.
contributo inviato da verduccifrancesco il 27 novembre 2010

Reuters

Dopo la visita dei commissari UE, oggi il commissario UE all'Ambiente Janez Potocnik ha dichiarato in una nota che l'Italia rischia una multa per non aver ancora dato applicazione alla sentenza del marzo scorso della Corte di Giustizia europea. Il primo ministro, sempre solerte nei confronti dell'UE, promette che ripulirà Napoli dai rifiuti in 15 giorni per evitare la multa.

Il primo ministro ha inoltre dichiarato di avere ricevuto oggi l'autorizzazione da parte del ministro della Difesa a ricorrere all'esercito in caso di necessità e che in Campania non è prevista l'apertura di nuove discariche.  Riferendosi poi alle regioni Piemonte e Veneto che avevano dichiarato la non disponibilità a ricevere sul loro territorio i rifiuti di Napoli ha detto che, dopo il colloquio avuto con i governatori delle rispettive regioni, si sono detti disponibili qualora ci fosse la necessità.

Per quanto riguarda i termovalorizzatori di Napoli est e Salerno, dopo aver detto di essere preoccupato per i ritardi, ha aggiunto che, fosse per lui, affiderebbe la loro realizzazione  alla stessa azienda che ha realizzato quello di Acerra, cioè "Impregilo".

 

Quale nuovo miracolo avrà in mente il nostro questa volta? Bah, misteri supremi.

TAG:  RIFIUTI  TERMOVALORIZZATORE  NAPOLI  ACERRA  GOVERNO  PRIMO MINISTRO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork