.
contributo inviato da team_realacci il 17 giugno 2011
Roma, 17 giugno 2011
 

“Il Governo non imbrogli 25 milioni di italiani che al referendum hanno detto no all’obbligo di privatizzazione dell’acqua. Va subito cancellata dal decreto sviluppo l’Agenzia  per i servizi idrici emanata dall’esecutivo, che così come prevista è del tutto inutile a risolvere la complessa questione della gestione della risorsa idrica, lascia in piedi troppe zone d’ombra e non risponde assolutamente alla volontà della maggioranza degli italiani che con il loro voto al referendum hanno sancito il fatto sacrosanto che l’acqua non è una merce”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del PD.

Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  ACQUA  PUBBLICA  BENE COMUNE  REFERENDUM  DECRETO SVILUPPO  AGENZIA  SERVIZI IDRICI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork