.
contributo inviato da pierluigi bersani il 19 maggio 2011
Intervista del Tg3

Berlusconi e Bossi faranno quel che vorranno, noi diciamo da un anno che questo governo non regge perché non affronta i problemi, ma non abbiamo mai legato la caduta del governo all''ora X' delle elezioni amministrative, per un motivo molto semplice: io ho fatto l'amministratore per tanti anni e so che prima di ogni altra cosa bisogna rispettare le città.

Noi ci mettiamo a disposizione di una riscossa civica nelle città di questo Paese, ci occupiamo di quello, e devo dire, vogliamo rendere chiaro che se governiamo noi, noi non siamo faziosi, noi governiamo per tutti. Questo è il messaggio fondamentale che vogliamo dare adesso.



Ripercussioni ogni mese ce n'è una, non regge questa maggioranza, non prende atto della sua crisi politica, io ho detto che ci vuole una svolta ben prima delle elezioni amministrative, ho sfidato la Lega a un minimo principio di coerenza ben prima di queste elezioni amministrative, ho detto che Berlusconi parlava d'altro e non delle questioni del Paese, a cominciar dal lavoro, ben prima di queste elezioni amministrative, quindi la vicenda del governo la vedremo, adesso ci occupiamo delle città.

Vince il centrosinistra, vince laddove il centrosinistra si collega a esperienze civiche, si va molto bene dove si sperimentano alleanze tipo Macerata o Chioggia anche con l'Udc, e va bene un Pd che è saldamente nel centrosinistra ma non chiude la porta e parla di problemi concreti. E questo sarà il nostro asse anche per il futuro.

C'è qualche traccia dell'Ulivo in tutto questo: io penso che riprendendo quella grande ispirazione che è la ricomposizione di forze culturali e di radici anche diverse possa venire una risposta per l'Italia, naturalmente in condizioni nuove: abbiamo anche qualche cosa da correggere da antiche esperienze nostre, dobbiamo esserne consapevoli, abbiamo un nuovo impegno da prendere nei confronti dell'Italia e lavoreremo su questo, ci auguriamo incoraggiati anche da una conferma che venga dai ballottaggi dopo lo splendido risultato di qualche giorno fa.

Quando non si sceglie c'è qualcuno che sceglie per te, quindi evidentemente sceglieranno gli elettori, l'importante è che questi elettori comprendano dove sta l'estremismo, l'estremismo è stato quello ed è quello di Berlusconi e della Moratti. Dall'altro ci sono idee precise e c'è ragionevolezza, c'è serietà.
TAG:  GOVERNO IN CRISI  GOVERNO BATTUTO  SILVIO BERLUSCONI  UMBERTO BOSSI  BALLOTTAGGI AMMINISTRATIVE 2011  ALLEANZA DI CENTROSINISTRA  PIER LUIGI BERSANI  ROMANO PRODI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork