.
contributo inviato da team_realacci il 13 gennaio 2011
"Il 2010 e' stato l'anno piu' caldo e piu' piovoso, a livello mondiale, da quando sono iniziate le rilevazioni, con danni e vittime da record per cause climatiche". Lo rende noto la Coldiretti sulla base dei dati raccolti dal National oceanic and atmospheric administration (Noaa) sulla temperatura media sulla terra e sugli oceani e dal Global historical climatology network sulle precipitazioni medie a livello globale.In particolare, la Coldiretti sottolinea che "la temperatura e' stata di 1,12 gradi fahrenheit (0,62 gradi celsius) superiore alla media del ventesimo secolo, risultando cosi' essere a livello globale la piu' elevata della storia delle rilevazioni iniziate nel 1880, a pari merito con il 2005".

Secondo le elaborazioni Coldiretti su dati del Noaa "la temperatura media globale sulla terra e sugli oceani dei primi dieci anni del terzo millennio (2000-2009) e' stata la piu' elevata mai registrata con un valore di 57,9 gradi fahrenheit (14,389 gradi celsius), superiore dello 0,3% a quella della decade precedente. Il 2010 conferma quindi "il trend al cambiamento del clima che ha provocato danni, oltre che in Italia, in molte parti del mondo, con il verificarsi di eventi estremi in India, Cina, e Pakistan che sono continuati nel 2011 in Australia e Brasile dove le alluvioni hanno causato disastri e vittime", ricorda Coldiretti. Una situazione che spinge a "confermare e ad incentivare l'impegno per contrastare i cambiamenti climatici ai quali -continua la Coldiretti- possono contribuire modelli di consumo piu' responsabili che abbattono l'emissione di gas serra". Ma gli effetti del surriscaldamento "si sono fatti sentire anche in Italia anche se le temperature medie raggiunte hanno classificato il 2010 solo al diciannovesimi posto tra i piu' caldi mai registrati dal 1800, secondo i dati Isac-Cnr".

Fonte: Agenzia Dire
www.dire.it
13 gennaio 2011
TAG:  CLIMA  STAGIONI  CALDO  PIOGGE  NOAA  ALLUVIONI  AUSTRALIA  BRASILE  PAKISTAN  SICCITÀ  ONDATE DI CALORE  INCENDI  SIBERIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork