.
contributo inviato da dianacomari il 9 giugno 2011

Al referendum del 12-13 giugno io voto 4 sì, per l'acqua pubblica, contro il nucleare e perché tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge.

Poco mi importa del dibattito che si è acceso sui giornali in questi giorni in merito a presunti vizi di "posizioni ideologiche": sarò ideologizzata ma l'acqua è un bene indispensabile e non è accettabile che finisca in mano a società private (che hanno necessità del profitto per sopravvivere) e farebbero aumentare le bollette, non è pensabile un futuro di centrali nucleari dopo i disastri che abbiamo visto e anche la mancanza di risposte in merito alla gestione delle scorie e i politici non devono diventare al di sopra delle leggi valide per tutti gli altri grazie ad escamotage ad personam.

Il 12-13 giugno andate a votare perché è un diritto a cui è bene non rinunciare. Andateci. Andateci quando vi pare, meglio se arrivate presto, ma comunque l'importante è che arriviate prima della chiusura dei seggi (non fate i fenomeni dell'ultimo secondo che poi puntualmente arrivano quando gli scrutatori, stravolti dalla giornata, hanno appena messo i sigilli e chiuso la porta).

TAG:  REFERENDUM  ACQUA  NUCLEARE  LEGITTIMO IMPEDIMENTO  PD 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
16 aprile 2009
attivita' nel PDnetwork