.
contributo inviato da team_realacci il 10 gennaio 2011
BRUXELLES, 10 GEN - L'Italia e' l'ultima della classe, insieme al Lussemburgo, nel produrre energia rinnovabile. Lo rileva in una recente analisi l'Ewea, la lobby dell'industria eolica europea.

Nel panorama dell'Unione, tracciato nei Piani di azione, gli altri 25 stati membri prevedono - secondo l'Ewea - di poter rispettare gli obiettivi fissati da Bruxelles in materia di energia rinnovabile o addirittura di superarli. Il nostro Paese, sotto di uno 0,9% rispetto alla soglia richiesta del 17%, ha informato la Commissione europea che intende utilizzare il meccanismo di cooperazione per raggiungere il suo obiettivo nazionale. Cio' significa acquistare energia verde da chi ne produce in eccesso. Peggio di noi - in base all'analisi Ewea - sta solo il piccolissimo Lussemburgo con un deficit del 2,1%. Sono 15 i Paesi che prevedono di superare gli obiettivi loro imposti. La piu' virtuosa e' la Bulgaria che superera' il suo target del 2,8%. Seguono la Spagna 2,7%, la Grecia 2,2% l'Ungheria 1,7% la Germania 1,6%, la Slovacchia 1,3%, la Svezia 1,2%, la Lituania 1%, Repubblica Ceca, Polonia e Olanda 0,5%, la Danimarca 0,4%, la Slovenia 0,3% e Malta e Austria 0,2%. Gli altri dieci paesi (Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Irlanda, Lettonia, Portogallo, Romania e Gran Bretagna) chiuderanno il bilancio in pari.

Fonte: Ansa
10 gennaio 2011
TAG:  ENERGIA  RINNOVABILI  PIANI DI AZIONE  EWEA  EOLICO  OBIETTIVI  UE  20-20-20  ITALIA  LUSSEMBURGO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork