.
contributo inviato da xpress il 25 gennaio 2011

A MARGHERA gli iscritti al meeting sono stati 1502: studenti, precari, operai. E tante donne.

Sono state 1502 le persone che sabato e domenica hanno compilato la scheda di accredito all'ingresso del meeting di Uniti contro la crisi al centro sociale Rivolta di Marghera. Una foto di gruppo molto varia e colorata. Capelli bianchi e dreadlocks, studenti e lavoratori, donne e uomini da tutto il continente e non solo in un melting pot che non si vedeva da un pezzo. Rilassati, a loro agio, nella casa comune del CSO Rivolta Pvc; una casa accogliente e calda grazie al lavoro di decine di uomini e donne, che magari non hanno compilato l'accredito perché erano a casa loro, e hanno reso possibile il meeting.

1502 persone provenienti da ogni parte d'Italia - ma c'erano pure due persone provenienti dalla Svezia, due dalla Gran Bretagna e una dalla Francia. Erano giovani (soprattutto) ma anche meno giovani in un intreccio di età e generazioni che non è così usuale. C'erano molte donne, giovani e comunque la maggior parte sotto i 45 anni. Studentesse, ragazze impegnate in associazioni ambientaliste e di solidarietà, donne lavoratrici nel mondo dello spettacolo e precarie.

Esponenti del mondo associativo, reti studentesche e attivisti di spazi sociali sono state le categorie che più hanno risposto all'appello di Uniti contro la crisi. Nello specifico ecco allora i numeri: 445 sono stati quelli che hanno detto di far parte di reti studentesche, medi e universitari. Naturalmente moltissimi universitari, pur scegliendo la categoria «reti studentesche», hanno confermato di svolgere lavoretti di vario genere durante l'anno, quindi rientrano a pieno titolo nella categoria «lavoratori precari». 

Il mondo associativo è stato rappresentato da 410 persone. E anche qui si tratta di una costellazione che va dalle associazioni ambientaliste più o meno grandi e note (da Greenpeace ai vari comitati contro le discariche, contro gli inceneritori, e chi più ne ha più ne metta) alle associazioni di solidarietà con i migranti. Associazioni collocate in ogni angolo della penisola. Gli attivisti di spazi sociali sono stati 430. Anche qui molte donne, e militanti che provengono dai centri sociali più tradizionali così come dalle realtà che lavorano sulla questione della casa. 

Il mondo sindacale è stato, come era del resto prevedibile, l'altra faccia del meeting. Sono stati 150 quelli che si sono iscritti come appartenenti al mondo sindacale. Tra questi, sindacalisti, delegati e lavoratori. I meno curiosi di quanto si sta muovendo nei territori, e anche questo in fondo era prevedibile, sono stati i partiti politici: soltanto 27 persone si sono qualificate come tali. Infine ci sono state 30 persone che si sono qualificate come senza appartenenze specifiche e dieci come esponenti dei media. 

Accanto agli ambiti di appartenenza e lavoro, le efficienti redattrici di GlobalProject (molte donne anche per il sito di riferimento di questo movimento) hanno anche scorporato i dati per provenienza geografica. Così, se dal Veneto sono arrivate ben 600 persone, la regione più presente a Marghera è stata senza dubbio il Lazio con 250 persone. Dall'EmiliaRomagna sono arrivate 170 persone, mentre da Marche, Friuli, Lombardia e Trentino sono arrivate in totale 240 persone. Il sud è stato rappresentato da 25 persone arrivate dalla Campania, 5 dalla Calabria e 20 dalla Puglia. In dieci sono arrivati dalla Sicilia. Dall'Umbria sono arrivati in 40, dalla Toscana in 50, dal Piemonte in 45, dall'Abruzzo in 5 e dalla Liguria in 7. 

Ai 1502 che hanno seguito la due giorni dal vivo bisogna aggiungere poi quanti l'hanno fatto attraverso il portale di GlobalProject, che ha mandato in diretta tutto il meeting.
 

Nella giornata di sabato hanno seguito la dirette e visitato il sito più di 5000 persone: i contatti sono arrivati anche dall'Europa. Più di 400 quelli che si sono collegati da Inghilterra, Spagna, Francia e Germania. Dal resto del mondo si sono collegate oltre 200 persone, in particolare dal continente americano. Un notevole aumento di visitatori si è registrato nella giornata di domenica: gli accessi sono arrivati a 7000, dei quali più di un migliaio sono arrivati da fuori Italia. Nel complesso delle due giornate la homepage di GlobalProject ha raggiunto le 24.000 visualizzazioni.

Orsola Casagrande - Il Manifesto

"Uniti contro la crisi" la Rassegna stampa completa del Seminario/Meeting su

http://www.globalproject.info/it/in_movimento/SeminarioMeeting


TAG:  AMBIENTE  LAVORO  DEMOCRAZIA  CRISI  WELFARE  DIRITTI FONDAMENTALI  BENI COMUNI 
Leggi questo post nel blog dell'autore XPRESS
http://XPRESS.ilcannocchiale.it/post/2591064.html


diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 settembre 2008
attivita' nel PDnetwork