.
contributo inviato da Achille_Passoni il 11 marzo 2011


Una grande successo per la manifestazione organizzata ieri a Roma dalle associazioni del settore contro il decreto Romani e il blocco degli incentivi alle energie rinnovabili imposto dal Governo. Un successo soprattutto perché a mobilitarsi è stato un intero comparto industriale, che nel nostro Paese mette assieme circa 120mila occupati e non vuole rassegnarsi a un provvedimento che mette in discussione il futuro di centinaia di imprese e migliaia di lavoratori.

In prima fila erano presenti ovviamente le aziende e i lavoratori toscani, che dopo il caso Isi-Electrolux di cui vi ho già parlato e l’appello del Presidente Enrico Rossi alla mobilitazione contro il Decreto sono all’avanguardia nella protesta contro un provvedimento miope e vergognoso.

Rossi è stato molto chiaro, chiamando tutte le istituzioni, le forse sociali imprenditoriali, sindacali e di categoria della Regione a mobilitarsi per chiedere il ritiro del Decreto e impedire così un crollo verticale del settore delle rinnovabili, che avrebbe ripercussioni enormi a livello occupazionale. Il caso Isi potrebbe infatti diventare soltanto il primo di una lunga serie di investimenti mancati che metterebbero a rischio l’esistenza dell’intero settore.

E’ incredibile come il Governo non si accorga che investire nelle rinnovabili significhi dare una risposta strutturale agli storici problemi energetici del nostro Paese e allo stesso tempo garantire la creazione di migliaia di posti di lavoro qualificati, producendo così un know-how che potremmo esportare in tutto il mondo.

Se il Decreto Romani non sarà ritirato, assisteremo a uno scenario catastrofico per un comparto d’avanguardia che dovrebbe essere messo invece nelle condizioni di guidare il Paese fuori dalla crisi: staremo a vedere quali saranno le prossime mosse del Governo, intanto la società civile, le imprese e il mondo del lavoro hanno fatto sentire con forza la loro opinione.
TAG:  RINNOVABILI  DECRETO ROMANI  ISI  ELECTROLUX  TOSCANA  LAVORO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork