.
contributo inviato da team_realacci il 22 dicembre 2010
 Roma, 22 dicembre 2010
 
“Oggi il Ministro Prestigiacomo aveva ragione da vendere. Quello che è accaduto nell’aula di Montecitorio è stata un’ulteriore dimostrazione di quanto le questioni ambientali siano indigeste alla pancia di questa maggioranza. La deroga approvata oggi sulla normativa dei rifiuti e inserita a trabocchetto in un decreto che non c’entrava nulla è stata una provocazione che legittima la reazione del Ministro dell’Ambiente”, lo afferma Ermete Realacci responsabile green economy del Pd commentando lo strappo del Ministro Prestigiacomo con il Pdl.
“Il Ministro Prestigiacomo”, aggiunge Realacci, “oggi in aula ha invece confermato, come da noi più volte richiesto e come sollecitato anche dal mondo dell’impresa, l’intenzione di rinviare l’avvio del Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, per consentire la risoluzione dei problemi esistenti. Ma questa è cosa ben diversa da creare cavalli di Troia o zone d’ombra inaccettabili”.
 
Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  AMBIENTE  MAGGIORANZA  PRESTIGIACOMO  PDL  STRAPPO  OSTILE  SISTRI  NORMATIVA RIFIUTI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork