.
contributo inviato da pierluigi bersani il 21 gennaio 2011
Intervista di Repubblica Tv

Noi del Pd lanciamo un'iniziativa per dare voce a tutti gli italiani indignati: dai primi di febbraio faremo diecimila gazebo per raccogliere dieci milioni di firme su un testo che dica semplicemente 'vai a casa, dobbiamo cominciare a parlare dei nostri problemi'.

TAG:  REPUBBLICA TV  BERSANI SEGRETARIO  BERLUSCONI  BERLUSCONI INDAGATO  INIZIATIVA PD  RUBY  RUBYGATE  PROCURA DI MILANO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di CondizioniAlContorno inviato il 24 gennaio 2011
leggere:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/01/24/silvio-e-la-propaganda-sessuo-politica/88039/

su alcuni commenti: no comment
commento di alby500 inviato il 24 gennaio 2011
LA FORZA E LA VITALITA' DI QUESTO PARTITO/AGGLOMERATO/INSIEME DI IDEE E DESIDERI LA SI NOTA ANCHE DA QUESTO NETWORK,I COMMENTI NON VENGONO AGGIORNATI DA 4 GIORNI.
commento di pasquino50 inviato il 24 gennaio 2011
Solo un pò di sarcasmo:

http://www.youtube.com/watch?v=J8HqFDvyhWs
commento di pasquino50 inviato il 24 gennaio 2011
Quindi, caro aregolo, il berlusconismo doc "CAF-P2" NON va combattuto con l'antiberlusconismo "viscerale" (cos'è paura di altro populismo?), NON con la magistratura "politicizzata" (che strano aggettivo che ricorre da mani pulite ad oggi e trova spazio nel pd...) NON con "alleanze sinistrorse", NON con "alleanze giustizialiste"...forse ho capito: se non puoi battere il tuo nemico, alleati con lui! De' Franza o de' Spagna purchè se magna...
commento di aregolo inviato il 24 gennaio 2011
caro cond-al-cont; ho letto quanto da te suggerito.
E' un articolo di Antonio Padellaro tutto intriso nel suo incontenibile astio viscerale che nel passato rivoltava contro i socialisti di Bettino Craxi, oggi lo schizza contro Berlusconi e gli ex-socialisti di Craxi che continuano a sostenerlo.
Secondo Padellaro Berlusconi è in questo momento assimilabile ad una specie di figura ibrida mostruosa metà Hitler e metà Mussolini, arroccata nel bunker insieme agli ultimi suoi fedelissimi.
Suggestiva e fantasiosa l'immagine, ma assolutamente fuori luogo.
Anzi è proprio il cercare ossessivamente di alimentare e suscitare nell'opinione pubblica queste forme di denigrazione violenta che rischia di ottenere l'effetto contrario.
Berlusconi e i suoi fedelissimi del PDL ogni giorno che passa stanno assurgendo sempre più a figure resistenti eroiche di fronte al sistema dei vecchi partiti che con l'aiuto di una certa magistratura politicizzata vuole spazzare via con la forza trasformandole in capri espiatori delle proprie responsabilità conniventi e della propria incapacità a governare i complessi meccanismi odierni dei problemi sociali ed economici del paese.
commento di CondizioniAlContorno inviato il 24 gennaio 2011
Da leggere:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/01/23/nessuno-silluda-berlusconi-e-in-trappola-ma/87929/
commento di aregolo inviato il 23 gennaio 2011
Più le ore passano e più mi sembra chiara la situazione.Raccogliere milioni di firme per far decadere Berlusconi? Obbiettivo inutile e dispendioso.Sarebbe solo movimentismo di facciata.Berlusconi è già in stato preagonico. E per di più in preda a convulsioni.La guerra di successione nel centrodestra è già in fase avanzata al fine di riprodurre un sistema di potere basato su nuovi equibri interni ancora più esclusivo e antipopolare.E il pericolo per la sinistra è proprio qui. Di essere ancora una volta totalmente scavalcata ed emarginata dal potere per la realizzazione della sua politica.E per molti anni ancora potrebbe non presentarsi più un'altra occasione.Si facciano invece immediatamente le alleanze necessarie e si spinga sempre più intensamente verso una assai probabile vittoria in elezioni anticipate prima che gli avversari, ora in guerra tra loro, riescano poi a saldarsi in un nuovo patto di ferro.
commento di CondizioniAlContorno inviato il 23 gennaio 2011
Lo scopo del mio link sui funerali del giovane soldato è quello di far girare la notizia (non perché sia una sorpresa e nemmeno per atteggiamento "scandalistico"):

Il rubygate non è solo uno scandalo morale, sessuale e penale... è la dimostrazione (da ripetere agli italiani distratti e creduloni) che berlusconi "non governa"... perde tempo a fare dell'altro... di notte si scatena e di giorno è rincoglionito e spara cavolate (oltre a non andare ai funerali di stato di un giovane soldato morto per lui).

Leggere anche:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/niente-funerali-b-e-al-party/2142825

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/generale-mini/2142839

commento di CondizioniAlContorno inviato il 23 gennaio 2011
Il rubygate non è solo uno scandalo morale, sessuale e penale... è la dimostrazione (da ripetere agli italiani distratti e creduloni) che berlusconi "non governa"... perde tempo a fare dell'altro... di notte si scatena e di giorno è rincoglionito e spara cavolate (oltre a non andare ai funerali di stato di un giovane soldato morto per lui).

Leggere anche:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/niente-funerali-b-e-al-party/2142825

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/generale-mini/2142839

commento di pasquino50 inviato il 23 gennaio 2011
I dieci milioni di firme possono pure essere un "traguardo" raggiungibile se mediaticamente funziona il "parlare a nuora affinchè suocera intenda...".
La domanda che viene poi è: come le utilizzi, visto che il pazzo non se ne va?. Questo non è chiaro. Potrà il PdR dinanzi a così "corposa richiesta che sale dal paese" fare passi costituzionali adeguati? Perchè se rimane in mano al parlamento la palla...
commento di alby500 inviato il 23 gennaio 2011
Caro segretari nel caso si raccolgano questi 10 milioni di firme sarà passato almeno un anno,cosa te ne fai,a chi le dai? Se le consegni a Berlusconi le butta nel cesso,se le consegni a Napolitano cosa fa convoca Silvio? Mi sa una grande operazione fantasiosa utile solo agli illusi. Vedi di raccogliere 10 milioni di voti piuttosto!
commento di Anpo inviato il 23 gennaio 2011
Sul sito del "Fatto Quotidiano" il solito Flores tenta di mettere in burletta l'iniziativa definendo irraggiungibile i 10 milioni di firme.

Posso solo dire che in questo momento mi pare rasenti l'idiozia mettere in ridicolo le iniziative degli altri per liberarsi di Berlusconi.

X condizioni
Ho letto la notizia ma purtroppo non è uan cosa nuova. Berlusconi, festini o meno, se ne è sempre fregato dei suoi doveri, quando non era più che sicuro che gli stessi si risolvessero in bagni di folla fra fan adoranti.

La cosa, insomma, fa oltre il premier che trascura i suoi doveri perchè la notte prima a fatto bisboccia. è un menefreghismo più pronfondo.
commento di aregolo inviato il 23 gennaio 2011
Quando il Segretario, sul palco del Lingotto,ha affermato, senza particolare entusiasmo, che se si va alle elezioni stavolta si vince dice una verità quasi lapalissiana. Con questa legge elettorale, di fronte ad un centrodestra in frantumazione e diventata una guerra per bande pronte a cannibalizzarsi,con una leadership dall'immagine gravemente e irreversibilmente compromessa ( checchè ne dica la pasionaria berlusconiana MariaStella Gelmini che prevede, novella Re-Mida,la trasformazione del fango nell'oro di nuovi consensi),anche se il PD stesso fermo come un Budda, con il suo risicato "poco più del 20%, vincerebbe comunque. Il problema è cosa farsene poi della vittoria. Come evitare che si tramuti in vittoria di Pirro, come a suo tempo quella dell'unione di Prodi.Cosa progettare e fare per risollevare l'Italia dai suoi gravissimi problemi sociali ed economici.E' di questo che si deve occupare da subito il PD : la vittori è scontata. E' il dopo che rimane incerto e nebuloso.
commento di CondizioniAlContorno inviato il 23 gennaio 2011
Fate girare questa notizia:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/niente-funerali-b-e-al-party/2142825
commento di aregolo inviato il 23 gennaio 2011
Caro Pertrh;voglio essere estremamente sincero in questo post di P.L. Bersani.
E con tutto il rispetto che merita il Segretario PD I "10 milioni di firme" se li può sognare il buon Bersani , e rimarranno uno slogan con cui intitolare appunto un post da network,se non riuscirà a coinvolgere tutte le forze autenticamente di sinistra in campo che purtroppo appaiono oggi spezzettate, in conflitto per la sopravvivenza e la sopraffazione reciproca, senza una leadership autorevole riconoscibile e condivisa,senza ancora un progetto politico comune di rilancio e sviluppo della società e del Paese.
Tutto ciò il Centrodestra lo sa bene e quindi la partita politica se la gioca quasi indisturbata tutta in casa, tra PDL Lega e ora anche FLI.
Anche per questo siamo arrivati al fenomeno del tutto anomalo di Berlusconi che si può permettere oggi,dopo decenni di crescita economica personale ai limiti della legalità, un esercizio del potere pubblico-privato giunto a livelli tali da essersi ormai abituato ad ogni sorta di ordinaria impunità.
commento di nino55 inviato il 23 gennaio 2011
Si mandiamolo via con ogni mezzo, raccogliamo le firme o proponiamo a leader del Centro/sinistra una donna,o.k., và tutto bene.
Ma i signori della confindustria, i signori industriali Colannino, Della Valle e tutti quegli imprenditori italiani che in teoria rappresentano anche all'estero l'immagine di un'Italia politico/economico, ce l'hanno un pizzico di orgoglio per assumere una posizione seria dinanzi a tali malefatte del premier e della sua cricca? Oppure anche loro come la chiesa ne subiscono il fascino ?
commento di mario petrh inviato il 23 gennaio 2011
Già aregolo...., ma credo possano bastarci i precedenti casi da cui Berlusconi si è tirato fuori nel disinteresse degli italiani che si sono bevuta tutta la potenza della comunicazione marchio PdL. Il fatto che questa volta il premier sia più tramortito di come lo è stato prima, non vuol dire che è vinto e non gli mancano i mezzi per rialzarsi. Bisogna insistere e spalancare, aprire non basta, gli occhi agli italiani. La sua armata è già schierata e ha cominciato a cannoneggiare giudici, giornalisti, ex alleati ecc. e Bossi è disposto a passare su tutte le nefandezze del suo alleato pur di portare a casa il suo federaliamo.
Bisogna concentrarsi e guardare oltre quel che Berlusconi vuol farci vedere.
Ad esempio, cosa sta preparando con questa sua ennesima apparente caduta? C'è qualcosa che a me lascia alquanto perplesso in questa storia e, anzi, te ne offro uno spunto di riflessione: Perchè avrebbe pagato personalmente le ragazze con rintracciabilissimi bonifici? Non è strano che uno come lui lasci le briciole dietro di se? Mi piacerebbe che in molti si facciano questa ed altre domande.
Per chiudere, quel che intendo è che quando si va in tv,un politico che dovrebbe aver studiato tutti i trucchi della comunicazione, dovrebbe sapere che se non ribatti o dimostri di avere argomenti per ribattere alle storpiature del tuo avversario, in quello stretto spazio di tempo che ti è concesso, e solo quello, passa il messaggio dell'altro e non il tuo. L'arroganza non paga, sono daccordo, ma gli argomenti si specialmente se li esprimi con la giusta determinazione.
commento di aregolo inviato il 22 gennaio 2011
Caro Perth; non ho visto Marino in Tv di fronte a Castelli e Giovanardi.Però mi sento di fare una considerazione. La prepotenza e l'impudenza che stanno dimostrando i politici della maggioranza di Governo nello sforzo di difendere le proprie poltrone con le unghie e con i denti è sotto gli occhi di tutti.Per cercare di salvare i propri interessi stanno sostenendo in modo artificioso e aggressivo un Premier già ampiamente screditato e per di più sfuggente agli obblighi di giustizia.Gli italiani sono umani e comprensivi. Il giustizialismo non appartiene al loro tradizionale DNA. Ma quando la misura è colma sanno perfettamente a chi dare fiducia e consenso, anche se appare pù debole e perdente.
commento di mario petrh inviato il 22 gennaio 2011
Se si manda Marino in tv, sulla 7, a farsi sbranare da Castelli e Giovanardi, poi è difficile raccogliere dieci milioni di firme.
Ma può essere che dopo anni, ancora questi parlamentari del PD non abbiano imparato a non farsi sopraffare dagli avversari.
Se Berlusconi attacca e i suoi alleati lo sostengono ribaltando completamente i fatti, può essere che un Marino non riesca a tenergli testa pur con gli argomenti che gli sono a favore!
Mandate in TV chi è capace di occupare lo spazio che gli si dà in maniera fruttuosa! Contro i due predetti volponi, dovevate mandarci gente agguerrita, capace di metterli al muro non "educandi" che si sono presi pure certe offese senza replicare.
Ma quanto vi ci vuole ad imparare come si affrontano gli avversari nell'era del teleberlusconismo!
commento di pasquino50 inviato il 22 gennaio 2011
segue..
Questa legge è figlia di ogni partito presente in Parlamento, benvoluta da tutti. Bersani si è anche intristito al pensiero dello psiconano:"Lui è lì e rimarrà lì finchè gli sarà consentito". Già, chi lo ha consentito? Il governo sarebbe caduto da tempo se il Pdmenoelle fosse stato presente in aula al voto di fiducia sullo Scudo Fiscale. Berlusconi non sarebbe neppure in Parlamento se l'opposizione avesse introdotto la legge sul conflitto di interessi. Berlusconi non avrebbe il controllo delle televisioni se D'Alema non gli avesse cucito su misura una legge nel 1999 (altro che Bottino Craxi).
Bersani ha comunque un sogno. Ascoltare Topo Gigio Veltroni nel suo secondo discorso al Lingotto di domani, 22 gennaio. Si aspetta "un contributo di cultura politica". Walterloo resuscitò Berlusconi che si era ridotto nell'autunno del 2007 a regalare la pasta ai pensionati alla periferia di Milano e riuscì persino a non nominarlo per tutta la campagna elettorale. Da vero oppositore, ma anche alleato, gli strinse la mano alla Camera dopo il suo discorso di insediamento. Al pensiero di un suo nuovo contributo politico ogni italiano si tocca i coglioni. Bersani ha concluso: "E' chiaro che Berlusconi pensa di prenderci tutti per imbecilli". E questa è una cattiveria nei suoi confronti. Tutti no. I vertici del Pdmenoelle non li considera imbecilli, ma soci in affari. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.
commento di pasquino50 inviato il 22 gennaio 2011
Bersani, quel vecchietto che ti osserva da una panchina con le maniche arrotolate con la speranza di carpirti un voto, ha preso coraggio. Per cacciare Berlusconi da Palazzo Chigi ha deciso di portargli 10 milioni di firme che raccoglierà in un mese con diecimila gazebo. E' la "campagna di febbraio". Una via di mezzo tra la presa del Palazzo d'Inverno di Lenin e gli otto milioni di baionette di Mussolini che disse con profetica lucidità: "E' dunque un grande ramo d'ulivo che innalzo... Attenzione, questo ulivo spunta da un'immensa foresta: è la foresta di otto milioni di baionette bene affilate e impugnate da giovani intrepidi e forti." Da otto milioni di baionette a dieci milioni di firme con la benedizione dell'ulivo il passo è breve.
Bersani ha tuonato con la sua esse blesa: "Lui pensa di parlare di magistratura e non rispondere delle cose di cui deve rispondere". D'Alema un po' se l'è presa. Credeva alludesse. Ancora a rivangare con la storia della Forleo e della sua intervista sulla magistratura a Canale 5. Bersani ha rimarcato implacabile: "Io sono nettamente contrario alle elezioni. Ma non illudiamoci, se si va a votare con questa legge e lui vince, poi farà di tutto per andare al Quirinale e avrà i numeri per farcela". La legge elettorale, la legge porcata di Calderoli, non è stata mai messa in discussione dal Pdmenoelle nei due anni di governo Prodi.
Segue...
commento di aregolo inviato il 22 gennaio 2011
Berlusconi non solo non si dimette e non si presenta ai giudici, ma contrattacca come una belva ferita contro giudici e opposizioni, sia esterne che interne. Affrontare e vincere la battaglia elettorale a questo punto è un imperativo categorico così come sostenere con tutte le nostre forze il nostro segretario.
commento di car me lo inviato il 22 gennaio 2011
Simone io tempo fa' cercai, nel network, di lanciare un sondaggio perchè fosse una donna il leader del centrosinistra. Mi risposero solo 12 o 13 l'idea non stimolava la maggioranza.
Vedrai che il Berlusca a sorpresa forse ci precederà e noi come sempre, instancabili maratoneti, gli correremo dietro.
commento di simone rupoli inviato il 22 gennaio 2011
Berlusconi si riprenderà perchè incarna alla perfezione molti dei "valori" in cui troppi italiani ( specie uomini) credono : soldi, successo, furbizia, donne...
Se il centro-sinistra vuole avere qualche probabilità di vittoria alle prossime elezioni (che si tengano tra 4 mesi o tra 2 anni) deve fare leva sul voto delle donne, conquistare quelle che fin'ora hanno votato per il PdL.
Basta sentire in questi giorni i commenti nel bar o sul posto di lavoro: sotto sotto molti uomini - e non solo quelli del PdL - in qualche modo giustificano e forse invidiano un anziano e ricco signore che a casa sua organizza feste con giovani e disponibili ragazze : è dura da digerire ma è così.
Hai voglia a far notare che non sono comportamenti da capo del governo; vai a spiegare che fare pressione su una questura per far liberare una minorenne è un reato: la "solidarietà maschile" perdona a Berlusconi le sue gravi colpe, le riduce ad atti goliardici e trasforma tutta la vicenda in poco più di una ragazzata, segno di vitalità e di libertà.
Per vincere alle prossime elezioni si dovrà puntare sul voto delle donne che fino ad oggi hanno scelto PdL, e per fare questo ritengo che si debba presentare un candidato donna, che sia abbastanza giovane e che abbia una forte personalità .
Non se ne abbiano a male i nostri dirigenti uomini, ma penso che dopo la tempesta Ruby e dopo la messa a nudo del clima da basso impero del sistema berlusconiano, una donna in gamba sia il miglior veicolo possibile delle idee e proposte del centro sinistra.
Non è una questione di femminismo (balle!) o altro : è , a mio avviso, una semplice constatazione della situazione italiana : in questo contesto, per marcare la differenza dallo sfasciume berlusconiano anche "il testimonial" conta moltissimo: siamo tutti, volenti o nolenti, in una società mediatica.
Sono certo che una simile donna esista, spero che si abbia il coraggio di proporla agli italiani.

commento di car me lo inviato il 21 gennaio 2011
"Di fronte ad un premier di tale fattura, non si raccolgono le firme.. si scende in piazza, tutte le opposizioni tutte le parti sociali, tutti gli uomini di buona volontà. Si sciopera, si occuoano i palazzi del pote, a proposito dove sono gli studenti?"

Caro Frapem è quello che molti in passato hanno proposto non dimentichiamoci,pur con tutti i loro difetti, i girotondi, il popolo viola, etc. gente che poi vota il PD, ma da questo punto di vista il PD purtroppo ha sempre fatto cilecca.
La situazione è grave da molto tempo, almeno 18 anni, ma l'italia purtroppo è fatta così.
commento di Anpo inviato il 21 gennaio 2011
Ok. Ma bisgona martellare. Solo questo non basta.
commento di mario petrh inviato il 21 gennaio 2011
Si ricordi Bersani, Berlusconi è solo tramortito, anche se più duramente di altre volte, è solo tramortito e non gli mancano i mezzi per rialzarsi e realizzare i suoi piani ( che non a caso, e si vede, coincidono con vecchi piani P-duistici).
Non abbia paura di dichiarare con forza il bisogno di andare alle elezioni, magari, e su questo concordo, con una diversa legge elettorale. La gente non ne può più dell'arroganza di questi governanti: gli è bastato l'assaggio!
commento di cristinasemino inviato il 21 gennaio 2011
I gazebo vanno bene in un momento normale: ora siamo in guerra. Sì. Guerra. Perchè il malfattore di Arcore sta distruggendo le vite dei nostri ragazzi che continuano a perdere il lavoro per i tagli del suo governo. Le sue miserevoli serate non mi interessano. E' l'inabilità assoluta a governare che deve essere immediatamente fermata. Dimissioni subito, per chi da 16 anni ci tormenta con la sua squallida vita e se ne "frega" (è concesso dirlo a una sugnora?) delle vite dei nostri figli.
DIMISSIONI!!!!!
commento di pasquino50 inviato il 21 gennaio 2011
Lodevole iniziativa per temporeggiare e ricevere "carta bianca" dal "popolo"...peccato che il tappo col rialzo di tale carta ne farà l'uso che tutti pensiamo!
Finitela coi "giochetti democratici". Ai forconi!
commento di frapem inviato il 21 gennaio 2011
Anche questa volta, nonostante la tragicità della situazione finirà in un nulla di fatto.
Di fronte ad un premier di tale fattura, non si raccolgono le firme.. si scende in piazza, tutte le opposizioni tutte le parti sociali, tutti gli uomini di buona volontà. Si sciopera, si occuoano i palazzi del pote, a proposito dove sono gli studenti?
La verità è che questo sistema ha bisogno del caproespiatorio Silvio per continuare a godere dei propri privilegi, per continuare a favarire le mafie.. per portare a casa le scandolose buste paga, perchè tengono famiglia...
Vergogna!!!
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork