.
contributo inviato da Achille_Passoni il 19 maggio 2011


Il ministro Sacconi continua a ignorare la questione dei 1.240 precari impiegati presso le sedi dell’Inps in tutta Italia il cui contratto è scaduto ormai il 31 marzo scorso. Un giorno prima della fine del loro rapporto di lavoro, la Camera dei Deputati ha votato un ordine del giorno bipartisan, su cui il Governo ha espresso parere favorevole, con il quale si impegnava quest'ultimo a dare una soluzione al problema: dopo una proroga di 15 giorni concessa dall’Istituto, i precari si sono ritrovati in mezzo a una strada senza che il Governo facesse nulla. 

Con questo post, colgo l'occasione per rispondere pubblicamente a tutti coloro che mi scrivono chiedendo informazioni sugli sviluppi della situazione: ho presentato un’altra interrogazione per chiedere se il Ministro non si ritenga vincolato a rispettare la volontà della Camera dei Deputati, espressa attraverso l’ordine del giorno di cui sopra, e se non intenda finalmente rispondere a me e a tutti i precari intervenendo per salvaguardare il loro posto di lavoro, anche considerando l’importanza della loro attività per il regolare funzionamento dell’Inps. 

Detto questo, e in attesa di una risposta, domani venerdì 20 maggio alle ore 11,30 presso la sala Simone Weil della Cgil nazionale in C.so d'Italia 25, Roma, parteciperò a una conferenza stampa proprio su questa vertenza organizzata unitariamente dai sindacati. La battaglia continua.
TAG:  LAVORO  PRECARIETÀ  PREVIDENZA  PRECARI  SACCONI  PRECARI INPS 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork