contro le 36 del Pdl,

le 13 della Lega, le 5 dell'Udc. Tutti tengono famiglia. Ma se la sinistra non ha la forza e il coraggio di dimostrare agli italiani che non tutti sono uguali, la partita dell'alternativa non comincia nemmeno.
commento di paolorol inviato il 8 luglio 2011
La sinistra senza coraggio (PARTE SECONDA)

C'era in ballo una ragione tattica, innanzi tutto. Tra molti mal di pancia, l'altroieri il Pdl e la Lega hanno votato contro il testo proposto dall'Idv, rinnegando l'ennesima promessa tradita della campagna elettorale del 2008. La soppressione delle province era nel programma di governo del centrodestra, che ora se la rimangia allegramente, non solo rinunciando a cancellare le province esistenti, ma creandone di nuove. Sbarrargli la strada con un voto compatto di tutte le opposizioni avrebbe significato una quasi certa vittoria parlamentare, una clamorosa sconfitta della resistibile armata forzaleghista e un palese disvelamento delle sue contraddizioni interne.

Ma c'era in ballo soprattutto una ragione strategica. Il "movimento invisibile" che attraversa il Paese (secondo la felice metafora di Ilvo Diamanti) invoca da tempo un sussulto di dignità dall'establishment. Un taglio credibile ai costi della politica (tanto più di fronte all'ennesima burla prevista sul tema dalla manovra anti-deficit da 40 miliardi) resta uno dei temi più sensibili per una quota crescente di opinione pubblica, che subisce con disagio una condizione sociale sempre più dura e insicura e reagisce con indignazione di fronte ai privilegi sempre più intollerabili delle classi dirigenti. Auto blu, aerei blu, stipendi blu, pensioni blu. Tutto è blu, nel meraviglioso mondo del Palazzo.

Gli italiani chiedono alla politica efficienza, produttività, equità. Le misure appena varate dal ministro del Tesoro non gli offrono nulla di tutto questo. L'abolizione delle province era invece il primo test, sia pure collocato su un piano parzialmente diverso, per dare una risposta a questa domanda degli italiani. Il Pd quella risposta gliel'ha negata. E non ha capito che cogliere un "attimo" come questo è il modo migliore per evitare che monti ancora l'onda dell'antipolitica. È il metodo più efficace per contenerla, senza lasciarsi travolgere e poi e
commento di paolorol inviato il 8 luglio 2011
"O sono ladri e lo fanno per soldi, o sono coglioni e lo fanno gratis" (Gianni Vattimo)

Bersani, giù quella ridicola maschera!!! Ormai tutti hanno capito di che materiale siete fatti, fuori dalle balle!

La sinistra senza coraggioL'astensione del Pd alla Camera sulla soppressione delle province è stato un errore imperdonabile, che significa voltare le spalle al "movimento invisibile" che ha votato alle amministrative e ai referendumdi MASSIMO GIANNINI


Pier Luigi Bersani e Dario Franceschini
IMMERSA nella nube di "cupio dissolvi" che troppo spesso la acceca, la sinistra ha perso una formidabile occasione. Astenersi alla Camera 1, nel dibattito sul disegno di legge costituzionale per la soppressione delle province, è stato un errore imperdonabile. È come se l'opposizione, dopo aver trovato un prorompente e promettente varco politico dentro la società italiana che ha votato alle amministrative e ai referendum, gli avesse improvvisamente e inopinatamente voltato le spalle.

Dilettantismo? Opportunismo? Masochismo? Forse tutte e tre le cose. Sta di fatto che la politica, come la vita, è attraversata da fasi. L'esito della doppia tornata elettorale di maggio e di giugno imponeva una scelta inequivoca, che rendesse manifesta la capacità della sinistra di saper "leggere" la fase, e di saperla cogliere con tempestività e mettere a frutto con intelligenza.

La fase suggerisce l'esistenza di un'opinione pubblica sempre più stanca delle menzogne di un governo mediocre e inaffidabile, e sempre più stufa delle inadempienze di una "Casta" ricca e irresponsabile. Il ddl sull'abolizione delle province era la prima opportunità utile, offerta soprattutto al Partito democratico, per dimostrare di saper stare "dentro la fase".

C'era in ballo una ragione tattica, innanzi tutto. Tra molti mal di pancia, l'altroieri il Pdl e la Lega hanno votato contro il testo proposto dall'Idv, rinnegando l'ennesima promessa tradita della campagna elet
commento di alby500 inviato il 8 luglio 2011
Bravo maxim11,mi ero già dimenticato: E QUEI 10 MILIONI DI FIRME CHE DOVEVATE RACCOGLIERE PER MANDARE A CASA BERLUSCONI CHE FINE HANNO FATTO? QUANTE NE AVETE RACCOLTE E A CHI SONO STATE CONSEGNATE? SIETE VERGOGNOSAMENTE PATETICI,COMPROMESSI E COMPLICI E NOI STIAMO ANCORA AD ASCOLTARVI......
commento di F.Rosso inviato il 8 luglio 2011
Caro Bersani, a me viene il dubbio che abbiate paura di vincere... Siccome il vantaggio sul Cavaliere aumentava, avete pensato bene di affossare l'azzeramento delle provincie, nonché di non decidere sulla riforma elettorale (l'abolizione del porcellum val bene un referendum, dato che il Parlamento non farà mai la riforma)
Risultato: elettorato in subbuglio e qualche sicuro punto percentuale perso!
Siete un partito immobile su tutto, quando si tratta di decidere davvero. Eternamente indeciso e senza quell'entusiasmo che fa cogliere al volo le occasioni da sfruttare per fare qualcosa di serio.
Il popolo di centro sinistra è contro i carrozzoni inutili (e le provincie rientrano fra questi) ed è assolutamente contrario all'orrenda legge elettorale vigente. Non avete voluto cambiare ne le une ne l'altra.
Penso sia ora di chiarire cos'è questo partito, e cosa vuol fare.
commento di paolorol inviato il 8 luglio 2011
VERGOGNATI COLLUSO!!!!!!

Tutte queste tue pippe non incantano più nessuno, ormai tocca alla magistratura capire chi è il più marcio del PD, chi si fa pagare di più da Berlusconi.

La misura è colma, anche noi delusi dalla politica disonesta e criminale del PD, ladro di fiducia, "suoneremo le nostre campane", "terremo gli occhi aperti", " ci rimpboccheremo le maniche"...!!!


B A S T A !!!!!!!



Ecco un articolo di Farinella del "Fatto". Per quanto mi riguarda non perdo più tempo a scrivere..


Il Pd berlusconiano
Ora lo sappiamo. Con atto ufficiale firmato dalla Camera dei deputati. Agli atti parlamentari del 5 luglio 2011. Di fronte alla proposta dell’IdV di eliminare le province per cominciare a tagliare i costi della politica da camorra, il Pd si è «astenuto». Non ha detto sì come aveva promesso e come avevano promesso tutti e su cui hanno giocato in alcune tornate elettorali. Non ha detto no formalmente, ma ha detto no all’eliminazione delle province per garantire il sottobosco, i riciclati, figli, nipoti e affiliati.

Speravamo che sull’onda del referendum il Pd avesse un sussulto di coscienza e insieme con gli altri, anche Casini, poteva avere la maggioranza in parlamento e battere ancora una volta il governo.

Il Pd non vuole che Berlusconi cada, grida di volerlo mandare a casa, ma poi all’atto pratico vota sempre per salvarlo. Non potendo sfacciatamente votare con la maggioranza che sarebbe stato peggio della legge salva Fininvest, cosa fa il caro ex Partito democratico? Si astiene. Sta fermo e si astiene. Sta immobile, gioca a bocce ferme e si astiene. Come un lampione che illumina la notte, ma sta fermo e aspetta. Si astiene perché le province «si occupano dei permessi per l’urbanistica» (Bersani).

Conseguenze: Berlusconi regge, la maggioranza non cade, il Vaticano gode e gli Italiani sono fritti e ripassati. Non è più il Pd, ma il Pdiscilipoti. Poi dicono che uno si butta a sinistra!
commento di frapem inviato il 8 luglio 2011
Sono d'accordo con Anpo, Dipietro fa propaganda.. e la nostra proposta è condivisibile. Invece vorrei che il PD si preoccupasse della riforma del parlamento ancora più necessaria della riforma della legge elettorale.. Governare con il bicameralismo è impossibile.. subito senato delle regioni, e riduzione del numero dei parlamentari, su questi due punti incalzerei il parlamento e il governo..e scenderei in piazza.
commento di car me lo inviato il 7 luglio 2011
Vorrei che si parlasse pure di come portare avanti un programma chiaro che riguarda il sistema e che tale programma sia condiviso. E parliamo di legge elettorale e chi vuole il referendum e chi non lo vuole, strane vicende ed anche insopportabili divisioni, e con il voto sull'abolizione delle province si crea un marasma che finisce con l'incrinare il rapporto con l'elettorato, proprio quell'elettorato che ha votato compatto i referendum e le amministrative.
Bersani e il PD, ma tutto il centrosinistra hanno avuto molto da queste elezioni perchè compromettere questa ondata di fiducia popolare.
Perchè ci vogliamo fare per forza male ogni volta che risaliamo la china?
A volte il politico si dimentica di essere eletto per servire e non per servirsi dello stato.
Non lo dico io ma lo dicono in tanti e quando sento dire: "i politici, di destra e di sinistra sono tutti uguali" mi fa' rabbia.
Santo Dio è possibile che non si ha un po' di coraggio. Le elezioni passate dovevano dare una scossa a tutto il sistema; il PD forte del risultato invece di approfittare e venir fuori con coraggio si divide, lascia scie incomprensibili. La gente è stanca di sentirsi presa in giro, è stanca della "CASTA" non sopporta più tali vicende. E' possibile che il PD non riesca a tirarsi fuori da questo andazzo?
Mi rivolgo nuovamente a Davide Zoggia, se ci legge, perchè caro Davide non riusciamo ad uscire fuori da questa fase, perchè non dimostriamo efficenza, produttività e soprattutto equità ed unitarietà nelle scelte programmatiche?
Ora il voto sull'abolizione delle province se concordato con le opposizioni poteva provocare un doloroso e clamoroso svilimento delle ragioni della Lega e del PDL, proprio adesso che con la finanziaria di Tremonti, loro stanno provocando reazioni negative da parte di tutte le categorie sociali. Che dire speriamo che si possa riemergere e che si possa finalmente creare un filo conduttore tra il Partito Democratico e il suo ritrovato elettore.
commento di magnagrecia inviato il 7 luglio 2011
Allego (da semplice elettore e militante del PD) a scopo informativo:

Sull'abolizione delle province: semplicemente il mio punto di vista

Caterina Pes - deputato PD
La votazione alla Camera che ha respinto la proposta di legge costituzionale avanzata da Italia dei Valori sull'abolizione delle province merita un'attenta riflessione e impone a tutti coloro che si occupano della cosa pubblica di affrontare la questione con grande spirito di responsabilità.

Come noto il Partito democratico si è astenuto, decisione assunta dopo un lungo dibattito interno tra i deputati. Un partito importante e plurale come il PD fa, infatti, le sue scelte dopo una lunga e articolata discussione, dove ciascuno è libero di esprimere la propria convinzione anche su materie complesse come la riorganizzazione del Paese.

Personalmente ritengo che si sia persa un'opportunità per dare ai cittadini un messaggio chiaro su come la pensiamo in merito agli sprechi della politica. Io avrei fatto un'altra scelta e ora è inevitabile che chi ha votato a favore, in primis Di Pietro che ne è promotore e a ruota Udc e Fli che hanno appoggiato la proposta, abbiano gioco facile nell'ergersi davanti all'opinione pubblica come moralizzatori della politica.

E' altrettanto chiaro che la decisione di astenersi presa dal gruppo del PD impone al partito il dovere di spiegare ai cittadini una decisione così complessa e articolata. Ma un partito che ha aspirazioni di governo deve avere il coraggio di motivare davanti ai suoi elettori e non solo le sue scelte.

L'astensione del PD non va letta come una preservazione della “casta” e dei privilegi della politica o in una difesa a prescindere di questo ente territoriale intermedio, dai più additato come uno dei simboli dello spreco e divoratore di spese inutili.

(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 7 luglio 2011
(segue/2)

In questi momenti è estremamente facile cedere alle sirene del populismo e per una classe politica in grave difetto di legittimazione e riconoscimento sarebbe stata un'occasione ghiotta dire si alla proposta di Idv.

Vorrei provare a riassumere e spiegare la scelta dell'astensione assunta dal gruppo parlamentare del PD cui io mi sono legittimamente attenuta per disciplina di partito pur avendo manifestato in merito una posizione diversa. […].

Sull'abolizione delle province: semplicemente il mio punto di vista

(Fine/2)
commento di car me lo inviato il 7 luglio 2011
Ogg: Cancellando la parola "province" non si riducono i costi della politica

Risposta a Davide Zoggia responsabile Enti Locali PD:
Grazie Davide ma il problema, a mio modesto avviso, resta la divaricazione che c'è tra le opposizioni in questo momento, IDV con Di Pietro passate le elezioni ha cercato in tutti modi di mettere in difficoltà il PD, forse si aspettava un riconoscimento maggiore avendo avuto parte del merito sui referendum e che magari non gli è stato riconosciuto. Qual'è la ragione allora di queste forzature per mettere in difficoltà il PD da parte di Di Pietro?
Rimane di fatto questo scollamento che viene valutato negativamente e che fa molto male all'opposizione, ma che fa male soprattutto al suo elettorato. Il cittadino ascolta s'informa e crede che il PD fa il doppio gioco, c'è, rimane poco spazio per far arrivare l'esatta informazione
Forse le elezioni allora, a parte i referendum, non le abbiamo vinte come quando si vincono davvero e cioè in tutto e per tutto ma le ha solo perse di più il governo.
Dovremmo essere forza trainante ma siamo quasi sempre in difficoltà e a rincorrere qualcuno che cerca di andare più veloci di noi.
Se vogliamo essere forza di governo allora dovremmo pedalare molto più veloci e soprattutto con molta più coerenza e unità d'intenti.
Per il resto il parere e lo stesso.
I tempi della riforma non sono certo i tempi di un voto e sono convinto anch'io che, e lo dico con parole tue, "il paese va riformato e riavvicinato alle esigenze dei cittadini e in questo ci stiamo impegnando" La speranza e che i cittadini, gli elettori valuteranno positivamente questo impegno e allora sì che si vinceranno le elezioni.
Sa lu ti e buon lavoro - Ca rme lo
commento di magnagrecia inviato il 7 luglio 2011
Ciao Vincenzo,
hai già dato un'occhiata al primo numero di "TamTàm democratico"? E' un nuovo periodico online di approfondimento che si propone di accompagnare il Partito democratico attraverso la riflessione e il confronto politico-culturale.

Siamo convinti che internet non sia riducibile a strumento di comunicazione effimera e superficiale, per definizione impermeabile a una riflessione di qualche respiro. Vorremmo cioè sfidare il luogo comune che considera la rete come un mezzo associato a un "pensiero corto”. Ci proponiamo di offrire spunti utili per interpretare il presente e il futuro, al riparo dall'ansia di inseguire l'attualità politica e le molteplici urgenze programmatiche.

"TamTàm democratico" vede la luce in una stagione caratterizzata da due circostanze che rappresentano altresì un'opportunità: segnali di una attesa svolta politica del paese e, contestualmente, di stabilizzazione e maturazione del PD quale soggetto collettivo e asse portante di una alternativa politica e di governo. Due elementi che accrescono la nostra responsabilità, compresa quella di dotarci di una visione e di un progetto comune. Come ha osservato Pier Luigi Bersani, durante la presentazione alla stampa, "TamTàm democratico" cercherà di mostrare come una ricerca non astratta e ideologica dell’identità del Pd fa tutt'uno con il progetto per l’Italia che esso coltiva e propone.
TamTam democratico
commento di maxim11 inviato il 6 luglio 2011
Ah Bersani!!!! E la ridicolaggine dei 10 milioni di firme che fine ha fatto? Che pena!!!
commento di magnagrecia inviato il 6 luglio 2011
Allego a scopo informativo:

Ciao Vincenzo,
ieri il PD alla Camera si è astenuto sulla proposta di cancellazione delle Province perché non è cancellando una parola che si risolve il problema dei costi della politica. Esiste una nostra proposta per quanto riguarda il riordino complessivo del sistema delle autonomie locali e delle regioni e in questa si colloca anche quella specifica relativa alle province. Un riordino che non deve e non può avvenire indipendentemente da una nuova e più snella visione dello Stato, per fornire così servizi efficienti e non duplicazioni burocratiche.

Ecco perché non è sufficiente dire che si aboliscono le province. E’ facile demagogia tracciare un segno sulla parola province, sarebbe una operazione identica a quella fatta da Berlusconi con le grandi opere, con i famosi cartelloni pieni di segni che, da inchiostro, non si sono mai trasformati in infrastrutture.

La nostra proposta è concreta e riorganizza il settore con veri tagli e grandi possibilità di risparmio, essa è già depositata in parlamento ed è visibile sul nostro sito internet all’indirizzo partitodemocratico.it/leggeprovince
Se si vuole fare serio bisogna quindi dire a chi, una volta abolite , vanno le funzioni delle province, almeno quelle essenziali, come verrà dislocato il personale che oggi vi lavora. Altrimenti, parlare di costi della politica solo per le province diventa un modo per eludere il problema, per non affrontarlo mai sul serio.

(continua/1)
commento di magnagrecia inviato il 6 luglio 2011
(segue/2)

E i tempi di questa nostra riforma saranno brevissimi. Il paese va riformato e riavvicinato alle esigenze dei cittadini e in questo ci stiamo impegnando.
Grazie per l'attenzione, aiutaci a diffondere la proposta del PD
Davide Zoggia, responsabile Enti Locali Pd

PROPOSTE DI LEGGE - CAMERA
Modifica all'articolo 133 della Costituzione, in materia di mutamento delle circoscrizioni provinciali e di soppressione delle province, nonché norme per la costituzione delle città metropolitane e il riassetto delle province
Proposta di Legge Costituzionale N. 4439 presentata il 21 giugno 2011. Tra i firmatari Bersani e Franceschini

Modifica art. 133 Cost. - Soppressione province

(Fine/2)
commento di Anpo inviato il 6 luglio 2011
La proposta di ieri era pura propaganda. è ridicolo abolire le province oggi e rimandare a fra un anno (termine che difficilmente sarà rispettato) la ripartizione delle competenze e del personale, senza la quale, peraltro, non si possono calcolare i costi e i benefici dell'operazione.

Si potrà dire che il Pd avrebbe potuto votare a favore per motivi di "imamgine" come avrebbe dovuto fare con l'odg Borghesi. Ma qui è diverso.

Il Pd sul tema ha le sue idee (http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/71435) e giuste o sbagliate che siano non si possono disattendere solo perchè Di Pietro "minaccia" lo sputtanamento.
commento di seamusbl inviato il 6 luglio 2011
"Tutta una pletora di inutili imbecilli che vivono sulle nostre spalle senza averne alcun beneficio!"

Dear comrade indignato Luciano concordo con il tuo sfogo, la realta' e' piu' o meno quella, non a caso esiste il detto per il quale quelli che sono riusciti a farsi eleggere sono piu' furbi di chi li ha votati. Il moralismo e la demagogia servono pero' a poco e di norma sono pure finte indignazioni.

Esistono due ordini di problemi che si intrecciano: il primo relativo alla sopravvivenza dell'euro, secondo un discutibile modello di argentine associate che impone politiche fortemente recessive e i probabili spolpamento e trasformazione in colonie occupate, e il conflitto politico e di interessi su chi far pagare di piu'.
La rappresentanza degli interessi tende ad avvenire secondo una scala di potere e privilegi che favorisce i potentati pubblici e privati. La democrazia formale propagandata e' infatti diversa da quella reale, e il populismo dei demagoghi serve a distrarre e occultare le vere caste e problemi sottostanti.
Il PD e' ancora lungi dall'essere un partito popolare, il metro con cui giudicarlo deve essere quello dei criteri e idee di democrazia reale che definisce e le politiche e rappresentanza di interessi che ne discendono.
L'abolizione delle prefetture enti inutili e inaccettabili privilegi deve far parte di un progetto di riqualificazione della spesa e non solo di marketing demagogico.
Take care and have fun too, as far as u can.







commento di alby500 inviato il 6 luglio 2011
MA COSA VUOI PROPORRE,TE LA FACCIO IO LA PROPOSTA VERGOGNATI TU,TUTTA LA CIURMA DEI DELINQUENTI AL TUO SEGUITO E BUTTAVI IN MARE. VOI SARESTE L'ALTERNATIVA A BERLUSCONI? IERI ASTENENDOVI SUL VOTO RIGUARDANTE L'ABOLIZIONE DELLE PROVINCE AVETE MOSTRATO LA VOSTRA FACCIA DOPPIOGIOCHISTA,INAFFIDABILE E VIGLIACCA.SIETE LA VERGOGNA DEL PANORAMA POLITICO.
commento di rebyjaco inviato il 6 luglio 2011
NON L'HO NEMMENO LETTO, dopo le prime cinque righe, era già chiaro che si trattava del Fumo, delle chiacchiere, del NIENTE. Passare il tempo a ""bischereggiare"" e, nel frattempo, rimanere tranquilli al potere con tutti i ""Nostri"" prestanome, che rastrellano posti e denari. NIENTE DEVE CAMBIARE, caso contrario, gli ONESTI, ci distruggono. Chi sono gli onesti? Sinceramente, non lo so, l'importante, è che NESSUNO veda qualcuno che può, semplicemente, apparire ONESTO o MIGLIORE. Renzi, viene ridicolizzato (ci mette del Suo sicuramente) Civati, è SCOMPARSO letteralmente dai giornali, ne Repubblica, ne il Fatto, lo nominano MAI, Marino, appare sporadicamente alla TV in qualche programma, preferentemente dove non si parla di ""Politica"" ma di Sanità o affini. Troppo PERICOLOSO, è intelligente, Onesto, Capace, come Politico, non saprei, ma, i presupposti, ci sono tutti, non sarebbe manovrabile dalle COSCHE, come Bersani, che, come l'IDIOTA utile, lo si può manovrare a piacere. QUESTI INDIVIDUI, che per disonestà intellettuale e morale, sono terzi solo a berlusconisti e casinisti, spadroneggiano a volontà e incontrastati, l'unica alternativa, creare una struttura che inviti i VOTANTI a NON VOTARE IL PD. di ""QUESTI PARASSITI"" votare solo i partiti che hanno fino a un tre per cento, non saranno peggiori di ""QUESTI"". Forse, così, li convinceremo ad andarsene.
commento di car me lo inviato il 6 luglio 2011
Capisco che il tema è scottante e attuale, ma perchè non rimanere sul tema del post e discutere sui meriti delle proposte lanciate?
Conosciamo le varie posizioni delle opposizioni. IDV, Terzo Polo e PD non hanno un calendario comune, ognuno tenta di scombinare l'agenda dell'altro, questa purtroppo non è una buona cosa ma così è.
Una proposta di voto su questo tema doveva essere concordata a monte, se non lo si è fatto, allora tale proposta diventa demagogica.
E' vero anche che il PD ha tante anime e non sempre riesce ad entrare a testa alta su argomenti vitali, ma all'opposizione non si può fare tutto quello che ci pare, bisogna fare e bene l'opposizione. Il problema delle province riguarda tutti, sono le forze di governo che devono creare il terreno per la riforma costituzionale.

commento di luciano54 inviato il 6 luglio 2011
Parte2.
consulenti,galoppini.....presidente di provincia,assessori.....sindaci,assessori,consiglieri,funzionari,consulenti...,municipalità,consigli di quartiere e fra poco....condomìni.Tutta una pletora di inutili imbecilli che vivono sulle nostre spalle senza averne alcun beneficio!Tutte queste persone sono legate fra loro non da vincoli di competenza o di merito ma solo per gestire il potere in loco,dei loro sponsor,controllando i voti e dando gli appalti in modo non sempre(quasi mai)in modo cristallino!Se non si acorcia la catena di comando di questa inestricabile e poderosa macchina di potere,il "Capitalismo Finanziario"si intrufolerà sempre di più negli ingranaggi democratici e allora...
Sempre restando nell'ambito delle "proposte demagogiche",circa tre mesi fà,Di Pietro(e credimi,non voglio fare l'elegia di quest'ultimo),propose che i contributi pensionistici dei parlamentari fossero versati all'INPS come qualsiasi lavoratore per non beneficiare di una ricca pensione dopo una legislatura.Anche in quel caso il PD si astenne (il decreto non sarebbe passato perchè tutti votarono contro,ma conta il gesto!).Quale problema sociale avrebbe creato questa norma?Ti dirò,probabilmente questo governo durerà,se non interverranno fattori imprevedibili,perchè ci sono troppi peones che aspettano il termine ultimo per tornare a casa col futuro assicurato!
Molto spesso le grandi rivoluzioni iniziano dalle piccole cose!
Tu,caro e saggio Seamusbl,che ne pensi?
commento di luciano54 inviato il 6 luglio 2011
Caro e "saggio" Seamusbl,
non mi è assolutamente sfuggita la demagogia insita nella proposta di DI PIETRO e sò anche che ci vuole una legge costituzionale per attuarla.Detto questo,mi spieghi perchè nei programmi delle due fazioni opposte vi era citata l'abolizione delle province?Forse a suo tempo il PD non si era posto i problemi del futuro dell'organico e la loro dislocazione?Non si era posto il problema delle funzioni delle province?E in tre anni di pseudo opposizione,non ha saputo studiare una articolata e indolore soluzione al problema?Fermo restando che sono convinto che molte delle funzioni delle province potrebbe essere assorbite dai comuni e dalla regione(ti ricordo al riguardo,che Ugo La Malfa,"inventore"delle regioni,asserì che a quel punto le province dovevano essere soppresse)l'organico potrebbe essere trasferito ad altri incarichi più confacenti alle esigenze della popolazione tipo:organizzazione degli asili nido,assistenza agli anziani....ed altri servizi di pubblica utilità e una migliore gestione del territorio.Mi potresti obiettare che la maggior parte di essi sono dipendenti qualificati(soprattutto dai loro sponsor politici!!),ma non perderebbero la loro qualifica ma la metterebbero realmente al servizio della comunità.Domanda a chiunque a cosa servono le province:scommetto con te una pizza,che 9 su 10 non saprebbe risponderti.In poche parole,il problema non sono i dipendenti ma la pletora di politici,portaborse e galoppini che vivacchiano sulle nostre spalle senza che noi si ottenga un gran beneficio.Anzi!Ti sei domandato perchè tanta ritrosia da ambo le parti politiche ad eliminarle?(non ultima la Lega che ne ha conquistate un bel pò ultimamente).Semplicemente a causa della stuttura piramidale dell'organizzazione politica nostrana:primo ministro,ministri,viceministri,segretari,sottosegretari,portaborse(non a caso aumentati a dismisura negli ultimi anni,parlo di tutte le categorie escluso il premier),presidenti di regione con i vari assessori
commento di Stefano51 inviato il 5 luglio 2011
Caro segretario, oggi è il 5 luglio eil governo ha appena lanciato una sfida all'intero paese : fare cassa sui redditi medio bassi di operai, impiegati e pensionati. Per me che lavoro nel pubblico questi sono gli ultimi anni di lavoro e il blocco dei contratti già iniziato nel 2010 produrrà da solo, a prescindere da tutto il resto, un effetto fortemente depressivo sulla mia pensione. Non sono disposto ad aspettare settembre e vorrei, come democrazia insegna, che il maggior partito di opposizione prendesse atto della situazione. Ci sono in giro mille fuochi accesi e se divampa l'incendio tutti i buoni propositi da te elencati qui sopra andranno a farsi benedire. Gran parte del paese - compresa una buona fetta dell'elettorato che fu dalla parte di Berlusconi, vuole dare subito una salutare spallata a questo governo cinico e incompetente. Se pensi che la gente se ne freghi e vada al mare sei fuori strada, convoca una manifestazione nazionale non a piazza del popolo e nemmeno a piazza san Giovanni, ma sotto le finestre di palazzochigi. Poi voglio vedere, con tre milioni di persone a Roma, se fanno ancora finta di niente.
Io sono pronto a rispolverare l'eskimo.

Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it
commento di seamusbl inviato il 5 luglio 2011
"ANCORA UNA VOLTA AVETE PERSO L'OCCASIONE DI PROPORVI COME UN VERO PARTITO-GUIDA.SE NON VI CONVINCEVA LA PROPOSTA DI DI PIETRO,"

comrade sconcertato Luciano54 comrade segretario frate cipolla mancato Bersani ha ampiamente ragione, la proposta in quei termini era ed e' demagogica da pifferai magici per solleticare e manipolare l'indignazione popolare.

E prima ancora andrebbero abolite rapidamnte le prefetture e numerosi altri enti.
E poi occorre dire se si vogliano licenziare migliaia o decine di migliaia di dipendendi pubblici per raddrizzare lo spaurracchio del debito (e metterli alla fame e non passarli all'assistenza sociale) o nominalmente cancellare qualche ocosa per mantenere in altra forma la stessa costosa e inefficiente struttura.

Una propoposta di riduzione dei costi della politica e della macchina pubblica dovrebe passare per una piu' articolata riflessione, come dice comrade segretario, anche se i pifferai magici hanno altre urgenze e agende e la pubblica opinione e' propensa a farsi incantare.

L'unica coas certa e' che il futuro e' piuttosto tetro per gran parte dell'europa e il capitalismo finanziario beneficia solo l'elite che non ha interesse a cambiarlo e che controlla e paga i politici.
commento di seamusbl inviato il 5 luglio 2011
"Occorre il cambio della classe politica e dirigente e quindi nel partito,"

Comrade confusionario antitracontanza bidellare Frapem se sono evidenti le stigma di autoreferenzialita' e impermebailita' tuttavia il problema principale non e' solo il ricambio degli uomini, ma le idee, e purtroppo queste ultime latitano. Trentteni, quarantenni e cinquantenni sono piuttosto simili nell'avere poche idee, scarsa comprensione del mondo e dei conflitti di interessi, e nell'attingere ai luoghi comuni.

L'idea della discussione aperta di comrade segretario e' buona perche' attorno alle idee si definiscono progetti e ci si mostra e qualifica per dirigere un paese.

"E quindi bisogna cambiare l'architettura istituzionale dello stato, per renderlo federalista con ampia autonomia dei governatori, dei sindaci, "

Questa idea del federalismo e' stata soprattuto una sciocchezza ed e' servita a moltiplicare per cento come minimo gli sprechi e parassiti, infatti su scala locale ogni tipo di intrallazzo e' piu' facile.
L'opposto si doveva fare, controllare rigorosamente il tipo di spese dal centro in una forma piu' neutrale.
O inventato il federalismo come imponeva la moda occorreva imitare l'unione europea, con rigidi parametri da rispettare. (Un senso lo avrebbe avuto in questo caso).

"Poi occorre una figura forte del capo dello stato"

In Italia la contrapposizione tra debole presidente del consiglio e formale presdente della repubblica e' stata creata per "controllare" la sovranita' popolare.
commento di Sognodemocratico inviato il 5 luglio 2011
Mi stavo convincendo del tuo buon operato, ma quando si ha la possibilità di un passaggio storico come quello di oggi sulle province o si ha il coraggio di coglierlo o si perde la stima delle persone.
commento di luciano54 inviato il 5 luglio 2011
.......parole,parole,parole.....
Se veramente il PD avesse interesse all'uso della rete,ora dovrebbero essere
qui a partecipare al forum e spiegarci (notizia dell'ultim'ora)perchè si sono astenuti sulla proposta di legge presentata da DI PIETRO sull'abolizione delle Province(225 voti contrari,83 a favore,240 astenuti!!!).
"Pier Luigi Bersani: «Non ci facciano per favore tirate demagogiche, noi abbiamo una nostra proposta che prevede di ridurre e accorpare le Province ma bisogna anche dire come si fa, perché le Province gestiscono un certo numero di cose importanti, come ad esempio i permessi per l'urbanistica».
NO BERSANI,NON MI CONVINCI!NON AVETE VOTATO PER NON FARVI METTERE SOTTO DA DI PIETRO CHE SI SAREBBE PRESO TUTTO IL MERITO!!!SPORCHI GIOCHI POLITICI MENTRE IL POPOLO ASPETTA DECISIONI FORTI E RISPOSTE CHIARE AL LORO MALESSERE.ANCORA UNA VOLTA AVETE PERSO L'OCCASIONE DI PROPORVI COME UN VERO PARTITO-GUIDA.SE NON VI CONVINCEVA LA PROPOSTA DI DI PIETRO,PERCHE' NON AVETE FORMULATO LA VOSTRA? E ORA VENITE SULLA RETE A LEGGERE QUEL CHE ABBIAMO DA DIRVI......
commento di frapem inviato il 5 luglio 2011
Per proporre una discussione a tutto il partito, bisogna anzitutto capire di quale partito stiamo parlando. A cosa serve il partito di cui vorremmo parlare, per quale democrazia e quale paese.
Perchè se crediamo di risolvere il problema del partito e del paese con po' di società civile, un po' di moralismo dei buoni propositi, un po' di nuove batoste ai redditi medio bassi con la promessa che poi le vittime ci guadagneranno..grazie al migliore governo che sapremo mettere in campo.. non andremo da nessuna parte, tuttalpiù prolugheremo l'agonia di questo Paese e della sua classe politica. Il partito di cui dovremmo parlare è quello capace di portare l'Italia fuori da vent'anni di declino economico, sociale culturale, del quale noi siamo responsabili quanto berlusconi e bossi.
E' un partito che riforma se stesso anche quello avversario, come in un certo senso sta avvenendo visto che anche da quella parte si parla di primarie. Ma le primarie da sole non bastano.. Occorre il cambio della classe politica e dirigente e quindi nel partito, nelle cariche elettive bisogna inserire il limite dei due mandati. Occorre ripristinare la sovranità popolare, e quindi occorre introdurre il vincolo di mandato, e i collegi uninominali. Bisogna ridistribuire le istituzioni sul territorio in base la numero degli abitanti. E quindi bisogna cambiare l'architettura istituzionale dello stato, per renderlo federalista con ampia autonomia dei governatori, dei sindaci, che oltre a rappresentare il territorio devono anche essere i primi difensori della Costituzione sulla quale devono giurare. Poi occorre una figura forte del capo dello stato eletto dal popolo, che sia anche titolare di un programma di governo e capo di un partito o di una coalizione, sempre nel rispetto della Carta di cui resta il primo baluardo. poi bisogna eliminare le province e le prefetture, ridurre i piccoli comuni..
commento di car me lo inviato il 5 luglio 2011
Un partito di iscritti e di elettori:
Continua 2)
Per quanto riguarda la rete poi deve essere maggiormente utilizzata, sia per il dialogo con la base, sia come strumento di partecipazione collettiva alle varie attività proposte, solo che il dialogo deve essere attivo dove, per attivo intendo che il livello di partecipazione deve essere bilaterale e non unilaterale come avviene, per esempio, in questo Network.
commento di car me lo inviato il 5 luglio 2011
Un partito di iscritti e di elettori:
Il tema proposto è molto complesso, quando si parla di rappresentanza, il massimo si può ottenere soltanto attraverso la partecipazione attiva dei cittadini, siano essi iscritti, siano essi elettori e da questo punto di vista è vero il PD attraverso lo strumento delle primarie ha il copyright gran merito di chi l'ha pensato ed anche degli stessi elettori che l‘hanno apprezzato. Da questo punto di vista le primarie sono state, quel di più e sicuramente una buona base di partenza per i buoni risultati ottenuti. Le scelte effettuate poi si sono rilevate quasi sempre vincenti. Tali primarie devono essere sostenute da tutti ma sopratutto essere vere dove, i candidati siano scelti per le loro competenze e non per altro, competenze che possano valorizzare tra gli altri anche lo stesso sistema partecipativo e addirittura creare il massimo consenso tra gli stessi elettori. I candidati devono, visto le premesse di cui sopra, essere messi nelle condizioni tali da poter aspirare a superare nella piena libertà e senza vincoli di partito la competizione del voto.
Credo che bisogna poi elaborare due diverse categorie di scelta attraverso lo stesso strumento e cioè una prima scelta per arrivare al candidato di partito per le varie competizioni non ultime le regionali, le provinciali e le comunali, solo successivamente lanciare questo candidato per la successiva e più allargata sfida con gli altri eventuali candidati designati dagli altri partiti di coalizione. Avvalersi quindi di una specie di pre-primarie per gli iscritti di partito per la scelta del competitor alle vere e proprie primarie di coalizione potrebbe essere la soluzione più opportuna. Tale candidato, non per forza iscritto ma idoneo a rappresentare in quel momento ed in quel luogo le referenze e le capacità che lo stesso partito vuole mettere in campo sarà un candidato, se così scelto, più forte e più competitivo.
Per quanto riguarda la rete poi deve essere maggiormen
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork