.
contributo inviato da team_realacci il 3 marzo 2011
Roma, 3 marzo 2011 
 
“Ogni ondata di maltempo, aggravata anche dagli effetti dei mutamenti climatici, si trasforma in una tragedia: perdite di vite umane, frane e allagamenti, costi sociali altissimi. Un vero e proprio bollettino di guerra che dovrebbe essere affrontato come una priorità impellente di questo paese. E invece il Governo continua a tagliare proprio là dove servirebbero sempre più risorse per la manutenzione ordinaria del territorio e per gli  interventi per mettere in sicurezza quella gran parte di paese che risulta a rischio frane, alluvioni e smottamenti. Non solo le risorse sono state ridotte a meno di un quinto di quelle già limitate e insufficiente che aveva stanziato il Governo Prodi, ma anche i pochi fondi che erano stati assegnati al Ministero dell’Ambiente a questo capitolo vengono usati come un bancomat per far fronte alle emergenze che via via si presentano”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd commentando l’emergenza maltempo che sta colpendo in questi giorni molte regioni italiane.
“Del resto un saggio dell’attenzione che questa maggioranza dedica alla cura del territorio”, conclude Realacci, “si è visto anche nell’ultimo decreto milleproroghe dove per l’ennesima volta si è tentato di premiare l’abusivismo edilizio in una regione come la Campania, dove la cattiva gestione del territorio e l’illegalità hanno causato lutti e gravi danni”.
 
Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  MALTEMPO  MUTAMENTI CLIMATICI  DISSESTO  IDROGEOLOGICO  FRANE  ALLUVIONI  VITTIME  MORTI  CEMENTO  CEMENTIFICAZIONE  PREVENZIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork