.
contributo inviato da Giovanni Gambaro il 27 febbraio 2011

Il presidente del consiglio e suoi diletti figli hanno appena incassato come dividendi dalle loro aziende circa 150miioni di euro. Dico CENTOCINQUANTAMILIONI di EURO! TRECENTO MILIARDI del VECCHIO CONIO!

Lasciamo stare come ci siano arrivati. Facciamo finta che è solo il leggittimo provento finanziario frutto di una normale attività economica di successo.

Ora su questa cifra SPAVENTOSA in Italia si pagano tasse al 12.5%. Sia se sei un fantastramiliardario che in confronto il deposito Zio Paperone è il salvadanaio di un bambino, sia  se sei Paolino Paperino che ha investito cento euro.

 

Se un signore facoltoso - anche molto meno di Zio Paperone, diciamo ROCKERDUCK - gioca in borsa un milione e profitta il 10%, centomila euro, paga sempre il 12.5%, in quest caso 12.500€. Un milione messo a frutto, dodicimilacinquecentoeuro di tasse, ottantasettemilacinquecento di guadagno netto. Niente male.

 

Se lo stesso Rockerduck impiega un altro MILIONE della sua discreta fortuna per metter su una aziendina, e coi tempi che corrono non è facile mandarla in utile, se anche gli rendesse centomila euro in un anno, su questi dovrebbe pagare più o meno il 50%: cinquantamila euro.

 

E se il povero Paolino Paperino, finalmente trovasse lavoro, magari per 1000 euro netti al mese, su questi dovrebbe pagare più o meno il 23% di tasse.

 

Che dite? Vi pare una cosa sensata? E' giusto? E' equo?

 

Per questo la proposta del PD del 20-20-20 mi pare concreta e utile. Non risolve tutto il problema, che è complesso, ma va nella direzione giusta.

 

20

Intanto proponiamo un'aliquota unica per il reddito d'impresa o da lavoro autonomo al 20%  (e detassare totalmente quello che si reinveste in azienda).

 

20

Poi diciamo che anche la rendita finanziaria deve essere tassata al 20%. Per capirci, su quel milione investito in borsa che gli ha reso centomila euro, Rockerduck dovrebbe pagare 20.000 euro, un po' di piu'... ma soprattuto lo stesso che dovrebbe pagare sul reddito della sua impresa, e cioè molto meno di quel che paga oggi.

Che dite, sarebbe più conveniente investire in impresa? Creare ricchezza e LAVORO? Noi pensiamo di si.

Oggi a chi ha soldi conviene investirliin finanza, rischiare il giusto e pagare poche tasse. Noi vorremmo rendergli più conveniente investire in 'lavoro'

 

20

E poi, parliamoci chiaro, perchè mai il povero Paperino a 1000€ al mese, dovrebbe pagare più di Rockerduck? Portiamo al 20% anche l'aliquota sul suo stipendio (il primo scaglione IRPEF).

 

Scarica maggior informazioni qui: 20 20 20.


E infine, certo, anche Zio Paperone, dovrebbe pagare quanto gli altri, il 20%, che su 150milioni sono pur sempre SOLO 30 milioni di euro.

 

Cosi' magari teniamo aperte le scuole pubbliche, mettiamo benzina nelle macchine della polizia e copriamo anche quel che serve per far lavorare velocemente e bene i tribunali. Ma questo è un altro discorso...


TAG:  LAVORO  BERLUSCONI  TASSE  BOSSI  TREMONTI  FISCO  IMPRESA  REDDITO  RENDITE  IRPEF  ALIQUOTE  SCAGLIONE  AUTONOMO  IMPOSIZIONE FISCALE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
5 luglio 2009
attivita' nel PDnetwork