.
contributo inviato da verduccifrancesco il 28 dicembre 2010

Il mattino

Secondo le rilevazioni sul campo di Wwf Ricerche e Progetti ed una video inchiesta sul ‘porta a porta’ in 7 quartieri del Comune di Napoli che coinvolge 130.000 abitanti, pari al 13% della popolazione partenopea si sta effettuando con successo la raccolta differenziata che ha ‘risparmiato’ alla discarica ben il 66,09% dei rifiuti prodotti consentendo di recuperare la materia e riducendo il fabbisogno di discariche.

Questo è quanto emerge dal rapporto del Wwf ricerche e sviluppo dopo 2 anni di impegno sul territorio e a contatto diretto con la popolazione. Dal rapporto risulta evidente la volontà dei cittadini ad affrontare il problema rifiuti in termini di raccolta differenziata.

Mentre il governo si dibatte sul problema tenendo la popolazione in una costante situazione di emergenza e le amministrazioni locali (regione e comune) si scaricano a vicenda le responsabilità, i cittadini, coordinati ed aiutati dal Wwf, stanno sperimentando, con successo, nei 7 quartieri la possibilità pratica della soluzione del problema.

Quello dell'emergenza dei rifiuti di Napoli e provincia, dopo la lettura del rapporto del Wwf, sembra sempre più un modo come un altro per sfruttare un problema a fini propagandistici. Ne è prova la denuncia del governatore Caldoro nei confronti della municipalizzata della nettezza urbana e dei rifiuti di Napoli (Asia).

Secondo Caldoro: "Il 95% delle responsabilità e delle competenze è del Comune di Napoli e dell’Asìa. Questo è un dato tecnico  non una polemica politica perché loro gestiscono gli stir e le discariche, oltre a fare spazzamento e conferimento   dunque il 95% del sistema è in testa al Comune”.

Al governatore risponde l'amministratore delegato di Asia Daniele Fortini: “Non so chi dia queste informazioni al presidente Stefano Caldoro e mi dispiace che questo accada. Vedo che ci sono untori che inducono autorità così degne all’errore. Anche da parte nostra non c’è alcun intento polemico, Asìa gestisce solo la raccolta a Napoli e ha la conduzione tecnica della discarica di Terzigno. Gli stir di Giugliano e Tufino sono gestiti dalla Provincia dal primo dicembre, l’impianto di Caivano è gestito da Partenope Ambiente come l’impianto di Acerra. Ogni volta che Acerra non funziona, Asia prende uno schiaffo”.

 

 Come si vede, lo scarica barile è totale. Si affronta il problema in base alle strutture esistenti e su chi e come debba gestirle, nessuno pensa ad una seria gestione del problema che parta dalla base: i cittadini e la raccolta differenziata. Raccolta che, come risulta dal lavoro fatto dal Wwf, i cittadini, con l'adeguato supporto delle istituzioni, saranno in grado di svolgere al meglio.

È ovvio che ciò comporta un impegno che elude interessi politici e di propaganda. Inoltre, non lascerebbe spazio a future campagne "pubblicitarie in favore degli uni o degli altri, ma forse è proprio per questo che l'unico impegno dei nostri politici è quello dell'emergenza. Tenere costantemente in emergenza una situazione serve a giustificare l'inadempienza delle istituzioni, poco importa se va a svantaggio dei cittadini, l'importante è avere qualcosa su cui puntare in caso di crisi politica.

 

Per concludere, il lavoro svolto dal Wwf potrebbe essere un esempio su cui costruire una cultura della raccolta dei rifiuti, sarebbe un delitto affossarlo per ragioni che nulla hanno a che fare con il problema reale. 

TAG:  RIFIUTI  RACCOLTA DIFFERENZIATA  NAPOLI  CALDORO  REGIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork